Lavoro 17 Ottobre 2018

Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»

Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera

Immagine articolo

All’urlo di “contratto subito” e “sanità pubblica” e sotto le bandiere dei sindacati che la rappresenta, la dirigenza medica e sanitaria si è oggi riunita sotto l’obelisco di piazza Monte Citorio. Difficile sintetizzare le ragioni della protesta, che si articolano intorno a due punti principali: il mancato rinnovo del contratto dopo 10 anni di attesa e di trattative e il definanziamento del Fondo sanitario nazionale, che rischia di far implodere la sanità pubblica.

I 284 milioni stanziati per i rinnovi dei contratti del personale sanitario e medico nella manovra non sono quindi bastati a placare gli animi: «Equivale ad un aumento di 33 euro al mese, un caffè al giorno. L’elemosina non la accettiamo» commenta Guido Quici, presidente di Cimo.

«Cerchiamo di capire a cosa servono, questi soldi – aggiunge il segretario nazionale della Fp Cgil Medici Andrea Filippi a Sanità Informazione -. Probabilmente saranno utilizzati per finanziare l’aumento del 3,48% da gennaio 2018 e per la perequazione degli 80 euro degli infermieri. Ma non è mica tanto chiaro ancora».

Prima dell’incontro con le Regioni del pomeriggio, a fine mattinata la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice ha incontrato una delegazione in rappresentanza dei manifestanti: «Le questioni espresse ci stanno molto a cuore – ha commentato alla fine dell’incontro –  e, come più volte sottolineato dal ministro Grillo, stiamo cercando di individuare risorse aggiuntive rispetto a quelle previste dai passati governi per il Sistema Sanitario Nazionale. Temi come l’aumento delle borse di studio di specializzazione, il superamento del blocco delle assunzioni, i provvedimenti volti a garantire il giusto riconoscimento economico ai medici ospedalieri che, nonostante le difficoltà in cui operano, fanno del nostro sistema sanitario un’eccellenza al servizio dei cittadini, sono obiettivi al centro del nostro impegno politico».

«Siamo stati ascoltati con attenzione – ha raccontato Alessandra Di Tullio, coordinatrice di Fassid, dopo l’incontro alla Camera – e ci è stato detto che le istanze dei sindacati medici e dirigenti sanitari sono in linea con il programma di Governo. L’accordo stabilito è di una nuova audizione dei sindacati prima della prima giornata di sciopero programmata il 9 novembre prossimo. In particolare – ha aggiunto – la Commissione rimane in attesa delle nostre proposte specifiche di abrogazione dell’articolo 23 comma 2 della Legge Madia e di introdurre nell’accordo per il rinnovo del contratto l’indennità di massa salariale, tramite correttivi alla Legge di bilancio, ma non ci aspettiamo molto».

Da evidenziare inoltre il messaggio che, a manifestazione ancora in corso, il ministro della Salute Giulia Grillo ha lanciato ai medici scesi in piazza: «Il contratto, è un testo stipulato sotto un precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture. Vedremo cosa possiamo fare e troveremo soluzioni nei limiti delle risorse disponibili, ma è un problema che è stato creato da nostri predecessori».

Immediata la risposta di Fp Cgil a queste dichiarazioni, che chiede al Ministro «quale contratto dei medici sarebbe stato firmato e soprattutto da chi e, nel caso, di mostrarcene una copia. Lo diciamo con il rispetto istituzionale che si deve – proseguono la segretaria generale della Fp Cgil Serena Sorrentino ed Andrea Filippi – ma è francamente inaccettabile e vergognoso che il ministro della Salute Grillo non sappia che il contratto nazionale della dirigenza medica e sanitaria non sia stato rinnovato col passato Governo».

«Non possiamo più tollerare questo scaricabarile nel quale si accusano sempre i predecessori – aggiungono il segretario generale della Uil Fpl Michelangelo Librandi ed il coordinatore nazionale Uil Fpl Medici Roberto Bonfili -. Chi oggi è al Governo deve intervenire, i medici e i veterinari hanno subito nel corso di questi ultimi anni una importante perdita del potere di acquisto, parliamo di circa 40.000 euro. Oltre all’erogazione degli stessi aumenti contrattuali previsti per il restante pubblico impiego e alla necessità di risolvere definitivamente l’annosa questione del riconoscimento dell’indennità di esclusività di rapporto nella loro massa salariale, si deve porre fine al blocco del turnover ricordando che mancano circa 20.000 medici, per non parlare della necessità di attivare le borse di studio di specializzazione».

«Siamo qui per difendere il Servizio Sanitario Nazionale – conclude dalla piazza Carlo Palermo, segretario di Anaao Assomed – il cui finanziamento è ampiamente al di sotto delle necessità. E così viene messo in discussione il diritto alle cure dei pazienti. Mancano i soldi? Tassiamo il gioco e le sigarette, e utilizziamo quelle entrate per aumentare il numero delle borse delle scuole di specializzazione».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, ETTORE (FESMED): «NON SCIOPERIAMO SOLO PER L’AUMENTO MA PER METTERE IN SICUREZZA LA SANITÀ PUBBLICA»

Articoli correlati
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»
Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»
Contratto medici, per CIMO-FESMED si deve chiudere parte economica e rinviare parte normativa al CCNL 2019-21
La Federazione lancia anche una petizione su change.org per difendere i medici e supportare la class action contro ARAN e Regioni che entrerà nel vivo in questi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone