Lavoro 17 Ottobre 2018 17:57

Sit in medici, presente anche la FNOMCeO . Il presidente Anelli: «Senza finanziamenti al SSN aumenteranno disuguaglianze»

«Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e non considerare la dignità di una professione. Spero che manifestazione risvegli senso di responsabilità dei politici». L’intervista al presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici

C’era anche buona parte del direttivo FNOMCeO al sit in della dirigenza medica a piazza Monte Citorio. Il presidente Filippo Anelli, il vicepresidente Giovanni Leoni ed il segretario Roberto Monaco sono intervenuti alla manifestazione per «portare solidarietà ai colleghi» e chiedere a Governo e Parlamento di rinnovare un contratto che dia «dignità alla professione». Ma tra le motivazioni che li hanno spinti a scendere in piazza c’è anche un definanziamento del Servizio Sanitario Nazionale che rischia di far aumentare le disuguaglianze: «Se non si investe nella sanità – commenta ai nostri microfoni il presidente Filippo Anelli – la situazione precipiterà».

Presidente, la sua presenza al sit in dei sindacati della dirigenza medica e sanitaria è significativa…

«Oggi la FNOMCeO è presente a questa manifestazione per portare solidarietà a tutti i colleghi e considerare questa rivendicazione una rivendicazione dell’intera professione. Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e, soprattutto, non considerare la dignità di una professione. Il rinnovo di un contratto, infatti, non è soltanto un problema di carattere economico, ma deve anche rispecchiare il cambiamento che abbiamo subito in 10 anni: i servizi sono cambiati e gli episodi di violenza testimoniano la necessità assoluta di garantire sicurezza e serenità durante il lavoro. E questo non si può fare se non attraverso un contratto. Questo è quello che chiediamo oggi al Governo e al Parlamento, che devono prendere coscienza fino in fondo di questa situazione. Credo infatti che le risorse messe a disposizione non siano ancora sufficienti a garantire il rinnovo contrattuale di decine di migliaia di professionisti che si sono presi in carico l’assistenza dei cittadini, talvolta con sacrifici anche di carattere personale».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, GRASSELLI (FVM): «STIAMO ANDANDO VERSO IL PRECIPIZIO: SANITA’ A RISCHIO PER 60 MILIONI DI ITALIANI. IL GOVERNO DIA RISPOSTE»

Sul piatto c’è anche la sopravvivenza della sanità pubblica. Che cosa rischiano i cittadini in assenza di finanziamenti per il Servizio Sanitario Nazionale?

«L’aumento delle disuguaglianze. Oggi, nonostante tutto, i livelli di assistenza sono buoni, Bloomberg ci ha classificato al quarto posto al mondo per efficienza delle cure e aspettativa di vita. Però abbiamo pagato un prezzo molto alto: nelle città chi abita al centro rispetto alle periferie ha aspettative di vita diverse; chi abita al Nord ha un’aspettativa diversa rispetto al Sud. Per evitare che la situazione precipiti bisogna investire nella sanità».

Che reazioni vi aspettate da parte delle istituzioni?

«Io mi aspetto grande attenzione perché la sanità è un settore che non può essere dimenticato. È strano vedere dei professionisti in piazza protestare, ma penso che una manifestazione di questo genere possa risvegliare un po’ il senso di responsabilità nei politici e darci delle risposte precise».

Articoli correlati
Covid-19, quasi 300 medici deceduti. Anelli (FNOMCeO): «Una vera e propria strage»
Dalla mancanza di Dpi alla disorganizzazione di alcune strutture, il Presidente della FNOMCeO spiega a Sanità Informazione perché gli operatori sanitari sono ancora così colpiti dalla pandemia. E sui medici “no-vax” aggiunge: «Si pongono fuori dalla comunità scientifica»
Elezioni Ordini professioni sanitarie, pubblicata in Gazzetta Ufficiale la proroga al 31 gennaio 2021
La durata degli ordini in carica viene inoltre prorogata fino alla proclamazione dei nuovi eletti e comunque non oltre la stessa data. Sono fatte salve ovviamente le elezioni degli ordini già effettuate al momento dell’entrata in vigore dell’ordinanza
Bozza Piano pandemico, Muzzetto (FNOMCeO): «Evitare scenario “da guerra”»
Secondo la bozza del Piano pandemico, con risorse insufficienti bisogna «fornire trattamenti necessari preferenzialmente a quei pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio». Ecco cosa ne pensa il Presidente della Consulta Deontologica Nazionale della Federazione
Vaccino, Anelli (FNOMCeO) scrive a Speranza: «È il miglior DPI, somministrarlo a tutti i medici e odontoiatri»
«È necessario e urgente, ed è quanto ufficialmente Le chiedo Onorevole Ministro, che sia fatta chiarezza circa l’inserimento nel programma vaccinale SARS-CoV-2 di tutti i professionisti medici e odontoiatri, dei diversi ambiti di dipendenza, di convenzionamento ma anche in regime libero professionale»
“Ogni vita conta”: nuovo spot FNOMCeO dedicato ai medici impegnati contro il Covid-19
«La campagna “Ogni vita conta” vuole rendere omaggio agli oltre 260 medici che finora hanno dato la vita per combattere l'epidemia di Covid-19», spiega il Presidente della Federazione, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»