Lavoro 17 Ottobre 2018

Sit in medici, presente anche la FNOMCeO . Il presidente Anelli: «Senza finanziamenti al SSN aumenteranno disuguaglianze»

«Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e non considerare la dignità di una professione. Spero che manifestazione risvegli senso di responsabilità dei politici». L’intervista al presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici

C’era anche buona parte del direttivo FNOMCeO al sit in della dirigenza medica a piazza Monte Citorio. Il presidente Filippo Anelli, il vicepresidente Giovanni Leoni ed il segretario Roberto Monaco sono intervenuti alla manifestazione per «portare solidarietà ai colleghi» e chiedere a Governo e Parlamento di rinnovare un contratto che dia «dignità alla professione». Ma tra le motivazioni che li hanno spinti a scendere in piazza c’è anche un definanziamento del Servizio Sanitario Nazionale che rischia di far aumentare le disuguaglianze: «Se non si investe nella sanità – commenta ai nostri microfoni il presidente Filippo Anelli – la situazione precipiterà».

Presidente, la sua presenza al sit in dei sindacati della dirigenza medica e sanitaria è significativa…

«Oggi la FNOMCeO è presente a questa manifestazione per portare solidarietà a tutti i colleghi e considerare questa rivendicazione una rivendicazione dell’intera professione. Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e, soprattutto, non considerare la dignità di una professione. Il rinnovo di un contratto, infatti, non è soltanto un problema di carattere economico, ma deve anche rispecchiare il cambiamento che abbiamo subito in 10 anni: i servizi sono cambiati e gli episodi di violenza testimoniano la necessità assoluta di garantire sicurezza e serenità durante il lavoro. E questo non si può fare se non attraverso un contratto. Questo è quello che chiediamo oggi al Governo e al Parlamento, che devono prendere coscienza fino in fondo di questa situazione. Credo infatti che le risorse messe a disposizione non siano ancora sufficienti a garantire il rinnovo contrattuale di decine di migliaia di professionisti che si sono presi in carico l’assistenza dei cittadini, talvolta con sacrifici anche di carattere personale».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, GRASSELLI (FVM): «STIAMO ANDANDO VERSO IL PRECIPIZIO: SANITA’ A RISCHIO PER 60 MILIONI DI ITALIANI. IL GOVERNO DIA RISPOSTE»

Sul piatto c’è anche la sopravvivenza della sanità pubblica. Che cosa rischiano i cittadini in assenza di finanziamenti per il Servizio Sanitario Nazionale?

«L’aumento delle disuguaglianze. Oggi, nonostante tutto, i livelli di assistenza sono buoni, Bloomberg ci ha classificato al quarto posto al mondo per efficienza delle cure e aspettativa di vita. Però abbiamo pagato un prezzo molto alto: nelle città chi abita al centro rispetto alle periferie ha aspettative di vita diverse; chi abita al Nord ha un’aspettativa diversa rispetto al Sud. Per evitare che la situazione precipiti bisogna investire nella sanità».

Che reazioni vi aspettate da parte delle istituzioni?

«Io mi aspetto grande attenzione perché la sanità è un settore che non può essere dimenticato. È strano vedere dei professionisti in piazza protestare, ma penso che una manifestazione di questo genere possa risvegliare un po’ il senso di responsabilità nei politici e darci delle risposte precise».

Articoli correlati
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
Italiani sempre più vecchi. Censis: «Non autosufficienti in crescita: +25% in 10 anni». Aumenta ricorso al privato
Pubblicato il 53esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Su 100 prestazioni rientranti nei LEA che i cittadini hanno provato a prenotare nel pubblico, quasi un terzo è finito nella sanità a pagamento. FNOMCeO: «Ancora troppe disuguaglianze in sanità»
Sanità, Filippo Anelli (FNOMCeO): «Ricetta di Speranza giusta per rilanciare SSN»
Pieno appoggio della Federazione degli Ordini dei Medici alle proposte del Ministro su personale, specializzandi e retribuzioni. Il Presidente Filippo Anelli non arretra sulle competenze del medico dopo il botta e risposta con Alessandro Beux: «Il Codice Deontologico parla chiaro: il medico esercita attività basate sulle competenze, specifiche ed esclusive»
Contratto, sindacati guardano già al 2019-2021. Grasselli (Cosmed): «Premiare medici che lavorano in aree marginali»
Al Convegno “Quale futuro per contratti e pensioni” organizzato dalla Confederazione Sindacale Medici e Dirigenti si è parlato molto di come incrementare le parti variabili del salario: «È necessario abrogare il comma 2 articolo 23 della Legge Madia: non ha più alcuna utilità, non ha generato alcun risparmio perché di fatto provoca distorsioni applicative in tutti i territori» sottolinea il segretario aggiunto Cosmed Aldo Grasselli
Professioni sanitarie, Beux ad Anelli (FNOMCeO): «La sanità non è del medico»
La lettera aperta del presidente della Federazione nazionale degli Ordini TSRM-PSTRP dopo le polemiche nate dall'adozione della delibera del Veneto che estende le competenze dei profili delle professioni sanitarie senza aver consultato i rappresentanti dei medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...