Lavoro 27 settembre 2018

Contratto, Grasselli (FVM): «Stiamo andando verso il precipizio: sanità a rischio per 60 milioni di italiani. Il Governo dia risposte»

Anche la Federazione Veterinari e Medici aderisce allo stato di agitazione annunciato dall’Intersindacale: «O c’è un disegno dietro a tutto questo, o l’ottusità delle forze politiche»

«Il Servizio Sanitario Nazionale sta precipitando. O c’è un disegno dietro a tutto questo, o un’ottusità delle forze politiche che non sono in grado di dare una svolta ad un sistema fondamentale». Non usa mezzi termini Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Veterinari e Medici. Intervenuto insieme a tutti i sindacati della dirigenza medica alla conferenza stampa in cui sono stati annunciati il blocco delle trattative per il rinnovo del contratto e lo stato di agitazione per la preoccupazione legata ad un SSN sempre più in crisi, fa sentire anche la voce della Federazione.

Fa presto, Grasselli, a spiegare a cosa si riferisca il «tutto questo» di cui parla: «Le tutele sanitarie di 60 milioni di italiani sono fortemente a rischio per una serie di fattori che stanno convergendo – spiega ai nostri microfoni -: il primo è che non c’è stata programmazione nel ricambio generazionale, e abbiamo quindi solo medici anziani che non vedono l’ora di poter andare in pensione. E se passerà la quota 100, ovviamente molti di questi lasceranno un posto di lavoro insoddisfacente dal punto di vista economico e delle condizioni di lavoro, quindi i cittadini avranno meno assistenza. E di fronte a una minore assistenza l’aggressività nei confronti dei colleghi che rimarranno aumenterà, perché la gente ha bisogno di cure che non gli vengono date».

«A questo – prosegue Grasselli – si aggiunge il fatto che il nostro contratto, l’ultimo contratto di tutto il pubblico impiego, non viene finanziato. Ora, non si tratta di cifre esorbitanti, anche perché negli ultimi dieci anni il personale medico è sceso del 10%, quindi c’è stato un risparmio del 10% della spesa sul personale. Quindi non si tratta di spendere di più, si tratta di spendere quello che spendevamo nel 2010 più gli incrementi contrattuali che sono stati riconosciuti a tutti gli altri comparti: la nostra richiesta del 3,48% per il 2018 altro non è che quello che viene dato a tutti».

«Sembra che tagliando la testa al SSN – aggiunge preoccupato il presidente FVM -, quindi riducendo la risposta dei medici e dei dirigenti sanitari, si possa uccidere questo sistema. Stiamo andando veramente verso il precipizio. Non abbiamo assunzioni perché non c’è stata programmazione sulle specializzazioni, per cui abbiamo settori completamente carenti. Insomma, non vediamo prospettive».

Sull’incontro avvenuto ieri con il ministro della Salute, Grasselli dice di apprezzare la disponibilità e l’impegno assicurato dalla Grillo, ma «sappiamo bene che chi decide su queste partite sono il ministro dell’Economia, il ministro della Funzione Pubblica e le Regioni. Quindi – conclude – vogliamo che il Governo nel suo complesso ci dia una risposta, non possiamo accontentarci di una trattativa tecnica che, in prossimità della Legge di bilancio che decide le sorti di questo Paese, non abbia dato una risposta politica sui temi che abbiamo messo sul tavolo più di un anno fa».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, QUICI (CIMO): «A QUESTE CONDIZIONI NON FIRMIAMO». E PROPONE PASSAGGIO MEDICI SOTTO MINISTERO SALUTE

Articoli correlati
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
Sit in medici, presente anche la FNOMCeO . Il presidente Anelli: «Senza finanziamenti al SSN aumenteranno disuguaglianze»
«Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e non considerare la dignità di una professione. Spero che manifestazione risvegli senso di responsabilità dei politici». L’intervista al presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...