Formazione 23 Ottobre 2018

Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»

«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»

Immagine articolo

«Ci sono cose che apprezziamo solo dopo averle perse, perché le diamo per scontate. Come l’elettricità nelle nostre case, l’aria che respiriamo.  O la libertà. Accadrà la stessa cosa per il Servizio Sanitario Nazionale. La popolazione non ha la percezione della sua importanza». Il malinconico paragone e la triste previsione sono di Benedetto Magliozzi, segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti.

Lo abbiamo incontrato al sit-in dei medici e della dirigenza sanitaria a Montecitorio, che ha avviato la protesta della categoria per il mancato rinnovo del contratto ed il definanziamento della sanità pubblica. Una manifestazione che sarà seguita, nelle prossime settimane, da altre iniziative, non solo per dar voce al malcontento della categoria, ma anche per rendere i cittadini più consapevoli dei rischi che, stando così le cose, la sanità pubblica potrebbe correre.

«Innanzitutto vogliamo salvare il Sistema Sanitario Nazionale – prosegue Magliozzi spiegando le ragioni della protesta -. Ma poi ci creano grossi problemi i dieci anni di mancato rinnovo del contratto, la totale indisponibilità di questo Governo a prendere impegni di qualsiasi tipo, la continua fuga dei pochi giovani che vengono formati. Nei prossimi anni avremo una vera e propria ritirata di colleghi che andranno in pensione, e purtroppo da 15 anni non assumiamo giovani leve. Il SSN pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso, e la completa assenza delle istituzioni ci preoccupa».

LEGGI ANCHE: SIT-IN MEDICI, PRESENTE ANCHE LA FNOMCEO. IL PRESIDENTE ANELLI: «SENZA FINANZIAMENTI AL SSN AUMENTERANNO DISUGUAGLIANZE»

Le istituzioni, o meglio il Governo, nella legge di Bilancio hanno in realtà previsto, tra le altre cose, fondi per abbattere le liste d’attesa, il Cup nazionale, 284 milioni di euro per i rinnovi contrattuali; ma non è sufficiente, per i sindacati. Non per salvare un settore già sull’orlo del precipizio. Tra le misure elencate nel comunicato che spiega la manovra, ce n’è una che ha creato particolare scompiglio: l’abolizione del numero chiuso a medicina. Annunci a cui sono seguiti passi indietro e comunicati riparatori, per cui di fatto oggi si parla di un progressivo aumento dei posti, che potrebbe poi portare al superamento dell’attuale sistema di selezione.

«Si è trattata dell’ennesima fake news – commenta il dottor Magliozzi – che in questo delirio comunicativo viaggiano con una certa velocità. Ad ogni modo, noi siamo per una riprogrammazione del numero chiuso, che così com’è ha fallito. Va riprogrammato sia l’accesso alla facoltà di medicina che l’accesso alla specializzazione. Oggi ci sono specializzazioni che vanno completamente deserte, dall’ortopedia alla ginecologia, la radiologia o l’anestesia. Ma comunque i circa 8-9mila specialisti l’anno che formiamo saranno assolutamente insufficienti a rimpiazzare i pensionamenti, che con la quota 100 potranno essere 20mila se non 30mila. Ecco perché bisogna cambiare tutto» conclude Magliozzi.

LEGGI ANCHE: ALLARME CHIRURGHI, MARINI (ACOI): «SPECIALITÀ SCELTA SOLO 90 GIOVANI. SIAMO TRA I MIGLIORI AL MONDO, APPELLO ALLE ISTITUZIONI»

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»
Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...