Lavoro 23 Ottobre 2018

Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»

«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»

Immagine articolo

«Ci sono cose che apprezziamo solo dopo averle perse, perché le diamo per scontate. Come l’elettricità nelle nostre case, l’aria che respiriamo.  O la libertà. Accadrà la stessa cosa per il Servizio Sanitario Nazionale. La popolazione non ha la percezione della sua importanza». Il malinconico paragone e la triste previsione sono di Benedetto Magliozzi, segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti.

Lo abbiamo incontrato al sit-in dei medici e della dirigenza sanitaria a Montecitorio, che ha avviato la protesta della categoria per il mancato rinnovo del contratto ed il definanziamento della sanità pubblica. Una manifestazione che sarà seguita, nelle prossime settimane, da altre iniziative, non solo per dar voce al malcontento della categoria, ma anche per rendere i cittadini più consapevoli dei rischi che, stando così le cose, la sanità pubblica potrebbe correre.

«Innanzitutto vogliamo salvare il Sistema Sanitario Nazionale – prosegue Magliozzi spiegando le ragioni della protesta -. Ma poi ci creano grossi problemi i dieci anni di mancato rinnovo del contratto, la totale indisponibilità di questo Governo a prendere impegni di qualsiasi tipo, la continua fuga dei pochi giovani che vengono formati. Nei prossimi anni avremo una vera e propria ritirata di colleghi che andranno in pensione, e purtroppo da 15 anni non assumiamo giovani leve. Il SSN pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso, e la completa assenza delle istituzioni ci preoccupa».

LEGGI ANCHE: SIT-IN MEDICI, PRESENTE ANCHE LA FNOMCEO. IL PRESIDENTE ANELLI: «SENZA FINANZIAMENTI AL SSN AUMENTERANNO DISUGUAGLIANZE»

Le istituzioni, o meglio il Governo, nella legge di Bilancio hanno in realtà previsto, tra le altre cose, fondi per abbattere le liste d’attesa, il Cup nazionale, 284 milioni di euro per i rinnovi contrattuali; ma non è sufficiente, per i sindacati. Non per salvare un settore già sull’orlo del precipizio. Tra le misure elencate nel comunicato che spiega la manovra, ce n’è una che ha creato particolare scompiglio: l’abolizione del numero chiuso a medicina. Annunci a cui sono seguiti passi indietro e comunicati riparatori, per cui di fatto oggi si parla di un progressivo aumento dei posti, che potrebbe poi portare al superamento dell’attuale sistema di selezione.

«Si è trattata dell’ennesima fake news – commenta il dottor Magliozzi – che in questo delirio comunicativo viaggiano con una certa velocità. Ad ogni modo, noi siamo per una riprogrammazione del numero chiuso, che così com’è ha fallito. Va riprogrammato sia l’accesso alla facoltà di medicina che l’accesso alla specializzazione. Oggi ci sono specializzazioni che vanno completamente deserte, dall’ortopedia alla ginecologia, la radiologia o l’anestesia. Ma comunque i circa 8-9mila specialisti l’anno che formiamo saranno assolutamente insufficienti a rimpiazzare i pensionamenti, che con la quota 100 potranno essere 20mila se non 30mila. Ecco perché bisogna cambiare tutto» conclude Magliozzi.

LEGGI ANCHE: ALLARME CHIRURGHI, MARINI (ACOI): «SPECIALITÀ SCELTA SOLO 90 GIOVANI. SIAMO TRA I MIGLIORI AL MONDO, APPELLO ALLE ISTITUZIONI»

Articoli correlati
«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)
Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà di area sanitaria e poi selezione in base agli esami e a un test
Contratto medici, nuova bozza ARAN sul tavolo. Ma il fronte sindacale resta diviso
In attesa del via libera da parte del Mef sul nuovo Atto d’indirizzo, ripartono le trattative con l’obiettivo di chiudere entro fine luglio. Filippi (Cgil): «Possiamo ottenere grandi risultati». Quici (Cimo – Fesmed): «Testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, è dichiarazione di guerra»
Contratto, Quici (CIMO-FESMED): «A chi conviene un medico demotivato e mal pagato?»
«Storia di un contratto che le istituzioni non vogliono fare». Le riflessioni del presidente della Federazione CIMO-FESMED Guido Quici sul contratto della dirigenza medica e sanitaria
Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»
Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»
Contratto medici, CIMO-FESMED: «La nuova proposta Aran è scivolosa e penalizza i giovani»
La Federazione: «Il mantenimento del fondo di posizione dei medici consentirebbe di utilizzare le risorse disponibili anche a beneficio di giovani colleghi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...