Formazione 23 Ottobre 2018

Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»

«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»

Immagine articolo

«Ci sono cose che apprezziamo solo dopo averle perse, perché le diamo per scontate. Come l’elettricità nelle nostre case, l’aria che respiriamo.  O la libertà. Accadrà la stessa cosa per il Servizio Sanitario Nazionale. La popolazione non ha la percezione della sua importanza». Il malinconico paragone e la triste previsione sono di Benedetto Magliozzi, segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti.

Lo abbiamo incontrato al sit-in dei medici e della dirigenza sanitaria a Montecitorio, che ha avviato la protesta della categoria per il mancato rinnovo del contratto ed il definanziamento della sanità pubblica. Una manifestazione che sarà seguita, nelle prossime settimane, da altre iniziative, non solo per dar voce al malcontento della categoria, ma anche per rendere i cittadini più consapevoli dei rischi che, stando così le cose, la sanità pubblica potrebbe correre.

«Innanzitutto vogliamo salvare il Sistema Sanitario Nazionale – prosegue Magliozzi spiegando le ragioni della protesta -. Ma poi ci creano grossi problemi i dieci anni di mancato rinnovo del contratto, la totale indisponibilità di questo Governo a prendere impegni di qualsiasi tipo, la continua fuga dei pochi giovani che vengono formati. Nei prossimi anni avremo una vera e propria ritirata di colleghi che andranno in pensione, e purtroppo da 15 anni non assumiamo giovani leve. Il SSN pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso, e la completa assenza delle istituzioni ci preoccupa».

LEGGI ANCHE: SIT-IN MEDICI, PRESENTE ANCHE LA FNOMCEO. IL PRESIDENTE ANELLI: «SENZA FINANZIAMENTI AL SSN AUMENTERANNO DISUGUAGLIANZE»

Le istituzioni, o meglio il Governo, nella legge di Bilancio hanno in realtà previsto, tra le altre cose, fondi per abbattere le liste d’attesa, il Cup nazionale, 284 milioni di euro per i rinnovi contrattuali; ma non è sufficiente, per i sindacati. Non per salvare un settore già sull’orlo del precipizio. Tra le misure elencate nel comunicato che spiega la manovra, ce n’è una che ha creato particolare scompiglio: l’abolizione del numero chiuso a medicina. Annunci a cui sono seguiti passi indietro e comunicati riparatori, per cui di fatto oggi si parla di un progressivo aumento dei posti, che potrebbe poi portare al superamento dell’attuale sistema di selezione.

«Si è trattata dell’ennesima fake news – commenta il dottor Magliozzi – che in questo delirio comunicativo viaggiano con una certa velocità. Ad ogni modo, noi siamo per una riprogrammazione del numero chiuso, che così com’è ha fallito. Va riprogrammato sia l’accesso alla facoltà di medicina che l’accesso alla specializzazione. Oggi ci sono specializzazioni che vanno completamente deserte, dall’ortopedia alla ginecologia, la radiologia o l’anestesia. Ma comunque i circa 8-9mila specialisti l’anno che formiamo saranno assolutamente insufficienti a rimpiazzare i pensionamenti, che con la quota 100 potranno essere 20mila se non 30mila. Ecco perché bisogna cambiare tutto» conclude Magliozzi.

LEGGI ANCHE: ALLARME CHIRURGHI, MARINI (ACOI): «SPECIALITÀ SCELTA SOLO 90 GIOVANI. SIAMO TRA I MIGLIORI AL MONDO, APPELLO ALLE ISTITUZIONI»

Articoli correlati
Facoltà di Medicina di Ferrara, ecco com’è andata la sperimentazione. Il rettore: «Test è sistema selettivo inidoneo»
All’Università di Ferrara primo anno con 600 studenti di Medicina, il triplo degli anni passati. Zauli: «Siamo riusciti a erogare lezioni frontali ed esercitazioni. Con il test d'ingresso selezioniamo in maniera non ottimale chi entra a Medicina e perdiamo per strada potenziali ottimi medici»
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
Test Medicina, Consulcesi: «50mila non diventeranno medici. Con la prova a crocette a farcela non saranno solo i più bravi, anche i più furbi»
Ogni anno 18mila potenziali ricorrenti e migliaia di riammissioni bocciano il Numero Chiuso. Il presidente Massimo Tortorella «Duemila iscritti in meno scoraggiati dal sistema anti-meritocratico. Vigileremo sulla regolarità della prova in tutte le università italiane»
«Rischioso aderire al Mes senza un progetto per il futuro della sanità». Intervista al presidente Cimo-Fesmed Guido Quici
«Questa è una vera opportunità per riformare il SSN. Servono ospedali flessibili, continuità con il territorio e centralità della professione. Ora la politica ci strumentalizza, poi finirà tutto nel dimenticatoio. Se sono sinceri, ci convochino per il nuovo contratto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...