Lavoro 16 Ottobre 2018

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa disincentivano i giovani». La Sic rinnova il consiglio direttivo: Paolo De Paolis nuovo presidente

Probabilmente è il più grande congresso scientifico della storia della chirurgia. O almeno è stato giudicato tale. Riuniti per quattro giorni sotto la straordinaria Nuvola di Fuksas, a Roma, i chirurghi italiani si interrogano sulla loro identità, la loro formazione ed il loro futuro. ‘Saper Essere Chirurghi: Insieme con una sola identità’ è infatti il titolo del congresso congiunto delle società scientifiche italiane di chirurgia: Acoi (Associazione chirurghi ospedalieri italiani) Sic (Società italiana chirurgia), che in occasione dell’incontro ha rinnovato il consiglio direttivo per il biennio 2018-2020: il nuovo presidente è Paolo De Paolis, che sarà affiancato dal segretario generale Andrea Renda e dal segretario tesoriere Luciano Landa. Inoltre, il consiglio è composto da Giuseppe Petrella (con delega alle relazioni istituzionali), Giambattista Catalini, Massimo Falconi, Vincenzo Landolfi, Mario Martinotti, Giuseppe Navarra, Micaela Piccoli e Franco Roviello. Presidente eletto per il biennio 2020-2022, infine, è Francesco Basile.

Come spiega ai nostri microfoni Pierluigi Marini, presidente di Acoi, sono diversi i messaggi che il mondo della chirurgia lancia dal congresso: «Da questo grandissimo congresso partiranno messaggi scientifici di altissimo livello, ma chiediamo anche alle istituzioni di sostenere la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte, e deve continuare a poter essere un riferimento per tutto il mondo. Ricordiamoci che, piaccia o meno, dei chirurghi non si può fare e meno, e vanno sostenuti anche da un punto di vista tecnologico, perché tecnologia vuol dire qualità e la buona qualità si riflette sul buon outcome dei nostri pazienti. E poi il congresso intende mandare anche messaggi tranquillizzanti ai giovani, che hanno deciso di non scegliere più di fare il chirurgo».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA, L’ASSURDA CRISI ITALIANA. MARINI (ACOI): «SIAMO I PIU BRAVI, MA DOVREMO ASSUMERE STRANIERI»

Preoccupante, infatti, il dato presentato da Marini relativo ai giovani medici che intendono diventare chirurgo: «Quest’anno meno di 90 studenti hanno selezionato la chirurgia generale come prima scelta nel concorso nazionale per le scuole di specializzazione. Andando avanti di questo passo, non avremo più chirurghi italiani in questo Paese». Tanti i motivi alla base di questa disaffezione, a cominciare dal contenzioso medico-legale, «diventato ormai un fenomeno insopportabile» a detta di Marini, e dal costo delle assicurazioni professionali: «Un giovane chirurgo che inizia a lavorare – spiega Marini – deve spendere tutto quello che guadagna per farsi un’assicurazione. Avevamo molto sperato nella legge Gelli, che tuttavia dopo due anni ancora giace in Parlamento in attesa del decreto attuativo proprio sulle assicurazioni».

«Poi è un lavoro difficile – prosegue il presidente Acoi –, per il quale è difficile formarsi e poi è difficile entrare nel mondo del lavoro, tenendo sempre in considerazione che i nostri stipendi sono tra i peggiori d’Europa. Ecco perché la Svizzera sta facendo man bassa di neo-specialisti italiani: lì è facile inziare a lavorare e si guadagna tre volte di più rispetto all’Italia. Se a questo ci aggiungiamo anche il problema del contenzioso medico-legale – conclude Marini – diventa veramente difficile convincere i giovani a fare questo lavoro, che comunque rimane il più bello che io conosca».

LEGGI ANCHE: GIULIANO TESTA, IL CHIRURGO ITALIANO PIÙ ‘INFLUENTE’ DEL MONDO PREMIATO DA TIME: «NEGLI USA SI PUÒ FARE CHIRURGIA DA GIOVANI»

Articoli correlati
Contenziosi in chirurgia, Petrella (SIC): «Campagne sui media che invitano a denunciare offendono nostra onorabilità»
Il Vice Presidente della Società Italiana di Chirurgia torna sul tema del contenzioso medico-paziente, fenomeno che vede i chirurghi tra i più colpiti: «La legge Gelli ha modificato alcune cose, però ogni legge è perfettibile e bisognerà lavorare ancora molto sulle problematiche connesse all’attività chirurgica»
Chirurgia, troppi oneri e pochi onori: è “crisi di vocazione” tra boom di denunce e rischio aggressioni
Il vicepresidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani Vincenzo Bottino: «Nonostante l’aumento delle borse di specializzazione permangono lacune nella formazione»
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
La rivista scientifica della Società Italiana di Chirurgia è l’ottava più autorevole al mondo
Il presidente SIC Paolo De Paolis: «È un successo di tutta la chirurgia italiana»
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone