Lavoro 16 ottobre 2018

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa disincentivano i giovani». La Sic rinnova il consiglio direttivo: Paolo De Paolis nuovo presidente

Probabilmente è il più grande congresso scientifico della storia della chirurgia. O almeno è stato giudicato tale. Riuniti per quattro giorni sotto la straordinaria Nuvola di Fuksas, a Roma, i chirurghi italiani si interrogano sulla loro identità, la loro formazione ed il loro futuro. ‘Saper Essere Chirurghi: Insieme con una sola identità’ è infatti il titolo del congresso congiunto delle società scientifiche italiane di chirurgia: Acoi (Associazione chirurghi ospedalieri italiani) Sic (Società italiana chirurgia), che in occasione dell’incontro ha rinnovato il consiglio direttivo per il biennio 2018-2020: il nuovo presidente è Paolo De Paolis, che sarà affiancato dal segretario generale Andrea Renda e dal segretario tesoriere Luciano Landa. Inoltre, il consiglio è composto da Giuseppe Petrella (con delega alle relazioni istituzionali), Giambattista Catalini, Massimo Falconi, Vincenzo Landolfi, Mario Martinotti, Giuseppe Navarra, Micaela Piccoli e Franco Roviello. Presidente eletto per il biennio 2020-2022, infine, è Francesco Basile.

Come spiega ai nostri microfoni Pierluigi Marini, presidente di Acoi, sono diversi i messaggi che il mondo della chirurgia lancia dal congresso: «Da questo grandissimo congresso partiranno messaggi scientifici di altissimo livello, ma chiediamo anche alle istituzioni di sostenere la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte, e deve continuare a poter essere un riferimento per tutto il mondo. Ricordiamoci che, piaccia o meno, dei chirurghi non si può fare e meno, e vanno sostenuti anche da un punto di vista tecnologico, perché tecnologia vuol dire qualità e la buona qualità si riflette sul buon outcome dei nostri pazienti. E poi il congresso intende mandare anche messaggi tranquillizzanti ai giovani, che hanno deciso di non scegliere più di fare il chirurgo».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA, L’ASSURDA CRISI ITALIANA. MARINI (ACOI): «SIAMO I PIU BRAVI, MA DOVREMO ASSUMERE STRANIERI»

Preoccupante, infatti, il dato presentato da Marini relativo ai giovani medici che intendono diventare chirurgo: «Quest’anno meno di 90 studenti hanno selezionato la chirurgia generale come prima scelta nel concorso nazionale per le scuole di specializzazione. Andando avanti di questo passo, non avremo più chirurghi italiani in questo Paese». Tanti i motivi alla base di questa disaffezione, a cominciare dal contenzioso medico-legale, «diventato ormai un fenomeno insopportabile» a detta di Marini, e dal costo delle assicurazioni professionali: «Un giovane chirurgo che inizia a lavorare – spiega Marini – deve spendere tutto quello che guadagna per farsi un’assicurazione. Avevamo molto sperato nella legge Gelli, che tuttavia dopo due anni ancora giace in Parlamento in attesa del decreto attuativo proprio sulle assicurazioni».

«Poi è un lavoro difficile – prosegue il presidente Acoi –, per il quale è difficile formarsi e poi è difficile entrare nel mondo del lavoro, tenendo sempre in considerazione che i nostri stipendi sono tra i peggiori d’Europa. Ecco perché la Svizzera sta facendo man bassa di neo-specialisti italiani: lì è facile inziare a lavorare e si guadagna tre volte di più rispetto all’Italia. Se a questo ci aggiungiamo anche il problema del contenzioso medico-legale – conclude Marini – diventa veramente difficile convincere i giovani a fare questo lavoro, che comunque rimane il più bello che io conosca».

LEGGI ANCHE: GIULIANO TESTA, IL CHIRURGO ITALIANO PIÙ ‘INFLUENTE’ DEL MONDO PREMIATO DA TIME: «NEGLI USA SI PUÒ FARE CHIRURGIA DA GIOVANI»

Articoli correlati
Gelo nemico del cuore, freddo e fatica aumentano il rischio di infarto
La Società Italiana di Cardiologia conferma: relazione pericolosa tra bassa temperatura e sforzo fisico, che fa salire al 34% il pericolo di infarto in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Indolfi (Sic): «questo vale per i soggetti che non sono in salute e che presentano fattori di rischio cardiovascolare»
di Lucia Oggianu
Chirurgia post-bariatrica, è boom. De Santis (Sicpre): «Dopo perdita peso, bisogna affrontare il rilassamento cutaneo»
«Nuove metodiche prevengono le complicanze e riducono i costi». L’intervista al professore ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena
Chirurgia, la cartilagine del naso rigenera quella del ginocchio. Primo intervento a Milano
Primo intervento chirurgico in Italia di riparazione della cartilagine articolare del ginocchio utilizzando cellule prelevate dal setto nasale. Lo ha eseguito il professor Giuseppe Peretti, responsabile EUORR (Equipé Universitaria di Ortopedia Rigenerativa e Ricostruttiva) dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano e docente presso l’Università degli Studi di Milano. Questo primo intervento si colloca nell’ambito di uno […]
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Napoli, al Moraldi intervento di chirurgia addominale con il robot
Il Monaldi di Napoli inaugura la chirurgia addominale robotica. L’intervento, è stato effettuato per “riparare” la parte addominale di una signora di 80 anni. L’anziana donna soffriva di pericolose crisi occlusive recidivanti: i medici hanno inserito una protesi tra i muscoli addominali, evitando, con la strumentazione hi-tech, il contatto con le viscere e tutte le possibili conseguenze come, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano