Mondo 27 Aprile 2018 10:54

Giuliano Testa, il chirurgo italiano più ‘influente’ del mondo premiato da Time: «Negli Usa si può fare chirurgia da giovani»

È stato selezionato dalla rivista americana come una delle cento persone più influenti del mondo del 2018. Ha effettuato il primo trapianto di utero negli Stati Uniti in una donna che ha poi avuto un bambino. Lavora al Baylor University Medical Center di Dallas. Tornare in Italia? «La realtà della medicina che conosco è quella americana»

Giuliano Testa, il chirurgo italiano più ‘influente’ del mondo premiato da Time: «Negli Usa si può fare chirurgia da giovani»

«Un giorno, ad un congresso di bioetica, ho sentito parlare per la prima volta di trapianto di utero. Mi ha appassionato e ho iniziato a studiarlo». Parte da qui la strada che ha portato Giuliano Testa, chirurgo padovano che lavora al Baylor University Medical Center di Dallas, ad essere selezionato dalla rivista Time come una delle cento persone più influenti del mondo del 2018. Ha eseguito il primo trapianto di utero negli Stati Uniti che ha permesso alla paziente di diventare mamma. Ed è proprio lei che ha scritto la presentazione del chirurgo Testa: «Sono nata senza utero e mi è sempre stato detto che non sarei stata in grado di partorire. Nel 2016 ho incontrato Giuliano Testa, che aveva riunito un team di esperti per una sperimentazione clinica, e sono stata una delle dieci donne selezionate per partecipare. Dopo alcuni mesi avevo un utero funzionante e lo scorso novembre ho partorito un bel bambino in salute. È stato l’onore della mia vita essere una piccola parte del miracolo del dottor Testa».

«Non mi aspettavo assolutamente di ricevere questo importante riconoscimento – dichiara Testa a Sanità Informazione – ma mi rende orgoglioso. È sempre una cosa bella quando qualcuno che non ha niente a che vedere con il tuo campo riconosce il valore di quello che hai fatto». E, come ha sottolineato la paziente, il lavoro del dottor Testa permette veramente di dare una speranza a quelle donne che si sono sentite dire che non avrebbero potuto dare alla luce un figlio perché nate senza utero o con utero non funzionante.

«Sono 22 anni che faccio trapianti di fegato, rene e altri organi addominali – ci racconta – Quando ho sentito parlare di trapianto di utero sono riuscito a convincere l’istituzione dove lavoravo a darmi i fondi per iniziare questo progetto che poi ha portato i frutti che oggi tutti conoscono. Abbiamo iniziato a lavorarci nel 2014, è maturato nei due anni successivi e la nascita è avvenuta nel 2017. Ci sono già due mamme che hanno avuto il loro bambino, abbiamo altre due mamme che hanno ricevuto il trapianto ma ancora non hanno avuto l’impianto dell’embrione. A maggio avremo altri due trapianti e il prossimo anno ne sono in programma altri dieci, quindi il programma sta crescendo».

LEGGI ANCHE: IL FUTURO DELL’ODONTOIATRIA MONDIALE PARLA ITALIANO: SI CHIAMA GIUSEPPE CICERO ED È STATO PREMIATO DA FORBES…

Ma nonostante la sua vita sia ormai negli Stati Uniti, il dottor Testa si sente «italiano al 100%, fino al midollo, e sono completamente un prodotto della scuola italiana, di cui sono orgogliosissimo. Ma ho scelto di trasferirmi qui perché volevo seguire una strada diversa rispetto ai miei colleghi. Volevo vedere se era vero che negli States si può fare chirurgia ad un’età più giovane rispetto all’Italia. Poi la carriera è proseguita qui e ormai la realtà della medicina che io conosco è quella americana».

Ride quando gli chiediamo se avrebbe ottenuto gli stessi risultati in Italia: «Sinceramente non saprei rispondere. Credo che in Italia ci siano delle professionalità a livello mondiale, ma il successo è anche legato all’ambiente in cui si vive, alle opportunità offerte, alla formazione culturale o all’istituzione dove si lavora. Io ho avuto la fortuna di lavorare in un posto con un’amministrazione disposta a rischiare su un progetto del genere e su una persona come me».

Non sa se tornerebbe in Italia, anche se un’offerta dal nostro Paese «non è mai arrivata». E se arrivasse «dovrei domandarmi – riflette – cosa potrei portare di diverso da offrire all’Italia. E più che altro dovremmo capire perché alcune eccellenze in Italia non vengono notate, valutate o valorizzate allo stesso modo». A tal proposito, il dottor Testa ci dice di non aver ricevuto alcun messaggio di complimenti, dopo l’importante riconoscimento ottenuto, da parte delle istituzioni italiane: «Non mi ha chiamato nessuno, oltre agli amici e ai familiari che mi conoscono sin da bambino. Però adesso non mi metta nei guai…», conclude amaro.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Dormire poco prima di un intervento chirurgico aumenta il dolore nel post
Non dormire a sufficienza prima di un intervento chirurgico è un evento molto comune, ma può aumentare il dolore post-operatorio. Lo rivela uno studio condotto su topi, presentato al meeting della Society for Neuroscience a Washington DC
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante
Un gruppo di ricercatori svedesi ha valutata la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry
Un trapianto di cellule polmonari potrebbe «curare» la BPCO
Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile riparare il tessuto polmonare danneggiato nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) utilizzando le cellule polmonari degli stessi pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...