Salute 7 dicembre 2018

Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»

In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»

Immagine articolo

Sono una delle principali cause di malcontento dei cittadini nei confronti della sanità pubblica italiana. Parliamo delle liste di attesa che negli ultimi anni hanno raggiunto, soprattutto in alcune regioni, lunghezze tali da costringere gli utenti a rivolgersi all’intramoenia o al privato, con un notevole aumento della spesa sanitaria privata. E spesso sono anche uno dei fattori che, alimentando il disagio dell’utenza, esaspera gli animi. Anche per questo nella legge di Bilancio in via di approvazione in Parlamento il tema è centrale: previsti nei prossimi tre anni 350 milioni di euro, che andranno soprattutto ad implementare il processo di digitalizzazione. E poi, con il nuovo Piano nazionale, si punterà a un sistema basato sulle classi di priorità, sia per le visite specialistiche che per i ricoveri. Ne abbiamo parlato con Fabiola Bologna, neurologa e deputato del Movimento Cinque Stelle: «Ora i direttori generali saranno valutati per i raggiungimenti degli obiettivi di Lea che passano anche attraverso le liste di attesa: questa è la vera rivoluzione», spiega l’onorevole a Sanità Informazione. Poi sottolinea un altro aspetto importante legato al tema delle aggressioni al personale sanitario: «Sicuramente il fatto di creare una sanità più vicina al cittadino, più trasparente e più aperta ci permetterà anche di riconquistare il rapporto medico-paziente che si è un po’ alterato in questi anni proprio a causa delle carenze».

Onorevole, nella legge di Bilancio c’è un importante provvedimento che aumenta i fondi per combattere le liste di attesa…

«Dopo 10 anni finalmente abbiamo un nuovo Piano nazionale contro le liste di attesa voluto fortemente dal Ministro e appoggiato qui in Parlamento con uno stanziamento di fondi importante, 350 milioni di euro. Innanzitutto il ministro Grillo vuole che le regioni, che ovviamente mantengono la loro autonomia, facciano in modo che i direttori generali siano valutati per i raggiungimenti degli obiettivi di Lea che passano anche attraverso le liste di attesa. Quindi in questo modo tutte le aziende saranno sollecitate a rispettare questo nuovo piano sulle liste di attesa. Resta al Ministero la cabina di regia: ci sarà un Osservatorio sulle liste d’attesa che permetterà al Ministero della Salute di tenere sotto controllo l’andamento di questo piano in modo da modificarlo negli anni, migliorarlo a seconda di quelle che saranno le criticità che verranno fuori. Secondo noi la vera rivoluzione è proprio il fatto che i direttori generali verranno valutati anche in base a questo. E’ un grosso stimolo: i pazienti aspettano da tempo le visite nei tempi giusti e questa è l’occasione per il cambiamento».

LEGGI ANCHE: LEGGE DI BILANCIO, LE NOVITA’ IN SANITA’: PIU’ SOLDI PER LE LISTE DI ATTESA, RINVIO DEL PATTO PER LA SALUTE E NORME PER ASSUNZIONI INDIVIDUALI

Una parte dei fondi andrà anche alla digitalizzazione. Perché è importante questa procedura?

«È importante per rendere il sistema più trasparente. Adesso ci sono delle mancanze da parte delle regioni che non si sono adeguate a questa digitalizzazione. Anche nel decreto che verrà dopo quello di Bilancio, quello delle Finanze, ci sarà un ulteriore finanziamento per incentivare l’informatizzazione dei CUP e anche per incentivare il personale a evolversi in questo senso. Quindi l’obiettivo è facilitare il cittadino dal punto di vista informatico per poter prenotare la visita e avere la certezza dell’appuntamento dell’orario e dell’attesa».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, PIANO DEL GOVERNO TRASMESSO ALLE REGIONI. GRILLO: «FONDI TRIPLICATI IN MANOVRA. MAI STANZIATE IN PASSATO RISORSE SU QUESTO»

C’è un tema che si lega alle liste di attesa che è quello delle aggressioni ai medici. Risolvere questo problema potrebbe svelenire il clima e magari ridurre anche le aggressioni. Pochi giorni fa una dottoressa è stata aggredita fuori dall’ospedale di Crotone. Lei cosa ne pensa?

«Io ho fatto anche una interrogazione agli inizi della legislatura sul discorso della violenza contro i sanitari. Sicuramente parte della colpa è proprio il fatto che i cittadini sono stanchi di aspettare e ovviamente se la prendono con quelli che sono più vicini, in questo caso medici e infermieri che approcciano questi malati. Sicuramente snellire, migliorare, modernizzare il nostro approccio con i pazienti aiuterà. Su questo si dovrà fare un lavoro a 360 gradi di rivalutazione anche del ruolo del medico, del paziente, la gestione della sicurezza di certi ambulatori dove i medici sono lasciati da soli. Sicuramente il fatto di creare una sanità più vicina al cittadino, più trasparente e più aperta ci permetterà anche di riconquistare il rapporto medico-paziente che si è un po’ alterato in questi anni proprio a causa delle carenze».

 

Articoli correlati
Intramoenia, Quici (Cimo): «Sospensione non ridurrà le liste d’attesa, anzi…»
«L’intramoenia è un’attività marginale dei medici, svolta al di fuori dell’orario di lavoro, che in sette anni ha fatto guadagnare alle aziende sanitarie oltre 1 miliardo di euro. Soldi che dovevano essere destinati anche alla riduzione delle liste d’attesa. Lo hanno fatto?». Intervista al presidente della Cimo, secondo cui il meccanismo previsto dal decreto 'Semplificazione' è «demenziale»
Legge di Bilancio, educatori socio-pedagogici potranno lavorare anche nelle strutture sanitarie. Ascani (PD): «Sanità italiana ha bisogno di questi professionisti»
«Oggi diamo a queste figure la possibilità di spendersi nei presidi socio-sanitari e quindi finalmente diamo lo sbocco che quell’indirizzo avrebbe dovuto avere sin dall’inizio» sottolinea la deputata del Partito democratico che boccia la manovra: «Serviva più attenzione alle persone fragili, alle famiglie che sono più in difficoltà, ai portatori di disabilità»
Malattie rare, Volpi (M5S): «Ora screening neonatale anche per patologie neuromuscolari genetiche, immunodeficienze combinate severe e malattie da accumulo lisosomiale»
Approvato l’emendamento della deputata Cinque Stelle che prevede anche l’inserimento nei Lea della diagnosi precoce di queste patologie genetiche. Copertura finanziaria di 4 milioni di euro. «Questo provvedimento - sottolinea - permetterà di salvare molte vite e di cambiare significativamente anche la qualità di vita di questi pazienti»
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
40 anni SSN, il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Servizio sanitario nazionale ci pone all’avanguardia nella comunità internazionale»
L’intervento del Capo dello Stato al termine dell’evento celebrativo a Roma: « Dobbiamo mantenere e migliorare questa condizione attraverso l'opera, l'impegno, la passione e la dedizione di coloro che a vario titolo fanno parte del Servizio sanitario nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...