Politica 5 Luglio 2018

Rosy Bindi, madre dell’intramoenia, ricorda: «È nata per abbattere le liste d’attesa, ma è stata gestita da apprendisti stregoni»

L’ex Ministro della Sanità consiglia a Giulia Grillo di ripartire dagli investimenti: «Gli ultimi per la sanità risalgono ai governi dell’Ulivo, ma un settore come questo non si governa senza investimenti in tecnologia, edilizia o formazione». E sui fondi integrativi aggiunge: «Sono il vero cavallo di Troia che sta mettendo a rischio l’universalismo del SSN»   

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Se in tutta Italia si fossero seguiti i sacri canoni della riforma che introdusse l’intramoenia, forse avremmo potuto rispondere ad esigenze di ieri ma soprattutto di oggi». Interviene così Rosy Bindi, Ministro della Sanità dal 1996 al 2000, sul dibattito degli ultimi giorni che vede l’attuale titolare del dicastero Giulia Grillo in guerra aperta contro le liste d’attesa, proponendo anche un intervento sulla libera professione dei medici. E fu proprio la Bindi ad introdurre l’intramoenia in Italia, anche se «fui sostituita da Ministro proprio nel momento in cui fu firmato e approvato il contratto che la finanziava», precisa. Ne rivendica la maternità, quindi, ma di certo non la gestione, lasciata agli «apprendisti stregoni dei vari modelli organizzativi in giro per l’Italia».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, IL MINISTRO GRILLO CHIEDE INFORMAZIONI ALLE REGIONI: «PRESTO PIANO NAZIONALE PER ABBATTERE I TEMPI»

Senza usare mezzi termini, Rosy Bindi spiega ai nostri microfoni che «l’intramoenia era un modo per affrontare le liste d’attesa e spostare la soddisfazione del paziente dalle cliniche private alle strutture pubbliche, regolamentando il professionista, le tariffe, le entrate fiscali ed ovviamente le liste d’attesa, tant’è vero che si prevedeva che nessun professionista avrebbe potuto sviluppare volumi di attività intramoenia se non si faceva carico di abbattere le liste di attesa. E infatti dove queste indicazioni sono state seguite le cose non sono così inique come altrove. Ora si vuole intervenire sull’intramoenia, ma ogni giudizio dipende da che tipo di intervento si voglia fare».

Ed è proprio al Ministro Grillo che si rivolge quando ricorda i principi alla base della legge 833/78 che istituì il Servizio Sanitario Nazionale: «“La salute è un diritto dei cittadini e la si tutela non in base al reddito ma in base al bisogno”. Se il Ministro ha intenzione di rilanciare e riaffermare questo principio, deve far fare a questo governo una scelta politica seria, individuando i molto punti critici del SSN ed affrontandoli per risolverli». A partire dai finanziamenti, «che sono diminuiti, perché è vero che la percentuale rispetto al PIL è la stessa, ma visto che è diminuito il PIL sono meno anche le risorse», e dagli investimenti: «Gli ultimi grandi investimenti per la sanità risalgono ai governi dell’Ulivo. Poi non ce ne sono stati più, ma un settore come questo non si governa senza investimenti in tecnologia, edilizia o formazione».

LEGGI ANCHE: I PROBLEMI DELLA SANITÀ SECONDO I MEDICI: DAL PRECARIATO ALLA MEDICINA DIFENSIVA, LE TESTIMONIANZE DI CHI VIVE TUTTI I GIORNI IN CORSIA

Sempre restando in tema di finanziamento, un altro nodo che secondo Rosy Bindi andrebbe affrontato urgentemente è il governo dei fondi integrativi, «il vero cavallo di Troia che sta mettendo a rischio l’universalismo del sistema, perché di fatto sta diventando il secondo pilastro di finanziamento che ha costi altissimi per il bilancio pubblico. Avrebbero dovuto rafforzare la sanità pubblica e non indebolirla come sta avvenendo adesso, cosa che spiega l’interesse verso la sanità di investitori, industriali o assicurazioni. Non dimentichiamo – prosegue l’ex Ministro – che la sanità è il luogo con maggior potere e maggior denaro pubblico, preso d’assalto anche dalla corruzione e dai poteri criminali, che guarda caso si insediano proprio attraverso i varchi che sono stati lasciati aperti dal non governo del sistema: regole mancanti di accreditamento nazionali, incapacità di esercitare un potere di orientamento vero nei confronti delle università, esternalizzazione dei servizi».

Alla vigilia del quarantesimo compleanno del SSN, quindi, per Rosy Bindi «ci sono più ombre che luci, perché negli ultimi anni non è stata fatta una scelta chiara e netta verso il servizio sanitario nazionale: si è solo cercato di gestire l’esistente e di intervenire su elementi non fondamentali». E tra i capi d’accusa c’è anche l’introduzione del federalismo che «il servizio sanitario non aveva gli strumenti per governare. In questi anni nelle Regioni si sono tentati tutti i modelli organizzativi possibili e immaginabili, ignorando il principio per cui tra le finalità di un sistema e i modelli organizzativi deve esserci coerenza. Non è un caso, infatti, che i sistemi regionali che reggono meglio sono quelli più “ortodossi” mentre dove si sono fatte le sperimentazioni più originali, dall’azienda unica alla deportazione dei direttori generali dalla Lombardia alla Calabria, i sistemi sono meno sostenibili sia per i cittadini che da un punto di vista finanziario».

«Se il Ministro non affronterà questi nodi – conclude la Bindi – il sistema deperirà, senza che i cittadini abbiano potuto esprimersi ma subendone naturalmente le conseguenze. E sarebbe proprio questa, secondo me, la cosa più grave».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Coronavirus: pazienti trapiantati rischiano l’infezione meno di chi aspetta un organo
I risultati dello studio preliminare su dati Cnt e Iss: l’incidenza del Covid-19 è 1,02% tra i trapiantati e 1,85% tra chi è ancora in lista d’attesa. Donazione organi in calo dopo la pandemia
Liste d’attesa, 500 milioni per azzerarle entro fine anno. Anche con servizi aperti di sera e nei weekend
La bozza del Dl Agosto individua gli strumenti per combattere le liste d’attesa che si sono allungate a causa del Covid: assunzioni, prestazioni aggiuntive, nuovi compiti agli specializzandi e acquisto di prestazioni dal privato
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare