Politica 28 Dicembre 2018

Intramoenia, parla il Presidente del Collegio Chirurghi Filippo la Torre: «Nessun collegamento con liste d’attesa, dibattito in corso è fuorviante»

«L’attività medica libero professionale è assolutamente marginale, basta colpevolizzare i camici bianchi», afferma La Torre che apre a meccanismi di controllo: «Regolamentiamo le parcelle e riorganizziamo le strutture». Il deputato Misiti (M5S): «Problema è legato a esami strumentali, non al gesto chirurgico. Serve digitalizzazione delle liste»

Immagine articolo

Tra intramoenia e liste d’attesa non c’è nessun collegamento. Lo dicono in modo chiaro i chirurghi del CIC – Collegio italiano dei chirurghi che hanno analizzato la tematica dal loro specifico punto di vista e chiedono alla politica di ascoltare le loro proposte. Il tema è di quelli che da anni divide l’opinione pubblica e su cui i medici sono decisi a tenere il punto. La discussione è ripresa dopo le recenti limitazioni alla libera professione intramuraria in Toscana e Puglia, senza dimenticare la prima bozza del Decreto Semplificazione che prevedeva “l’interruzione dell’attività libero professionale intramoenia in caso di difformità rispetto a quanto stabilito dal Piano Nazionale Liste d’Attesa ed in particolare in caso di superamento dei limiti temporali previsti per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali e ricoveri”.

«Il dibattito è fuorviante», sottolinea a Sanità Informazione il Presidente del Collegio italiano Chirurghi Filippo La Torre: «In primis c’è una colpevolizzazione, una distorsione della figura del professionista. In secondo luogo si addebita all’attività intramoenia il prolungamento delle liste d’attesa. Terzo, si sente parlare di abolizione dell’intramoenia, anche questa è una chiacchera, non sappiamo quanto corrisponde al vero».

Tutti elementi che vanno contro la realtà dei fatti, secondo il CIC: l’attività intramoenia rappresenta solo il 6% del totale oltre ad essere un’importante introito per le Asl (più di un miliardo di euro di incassi), in parte destinati, paradossalmente, anche all’abbattimento delle liste d’attesa.

«L’attività intramoenia – continua La Torre – è un’attività assolutamente marginale, non inficia sul prolungamento delle liste d’attesa. La riorganizzazione della sanità italiana nel corso degli ultimi 20 anni ha ridotto risorse e strutture nel campo della salute. Riducendo risorse e strutture naturalmente la richiesta del cittadino, pur rimanendo uguale, diventa esuberante rispetto a quella che può essere l’offerta. Può una quota marginale dello zero virgola, che è quella dell’attività libero professionale, inficiare il prolungamento delle liste d’attesa? Non è assolutamente così. Quello che possiamo regolamentare sono i costi, i prezzi, le parcelle che i professionisti chiedono, l’impegno nella struttura e la riorganizzazione delle stesse, assegnare personale in modo tale da far sì che si riducano i tempi d’attesa: questo è un dibattito corretto».

In un documento il CIC lancia anche alcune proposte per affrontare il problema: introdurre un meccanismo premiale per le strutture ad alta attrattività per un superamento “interno” delle liste di attesa attraverso l’assegnazione di personale e un pieno utilizzo delle strutture, instaurare un meccanismo adeguato di controllo per il pieno impiego del personale e delle apparecchiature in dotazione, rivedere i carichi di lavoro del personale per singola struttura in modo da adeguarlo all’offerta. Inoltre si sottolinea la necessità di una regolamentazione nazionale dell’ALPI da prevedere nel nuovo contratto di lavoro.

Tutte proposte a cui la politica non è sorda: a raccoglierle l’onorevole Carmelo Massimo Misiti, ortopedico e deputato del Movimento Cinque Stelle che è pronto a portare un documento al governo per aiutarlo a legiferare in questo delicato ambito. «Le liste d’attesa non dipendono dall’intramoenia come alcuni sostengono – afferma Misiti – Sono più che altro legate alle richieste di esami strumentali di alta tecnologia come possono essere le risonanze magnetiche, l’ecodoppler o la colonscopia, che non sono esami legati al gesto chirurgico. Quindi non è un problema legato all’urgenza o alle branche chirurgiche ma legato più che altro alla diagnostica, quindi a tempi di attesa dovuti per lo più da una cattiva organizzazione».

Uno strumento per superare le liste d’attesa può essere la digitalizzazione, su cui punta molto il Ministro della Salute Giulia Grillo. «Abbiamo visto – sottolinea Misiti – come grazie alla digitalizzazione in Friuli Venezia Giulia non c’è nessun tipo di ritardo. Per questo il governo punta molto sulla digitalizzazione del Sistema sanitario

Articoli correlati
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...