Salute 17 Febbraio 2015

ESCLUSIVA Ebola dagli occhi di Fabrizio Pulvirenti

Il racconto del medico paziente-zero: il contagio, il ricovero allo “Spallanzani” e la guarigione in un turbine di emozioni, paure e speranze. Il monito: “Formazione essenziale contro l’epidemia”

Immagine articolo

Appare in forma, Fabrizio Pulvirenti, e sereno davanti alle nostre telecamere. Quel che traspare in lui è una sensazione di calma e di forza: quella che ti spinge a rischiare la vita per salvarne altre, quella che ti fa guardare la morte negli occhi e dirle che no, non è ancora la tua ora.

Ma soprattutto, in Fabrizio, una gran voglia di raccontare e di raccontarsi, e di condividere quell’esperienza unica che, dalla malattia alla guarigione, ha tenuto l’Italia col fiato sospeso per più di un mese. Sanità Informazione, già da tempo attenta alla tematica, presenta con orgoglio l’intervista esclusiva al medico italiano di Emergency contagiato in Sierra Leone dal virus Ebola, e poi guarito grazie alle cure dell’eccellenza italiana “Lazzaro Spallanzani”.

Dottor Pulvirenti, in che modo quanto accaduto ha segnato la sua vita?
Io sono un sopravvissuto. Mi sono contagiato in Sierra Leone e poi, grazie all’attivazione dell’Unità di crisi della Farnesina sono stato trasportato in Italia, e ricoverato allo Spallanzani. Ebola è un virus che miete una vittima dopo l’altra in Africa ma che, anche grazie alla professionalità dei colleghi dello Spallanzani, io sono riuscito a battere. E’ un’esperienza molto forte, che ti tocca dentro e ti mette faccia a faccia con l’aspetto peggiore della vita: la morte. Penso al momento in cui mi è stata comunicata la diagnosi di contagio, a quando mi è comparso l’esantema e ho temuto che potesse virare verso una forma emorragica, o alla solitudine provata durante la convalescenza: un isolamento di ben 38 giorni, durante i quali anche il contatto con gli operatori sanitari era estremamente sporadico. Questo consente tutta una elaborazione personale della situazione: permette di pensare a se stessi, al proprio futuro, a rivedere alcune posizioni. Talvolta diamo importanza a cose che in effetti non ne hanno, e quando poi ci si trova a tu per tu con eventi tragici si è portati a rivalutare alcuni aspetti della propria esistenza.

Medici e infermieri pagano spesso il fatto di essere in prima linea ad un’epidemia ancora difficile da estirpare, stando alle parole degli esperti. La formazione per il personale sanitario è determinante per affrontarla al meglio?
Certo: non ci si può improvvisare operatori sanitari in un’epidemia come quella di Ebola che, ai tempi del mio arrivo in Sierra Leone, aveva oltre il 70% di mortalità ed una contagiosità elevatissima. Bisogna essere preparati, formati e informati sui rischi, ed è attraverso questi strumenti che si può operare al meglio. La formazione riveste un ruolo essenziale per affrontare tutte le patologie infettive, che richiedono un livello di preparazione particolare e per certi aspetti diversa dalle altre. Il personale sanitario, nel momento in cui sceglie di partire volontario, necessita di una formazione specifica. Anche io prima di entrare in zona rossa – l’area dove ci sono i pazienti contagiati – ho dovuto subire un training di 5 giorni durante i quali sono state fatte numerose prove di vestizione e soprattutto svestizione dagli abiti contaminati.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano