Salute 4 aprile 2017

Allarme morbillo, casi in aumento anche tra i medici. Scattano controlli su pediatri che non vaccinano

Lombardia, Piemonte, Lazio e Toscana sono in testa alla classifica nazionale per numero di contagi. A contrarre la malattia anche gli operatori sanitari. Allarme al Meyer per un radiologo che ha contratto il morbillo

Allarme morbillo, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, dall’inizio del 2017, si sono registrati in Italia più di mille casi. Di questi, nel 33% dei casi si è avuta almeno una complicazione, nel 41% un ricovero e nel 14% un accesso al Pronto Soccorso. La stima è decisamente allarmante se si pensa che in tutto il 2016, i casi segnalati, sono stati poco meno di 900. Profetici gli esperti del Ministero della Salute che in tempi non sospetti, avevano anticipato un’annata da primato per la diffusione della malattia infettiva. A confermare l’allarme il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha ribadito l’importanza di seguire le linee del nuovo Piano Vaccini.

Lombardia, Piemonte, Lazio e Toscana sono in testa alla classifica nazionale per numero di contagi, l’assessorato al Welfare procederà con un controllo per individuare quei pediatri i cui piccoli pazienti non sono vaccinati. In particolare è la Lombardia la Regione più in difficoltà: circa 5 mila bambini risultano scoperti dalle vaccinazioni chiave per l’età infantile (esavalente e trivalente) e quasi 8 pediatri su 10 (79%) registrano proprio sull’iniezione anti morbillo-parotite-rosolia livelli di adesione fra i piccoli assistiti inferiori al 95%, la soglia di sicurezza. Alla luce di questi numeri Palazzo Lombardia ha deciso un nuovo intervento. Entro il 20 aprile 1.300 camici bianchi dei bimbi «riceveranno dalle Ats l’elenco con il nominativo dei circa 5 mila bambini su 86.503 coorte 2014 – ha annunciato l’Assessore Regionale al Welfare, Giulio Gallera – che risultano ancora scoperti dai due momenti vaccinali di riferimento per l’infanzia, ovvero l’adesione a 3 dosi di vaccino esavalente e alla prima dose di trivalente, affinché attivino un confronto o una riflessione con i genitori per capire le motivazioni che hanno impedito la vaccinazione e favoriscano il recupero della copertura» comunica l’assessore. «L’impegno della Regione per sensibilizzare le famiglie lombarde a tutelare la salute dei propri figli sottoponendoli alle vaccinazioni previste dal piano regionale continua», evidenzia Gallera.

Ma non sono solo i bambini ad ammalarsi, anche una buona media di adulti rientra nella casistica e, dato ancora più allarmante, a contrarre la malattia anche un numero discreto di operatori sanitari. È di questi giorni la notizia della dottoressa radiologo, in servizio all’ospedale pediatrico fiorentino Meyer, che ha contratto il morbillo. La direzione dell’ospedale fa sapere che sono stati presi provvedimenti a tutela sia dei bambini che sono potenzialmente entrati in contatto con il medico, che degli operatori. Il Meyer già nei mesi scorsi aveva attivato un programma di prevenzione del morbillo con la ricerca attiva dell’immunità per il personale che effettua controlli periodici presso il medico del lavoro del Meyer.

Per approfondire:

Epidemia di morbillo in Galles, vaccini per i giovani tra i 10 e i 16 anni

Piano Vaccini, Ricciardi (ISS) conferma: «I medici che li sconsigliano saranno rimossi»

Può interessare:

Come scegliere il pediatra giusto

Articoli correlati
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
Morbillo, Simit: «Nel 2018 cento casi in operatori sanitari. Italia fanalino di coda in Europa per lotta a malattia»
La denuncia della Società italiana malattie infettive e tropicali: «Ad oggi, e vista la situazione, l'obbligo vaccinale rigorosamente applicato resta l'unica via percorribile per un periodo che non è possibile prevedere di breve durata. Bisogna rilanciare la vaccinazione anche in ampi strati di giovani adulti rimasti fuori dagli interventi di prevenzione»
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Vaccini, al via il programma delle aperture straordinarie degli ambulatori a Catania
Al via il programma di aperture straordinarie degli ambulatori vaccinazioni dell’Asp di Catania. Al fine di incrementare le coperture vaccinali della popolazione del territorio provinciale e di dare continuità alle azioni di contenimento dell’epidemia di morbillo che ha interessato la Regione Siciliana, l’Asp di Catania, per il tramite del Dipartimento di Prevenzione (diretto dal dott. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano