Pazienti 30 marzo 2017

Come scegliere il pediatra giusto

La scelta del pediatra è una decisione importante. Ogni mamma cerca il medico con cui si senta a proprio agio, che capisca le sue preoccupazioni e che curi al meglio il suo bambino. Un medico che ispiri fiducia grazie alla competenza dimostrata e alla predisposizione al dialogo con i genitori. È facile sentirsi sopraffatti dalla […]

La scelta del pediatra è una decisione importante. Ogni mamma cerca il medico con cui si senta a proprio agio, che capisca le sue preoccupazioni e che curi al meglio il suo bambino. Un medico che ispiri fiducia grazie alla competenza dimostrata e alla predisposizione al dialogo con i genitori.

È facile sentirsi sopraffatti dalla scelta, ma con un po’ di pazienza si dovrebbe essere in grado di trovare il pediatra di fiducia.

Quando bisogna iniziare la ricerca del pediatra?

Alcuni genitori sanno già a quale pediatra affidarsi, ancor prima di concepire, perché si sono informati con amici, parenti che hanno già avuto esperienze, o perché lo conoscono di persona. Molti, invece, avviano la loro ricerca durante la gravidanza e arrivano a una decisione verso i sette, otto mesi di gestazione.

Scegliere il pediatra parecchio tempo prima del parto permette di affrontare tutto con maggiore serenità e di poter fare una scelta ponderata.

La scelta del professionista può essere fatta anche dopo il parto, entro poche settimane dalla nascita del bambino. È possibile cambiare pediatra qualora i genitori non si trovassero a proprio agio con quello già scelto.

Chi è il pediatra?

Il pediatra è un medico specializzato in pediatria, ovvero nella cura dei bambini sin dai primi giorni di vita. In Italia il SSN prevede che i bambini fino a 14 anni vengano seguiti da un pediatra di famiglia che si occupi di curare il bambino quando è ammalato, prescrivere farmaci, richiedere esami diagnostici, valutare periodicamente il suo stato di crescita e compilare certificati di vario genere.

Cosa spinge nella scelta del pediatra?

La scelta del pediatra di famiglia va effettuata valutando diversi fattori come

  • Competenza
  • Impegno
  • Premura
  • Gentilezza e sensibilità

Ma i genitori hanno bisogno anche di un rapporto di collaborazione e di dialogo, oltre che reperibilità telefonica e disponibilità a effettuare  visite a domicilio. Inoltre, è indispensabile che gli orari di apertura dell’ambulatorio coincidano, almeno in parte, con gli orari in cui i genitori possono liberarsi dal lavoro.

Alcuni genitori decidono di accostare, al medico del Sistema Sanitario Nazionale, uno specialista privato (solitamente in alcune occasioni, come nel caso di patologie più importanti per le quali si preferisce avere anche un altro parere medico).

Nella scelta del pediatra “giusto” può essere utile anche conoscere le eventuali specializzazioni aggiuntive del medico. Nel caso di bambini con disturbi specifici e ricorrenti, questo potrebbe essere un dato a favore di uno piuttosto che di un altro pediatra.

 

Come si fa a conoscere il pediatra prima di effettuare una scelta?

È fondamentale che i genitori del bambino richiedano un colloquio con il pediatra prima di effettuare la loro scelta, questo affinché possano valutare se le caratteristiche del medico siano in sintonia con le loro esigenze e con le loro aspettative.

Quali sono i compiti del pediatra di famiglia?

Il pediatra di famiglia non ha solo il compito di curare gli stati di malattia del bambino, ma anche quello di seguire lo sviluppo del piccolo, curarne svezzamento e alimentazione, effettuare visite periodiche programmate (note come bilanci di salute) utili a verificare un equilibrato stato di crescita fisica e psicologica, consigliare e tenere informati i genitori su importanti tematiche come vaccinazioni, allattamento e prevenzione.

Il pediatra regola la sua agenda attraverso degli appuntamenti per effettuare i bilanci di salute e le visite periodiche programmate. Solitamente, il pediatra riserva alcune fasce orarie a ricevere le telefonate dei genitori.

Nel caso in cui si verifichi una malattia di tipo acuto, i genitori possono portare il bambino in ambulatorio che, anche senza appuntamento, sarà visitato. La gestione delle emergenze è affidata al Pronto Soccorso.

Ascoltando l’esposizione telefonica dei genitori, inoltre, il pediatra valuterà il bisogno di effettuare una visita a domicilio, quindi è lo stesso medico a stabilire se è il caso di recarsi personalmente dal paziente o se può essere portato in ambulatorio dove sono presenti anche gli strumenti utili per una visita completa.

Quali sono le procedure burocratiche per scegliere il pediatra di famiglia?

Così come per gli adulti con il medico di famiglia, anche per i bambini da 0 a 14 anni, il sistema sanitario nazionale garantisce assistenza medica gratuita con un pediatra di libera scelta.

I genitori o i tutori legali del bambino devono scegliere il pediatra al momento dell’iscrizione al servizio sanitario regionale. Per effettuare la scelta, un genitore del bambino, o chi ne fa le veci attraverso delega legale, deve recarsi presso gli uffici della ASL di residenza e presentare il codice fiscale del piccolo oppure l’autocertificazione di nascita, con i dati anagrafici del bambino.

È possibile scegliere solo uno dei pediatri che operano nel territorio della ASL di residenza del bambino. Se un medico ha già raggiunto in numero massimo di pazienti previsti dalla normativa (circa 800), bisogna cercare un altro pediatra, tranne se si tratta di neonati entro il terzo mese di vita o di familiari di altri pazienti dello stesso pediatra.

Nel caso in cui i genitori scegliessero un pediatra operante in un’area diversa da quella della ASL di appartenenza, dovranno presentare una dichiarazione di accettazione del paziente da parte del pediatra scelto.

Dove si trovano i nomi dei pediatri di zona convenzionati dal SSN?

Presso le sedi ASL si trovano gli elenchi dei pediatri della zona di competenza. Ma i genitori di solito conoscono già i diversi nominativi grazie alla rete di informazione che si crea tra genitori, familiari, amici, ginecologi, ostetriche e altri medici.

 

Articoli correlati
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
SSN, De Poli (UDC): «Serve Piano Marshall per adattarlo a nuovi bisogni della popolazione, integrando ospedali e territorio»
Il questore del Senato sull’autonomia differenziata: «Prendersi la responsabilità di gestire direttamente la salute dei propri cittadini è un aspetto positivo e importante. Perlomeno renderebbe più complicato il gioco dello scaricabarile»
Tecnici di laboratorio, Saverio Stanziale (F.I.Te.La.B.): «Tra titoli non conformi e potenziali abilitanti albo a rischio per il 20% dei professionisti»
Il presidente della Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico: «Fondata un’associazione tecnico-scientifica per evidenziare il valore delle nostre risorse umane»
di Isabella Faggiano
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...