Salute 19 Novembre 2020 10:00

Vaccino Covid, Arcuri: «Prime dosi a operatori sanitari e RSA». Entro il 23 novembre le Regioni devono preparare il piano

Entro fine gennaio si prevedono 1,7 milioni di vaccinati al Covid in Italia. La comunicazione di Arcuri alle Regioni

Vaccino Covid, Arcuri: «Prime dosi a operatori sanitari e RSA». Entro il 23 novembre le Regioni devono preparare il piano

Entro fine gennaio 2021 l’Italia potrebbe dover vaccinare contro Covid-19 1,7 milioni di persone. Ora è necessario preparare un piano vaccini. La richiesta è arrivata attraverso una mail inviata alle Regioni dal commissario per l’emergenza Domenico Arcuri. Uno scenario da valutare, specie se il vaccino Pfizer, «ad oggi il più avanzato», specifica Arcuri, confermasse le tempistiche.

VACCINO, A CHI ANDRANNO LE PRIME DOSI?

«Con 3,4 milioni di dosi da somministrare – si legge nella mail – è necessario scegliere il target di cittadini a cui arriveranno le prime dosi». Su questo pochi dubbi: ospedali e residente per anziani, i principali canali di diffusione del virus.

Sistemati i luoghi più a rischio, continua la mail, «per gli altri vaccini in arrivo, destinati, invece, a tutte le altre categorie di cittadini, saranno previste modalità differenti di somministrazione, in linea con la ordinaria gestione vaccinale, attraverso una campagna su larga scala (es drive-through) a partire dalle persone con un elevato livello di fragilità».

MODALITÀ DI CONSEGNA

Nella comunicazione, Arcuri non dimentica di chiarire le modalità di consegna necessarie per mantenere l’integrità del vaccino. Per ora il vaccino deve essere consegnato «esclusivamente dal fornitore direttamente al punto di somministrazione». Le dosi arriveranno in borse di conservazione con massimo cinque scatole da 975 campioni l’una. Da quel momento il prodotto potrà rimanere nelle borse per 15 giorni dopo la consegna, «oppure 6 mesi qualora si disponga di celle frigorifere a temperatura -75°C+-15°C». Una volta estratto dalle borse di conservazione, il vaccino andrà utilizzato entro 6 ore.

È dunque urgente, sottolinea Arcuri, preparare un appropriato piano vaccini in tutte le Regioni e individuare da subito le strutture più idonee. Si attende un riscontro non oltre il 23 novembre. «Per ogni provincia – si chiarisce – il numero e la denominazione dei presidi ospedalieri all’interno dei quali si ritiene utile che il vaccino venga consegnato e somministrato; tale presidio ospedaliero dovrà essere in condizione di vaccinare almeno 2.000 persone o più persone ma con multipli di 1000 in 15 giorni».

Per ogni presidio ospedaliero andrà individuato «il numero di personale operante al suo interno, a qualunque titolo; il numero di personale sanitario e sociosanitario operante nel territorio, che potrà raggiungere il presidio ospedaliero in non più di 30-60 minuti; la disponibilità al loro interno di congelatori, con caratteristiche tali da consentire la conservazione del siero ed il relativo volume di spazio disponibile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, l’allarme di Oxfam e Emergency: «Con i monopoli di Big Pharma impossibile un vaccino per tutti»
Nel 2021, i tre più grandi colossi farmaceutici del mondo produrranno dosi solo per l’1,5% della popolazione mondiale, mentre molti produttori sono tagliati fuori. Le ONG lanciano un appello urgente a Ue, USA e UK per un’immediata inversione di rotta
Vaccinazione anti-Covid, Lenzi: «Per convincere gli scettici bisogna formare i medici»
La "vaccine hesitancy" raggiunge percentuali sempre più alte in tutto il mondo. Il medico e bioeticista: «Anche fra i medici le opinioni sono divergenti»
di Tommaso Caldarelli
Anche Moderna annuncia ritardi nella consegna dei vaccini. Arcuri: «Circa 300mila dosi in meno»
Nella settimana dell'8 febbraio sarà consegnato il 20% di dosi in meno, portando i vaccini mancanti a quota 300mila. Il commissario Arcuri: «Non ci si volti dall'altra parte»
L’appello a Speranza: «Vaccinare un familiare di ogni ospite in RSA per combattere la solitudine degli anziani»
Massi (Presidente UNEBA): «Vaccinato il 50% di pazienti e operatori. Colloqui con infettivologo e medico competente per convincere chi non vuole vaccinarsi»
di Federica Bosco
Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti
Il punto su normativa e rischi nel webinar Anaao Assomed. Il giuslavorista: «Chiusura del rapporto è l’ultima possibilità»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...