Salute 8 Novembre 2019

Endocrinologia: in aumento l’uso della telemedicina. Le parole più cercate sono “menopausa” e “tiroide”

Associazione Medici Endocrinologi (AME) rivela i dati delle piattaforme di telemedicina. L’identikit dell’utente: il 60% è donna e vive in città

Immagine articolo

La telemedicina piace sempre di più agli italiani, almeno per quanto riguarda le malattie endocrinologiche, molto diffuse, che colpiscono oltre 10 milioni di persone, un individuo su sei. A rivelarlo è l’Associazione Medici Endocrinolgi (AME) in occasione del 18° Congresso nazionale a Roma. “AME da sempre investe le proprie competenze e risorse nella progettazione e nello sviluppo di nuovi modelli di comunicazione, come Endowiki e l’Ambulatorio Virtuale, che facilitino la diffusione della conoscenza a pazienti e medici dell’endocrinologia. Un settore complesso che interessa moltissimi pazienti e che dal punto di vista professionale, richiede un alto livello di specializzazione e capacità che vanno dalla cura dell’obesità al diabete, ai problemi della tiroide, all’infertilità fino alle malattie genetiche e rare. – ha dichiarato il Prof. Edoardo Guastamacchia, Presidente AME e già docente alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bari.

Endowiki e Ambulatorio virtuale

I due progetti di innovazione digitale promossi da AME, i cui risultati sono stati presentati al Congresso AME di Roma, sono l’Ambulatorio Virtuale ed Endowiki. L’Ambulatorio Virtuale è un progetto realizzato grazie alla collaborazione tra l’Associazione Medici Endocrinologi (AME) e la Welcomedicine e consiste in una piattaforma web di telemedicina (www.welcomedicine.it) che abilita i pazienti alla fruizione, e i professionisti all’erogazione di una serie di servizi di telemedicina, a partire dalla televisita, in un ambiente di lavoro confortevole in termini di sicurezza informatica, qualità delle tecnologie e delle certificazioni adottate. Attiva da giugno 2019, già conta 300 utenti clinici, 6000 utenti pazienti e circa 20.000 consulti effettuati. Il progetto è stato selezionato dagli esperti del politecnico di Milano fra numerosi progetti in ambito di telemedicina. “Welcomedicine è una piattaforma agnostica, – sostiene Giulia Franchi, CEO di Welcomedicine ed endocrinologa – ciò che in informatica viene chiamato “zero knowledge”, perciò non abbiamo visione sui contenuti scambiati su piattaforma, requisito indispensabile per avere il trust dei nostri utenti.”

Endowiki (www.endowiki.it) è un’enciclopedia online sulle malattie endocrine dedicata a medici e pazienti. L’area rivolta ai medici contiene le informazioni più aggiornate (in accordo con le più recenti linee guida) riguardo alle patologie endocrine e metaboliche. La sezione pubblica per i pazienti, ad accesso libero, è molto chiara ed esplicativa, ogni patologia è spiegata con domande e risposte e divisa in sezioni di facile comprensione

Le domande più richieste dagli utenti

Il team del prof. Vincenzo Toscano, Past President di AME ha esaminato l’andamento delle piattaforme digitale, in particolare di Endowiki dal 2015 al 2019. I ricercatori hanno individuato, in totale, 240 mila accessi, sia da parte di medici che di pazienti e una media di 200-300 accessi al giorno. La maggior parte degli utenti è donna e vive in centro urbano. È “menopausa” la parola più cercata su Endowiki ma non solo, nel 2018 questa è la patologia più cercata su Google, al secondo posto si trova, infatti, l’endometriosi, seguita dalla sindrome dell’ovaio policistico. Patologie prettamente femminili, in linea con l’identikit dell’utente medio e legate all’ambito endocrinologico.Tutto questo – commenta il prof. Vincenzo Toscano –  sottolinea che c’è grande bisogno di informazione in ambito endocrinologico e che, quindi, AME con le sue proposte rivolte a medici e a pazienti sta svolgendo un ruolo chiave per far crescere da un lato il sapere endocrinologico in Italia, da parte degli specialisti presenti sul territorio nazionale, non solo nelle strutture ospedaliere, dove l’aggiornamento è più semplice, ma anche sul territorio. Dall’altro lato cerca di rispondere alle esigenze della popolazione fornendo strumenti che diano una informazione semplice, ma rigorosa e basata su evidenze scientifiche e non chiacchiere ed inoltre AME si fa carico di collaborare con una piattaforma che può gestire il consulto a distanza su problematiche mediche in ambito endocrinologico.”

 

Articoli correlati
Farmaci, a Pavia sperimentazione su informatizzazione nella somministrazione ai pazienti a letto
Il Dg dell’ASST di Pavia Michele Brait spiega: «Questo consente una riduzione dell’errore, della tracciabilità della malattia, somministrazione di farmaci monodose con un valore aggiunto in termini di risparmio economico per quanto riguarda scaduti, scarti»
di Federica Bosco
Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME
Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti. Come il lavoro in equipe»
Congresso AME, il presidente Guastamacchia: «I giovani la nostra più grande risorsa. Puntare su innovazione digitale»
A Roma i lavori del 18° Congresso nazionale dell’Associazione medici endocrinologi: «Ampio spazio a diabete e tiroide e alle potenzialità della tecnologia per migliorare l’assistenza e il rapporto con il paziente»
Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»
«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi
Noduli della tiroide, donne colpite 5 volte in più degli uomini. Monito di AME: «Benigni nel 95% dei casi, eccesso di interventi»
Guglielmi (Regina Apostolorum): “Ogni anno 40mila interventi chirurgici, ma molti sono inutili o addirittura dannosi”. Papini (AME): “Con esami precoci possiamo capire se il nodulo è benigno o se servono ulteriori approfondimenti”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...