Salute 1 giugno 2017

Emofilia, addio al passato. Le nuove prospettive di cura per bambini e adulti

L’emofilia è una malattia rara che colpisce prevalentemente i soggetti maschili ed è legata alla mancanza di un fattore indispensabile per la coagulazione del sangue. Un team di esperti ai microfoni di Sanità Informazione, racconta il futuro delle terapie

Immagine articolo

L’emofilia è una malattia rara che colpisce la coagulazione del sangue. Chi ne soffre è a rischio emorragie esterne e interne che si possono verificare di seguito a urti seppur lievi. Esistono principalmente due tipologie di Emofilia: l’emofilia A che consiste nella mancanza o nella scarsità del fattore di coagulazione VIII, di cui è affetto il 9-10% circa dei pazienti. Invece nell’emofilia B, è assente o non sufficiente il fattore di coagulazione IX. In occasione dell’incontro organizzato da Bayer, presso la residenza di Ripetta a Roma, per presentare un nuovo farmaco innovativo per il trattamento dell’Emofilia A, Sanità Informazione ha interpellato vari esperti nel campo delle malattie ematologiche e trombotiche per fare un quadro, il più chiaro possibile, dell’emofilia e delle abitudini di vita dei pazienti affetti da questa malattia rara.

Nuove prospettive di cura: il presente dei pazienti emofilici

«Rispetto al passato i miglioramenti sono tanti – spiega Raimondo De Cristofaro, Malattie emorragiche e trombotiche Policlinico Gemelli –  il primo progresso, che è già in atto, è l’utilizzo di farmaci che contengono dei fattori di cui sono carenti i pazienti, che hanno una più lunga ‘emivita’, quindi perdurano nel sangue dei paziente più a lungo rispetto alle medicine del passato. Questo ovviamente riduce la necessità di frequenti infusioni del farmaco stesso e migliora enormemente la qualità di vita dei pazienti, soprattutto in campo pediatrico. In prospettiva abbiamo anche la possibilità, e su questo è in corso una varietà di studi, di attuare la terapia genica che ovviamente permetterà una persistente elevazione dei livelli del fattore di cui il paziente è carente».

Nuove terapie che dicono addio al passato

«Nuove prospettive di vita sono date da questi nuovi farmaci ‘long acting’ – evidenzia Cristina Santoro, ematologa ricercatrice Policlinico Umberto I, dipartimento biotecnologie cellulari – che riducendo almeno in parte, il numero delle infusioni che i pazienti devono somministrarsi, sicuramente migliorano tantissimo la qualità di vita. Dobbiamo ricordarci che l’emofilia è una malattia congenita che quindi colpisce il paziente dalla nascita per cui anche per quanto riguarda i bambini, poter ridurre il numero delle iniezioni, delle infusioni è una cosa importante, non solo per i bambini ma anche per gli adulti. Quanto si è lontani dal passato? Dal passato remoto siamo molti lontani, tanto che parliamo proprio di malattie differenti se pensiamo ai bambini di oggi, gli adolescenti di oggi, rispetto a quelli del passato. Dal nostro passato più recente, questo è probabilmente un momento di transizione, mi riferisco ad un passato recente che ci offre ottime possibilità di cura però il futuro è vicino, ed è adesso»

La diagnosi ‘prima’ della malattia

«È possibile fare una diagnosi prenatale per capire se il bambino soffre di emofilia». Spiega Matteo Luciani, responsabile Centro Emostasi e Trombosi dell’Ospedale Bambino Gesù. «Ovviamente la diagnosi prenatale può essere fatta nelle famiglie dove sono presenti soggetti emofilici. Purtroppo ci sono anche casi di un’anamnesi muta, quando, all’improvviso si manifesta la malattia che non si poteva prevedere. Si tratta inizialmente di un vero e proprio trauma e in genere si manifesta quando la madre del soggetto che scopre la malattia, è portatrice sana pur non sapendolo. Infatti nelle donne l’emofilia non si manifesta in maniera palese, si hanno lievi sintomi, non avvengono manifestazioni emorragiche importanti».

Per approfondire:

EMOFILIA, UNA PANORAMICA SULLA ‘MALATTIA DEI RE’ MA NON DELLE REGINE…

‘IL BAMBINO DI VETRO’, UN LIBRO PER VIVERE APPIENO SUPERANDO LA PAURA DEL “DRAGO” EMOFILIA

Articoli correlati
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Malattie rare, la storia di Moira: «Per 20 anni mi sono sentita una X File, poi la diagnosi di CIDP»
STORIE RARE | «I primi sintomi sono comparsi a 18 anni: avevo difficoltà a parlare. Poi ho perso l’uso delle gambe e delle braccia, ma per fortuna grazie alle immunoglobuline ho recuperato l’autonomia. Ora le diagnosi sono più veloci». Così Moira Bressan, tra i protagonisti della campagna #lenostrestorie. Ilaria Ciancaleoni Bartoli (OMAR): «Le storie dei malati rari sono utili a pazienti e medici»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
Neuropatie disimmuni acquisite, Marra (CIDP): «Chiediamo di portare la cura nell’ospedale più vicino al paziente»
Se diagnosticate precocemente, queste malattie rare che colpiscono il sistema nervoso periferico possono essere affrontate con una terapia efficace per nove pazienti su dieci: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Emofilia, premiato il progetto dedicato alla robotica dell’associazione ACEP di Torino
È l’associazione piemontese Coagulopatici ed Emofilici Piemontesi Massimo Chesta onlus (ACEP) di Torino ad aggiudicarsi uno dei premi messi in palio all’interno del contest nazionale dedicato all’emofilia A.B.L.E. – A Better Life with Emofilia, realizzato da Bayer, con il progetto Ben-Essere: Un Robot Per Amico. «Il ricavato di questo premio sarà destinato all’acquisto di un gioco innovativo, che coinvolge adulti […]
“Uno Sguardo Raro”, il festival di cinema sulle malattie rare che agita le coscienze e regala emozioni
800 opere da 83 paesi del mondo che raccontano com’è vivere con una malattia rara o una disabilità. La quarta edizione del Festival vuole regalare al pubblico sensazioni intense trasformando l’invisibilità dei malati rari in visibilità, per far riflettere sull'importanza della comprensione, dell'inclusione e della gentilezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...