Salute 1 giugno 2017

Emofilia, addio al passato. Le nuove prospettive di cura per bambini e adulti

L’emofilia è una malattia rara che colpisce prevalentemente i soggetti maschili ed è legata alla mancanza di un fattore indispensabile per la coagulazione del sangue. Un team di esperti ai microfoni di Sanità Informazione, racconta il futuro delle terapie

Immagine articolo

L’emofilia è una malattia rara che colpisce la coagulazione del sangue. Chi ne soffre è a rischio emorragie esterne e interne che si possono verificare di seguito a urti seppur lievi. Esistono principalmente due tipologie di Emofilia: l’emofilia A che consiste nella mancanza o nella scarsità del fattore di coagulazione VIII, di cui è affetto il 9-10% circa dei pazienti. Invece nell’emofilia B, è assente o non sufficiente il fattore di coagulazione IX. In occasione dell’incontro organizzato da Bayer, presso la residenza di Ripetta a Roma, per presentare un nuovo farmaco innovativo per il trattamento dell’Emofilia A, Sanità Informazione ha interpellato vari esperti nel campo delle malattie ematologiche e trombotiche per fare un quadro, il più chiaro possibile, dell’emofilia e delle abitudini di vita dei pazienti affetti da questa malattia rara.

Nuove prospettive di cura: il presente dei pazienti emofilici

«Rispetto al passato i miglioramenti sono tanti – spiega Raimondo De Cristofaro, Malattie emorragiche e trombotiche Policlinico Gemelli –  il primo progresso, che è già in atto, è l’utilizzo di farmaci che contengono dei fattori di cui sono carenti i pazienti, che hanno una più lunga ‘emivita’, quindi perdurano nel sangue dei paziente più a lungo rispetto alle medicine del passato. Questo ovviamente riduce la necessità di frequenti infusioni del farmaco stesso e migliora enormemente la qualità di vita dei pazienti, soprattutto in campo pediatrico. In prospettiva abbiamo anche la possibilità, e su questo è in corso una varietà di studi, di attuare la terapia genica che ovviamente permetterà una persistente elevazione dei livelli del fattore di cui il paziente è carente».

Nuove terapie che dicono addio al passato

«Nuove prospettive di vita sono date da questi nuovi farmaci ‘long acting’ – evidenzia Cristina Santoro, ematologa ricercatrice Policlinico Umberto I, dipartimento biotecnologie cellulari – che riducendo almeno in parte, il numero delle infusioni che i pazienti devono somministrarsi, sicuramente migliorano tantissimo la qualità di vita. Dobbiamo ricordarci che l’emofilia è una malattia congenita che quindi colpisce il paziente dalla nascita per cui anche per quanto riguarda i bambini, poter ridurre il numero delle iniezioni, delle infusioni è una cosa importante, non solo per i bambini ma anche per gli adulti. Quanto si è lontani dal passato? Dal passato remoto siamo molti lontani, tanto che parliamo proprio di malattie differenti se pensiamo ai bambini di oggi, gli adolescenti di oggi, rispetto a quelli del passato. Dal nostro passato più recente, questo è probabilmente un momento di transizione, mi riferisco ad un passato recente che ci offre ottime possibilità di cura però il futuro è vicino, ed è adesso»

La diagnosi ‘prima’ della malattia

«È possibile fare una diagnosi prenatale per capire se il bambino soffre di emofilia». Spiega Matteo Luciani, responsabile Centro Emostasi e Trombosi dell’Ospedale Bambino Gesù. «Ovviamente la diagnosi prenatale può essere fatta nelle famiglie dove sono presenti soggetti emofilici. Purtroppo ci sono anche casi di un’anamnesi muta, quando, all’improvviso si manifesta la malattia che non si poteva prevedere. Si tratta inizialmente di un vero e proprio trauma e in genere si manifesta quando la madre del soggetto che scopre la malattia, è portatrice sana pur non sapendolo. Infatti nelle donne l’emofilia non si manifesta in maniera palese, si hanno lievi sintomi, non avvengono manifestazioni emorragiche importanti».

Per approfondire:

EMOFILIA, UNA PANORAMICA SULLA ‘MALATTIA DEI RE’ MA NON DELLE REGINE…

‘IL BAMBINO DI VETRO’, UN LIBRO PER VIVERE APPIENO SUPERANDO LA PAURA DEL “DRAGO” EMOFILIA

Articoli correlati
Emofilia, Bayer promuove il contest ABLE che finanzierà tre progetti sulla qualità della vita
Il ruolo delle associazioni di pazienti oggi è fondamentale, specie quando si parla di malattie rare come l’emofilia, patologia emorragica che colpisce in Italia circa 5.000 pazienti (Fonte: Rapporto ISTISAN 2016). Sono spesso infatti le associazioni a portare avanti i diritti dei pazienti, ma anche ad occuparsi fattivamente della qualità di vita di quanti devono […]
Malattie rare, Tommasina Iorno (Uniamo): «Lavorare sulla disomogeneità territoriale nell’accesso ai servizi socio-sanitari»
Alla presentazione del IV Rapporto MonitoRare, il Presidente di Uniamo Fimr Onlus Tommasina Iorno rileva gli obiettivi raggiunti sul fronte delle malattie rare e i punti critici emersi dal documento
Malattie Rare, presentato il IV Rapporto MonitoRare: focus su Nuovi LEA, SNE, Registri e Rappresentanza Europea dei pazienti
È stato presentato nella Sala del Refettorio della Camera dei Deputati MonitoRare, il IV Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia. Nato quattro anni fa dall’intuizione che una sfida così impegnativa al Sistema Sanitario Nazionale come le Malattie Rare non poteva neppure essere affrontata senza uno strumento per misurare e valutare l’entità dei problemi, […]
Malattie rare, parte progetto pilota per l’amiloidosi familiare
È stato presentato a Pescara un nuovo percorso diagnostico-terapeutico sulle malattie rare che vedrà l’Abruzzo come regione pilota. Il progetto è stato presentato dall’assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci e dal dottor Antonio Di Muzio, responsabile del Centro regionale per le malattie neuromuscolari del policlinico di Chieti. Riguarderà, nella fase iniziale, l‘amiloidosi familiare, una grave patologia ereditaria che colpisce il […]
Malattie rare, il 5 luglio la Regione Abruzzo presenta il rapporto sulla cura amiloidosi hattr
Giovedì 5 luglio alle ore 11, presso la sala Filomena delli Castelli di Pescara (sede Regione Abruzzo, viale Bovio 445), l’Assessore alle politiche sanitarie Silvio Paolucci e il dott.or Antonio Di Muzio (neurologo dell’ospedale S.S. Annunziata di Chieti), presenteranno i risultati di un rapporto sulla cura e la presa in carico del paziente affetto da […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila