Salute 28 aprile 2017

‘Il bambino di vetro’, un libro per vivere appieno superando la paura del “drago” emofilia

La storia di Pino, un bambino emofilico fragile e insicuro, raccontata dalla sapiente penna dello scrittore e artista plurimpremiato, Fabrizio Silei. «Tutti ci sentiamo fragili e incompresi» racconta l’autore ma «La bellissima rosa può vivere meno del bocciolo mangiucchiato e appassito. Una lezione di verità e di speranza per tutti coloro che soffrono e convivono con malattie difficili e croniche»

Drago rosso non mi fai paura. Che cosa vuol dire vivere con una malattia rara? Cosa prova un bambino che deve rinunciare alla spensieratezza dell’infanzia? È possibile che dietro una visibile fragilità si celi una forza straordinaria?

Tutto questo ce lo racconta Fabrizio Silei ne ‘Il bambino di vetro’. Il noto scrittore di storie per ragazzi, Premio Andersen sia nel 2012 che nel 2014, ha dato vita ad un racconto di altri tempi, dove, con gli occhi di un bambino debilitato, che vuole a tutti i costi vivere la sua infanzia a dispetto della malattia che lo affligge, il lettore compie un cammino di crescita faticoso ma estremamente costruttivo.

La copertina del libro edito da Einaudi Ragazzi, anticipa al lettore il percorso di lotta che sta per affrontare: un bambino che combatte contro un Drago mentre la creatura cerca di imprigionarlo tra le sue spire. Spire rosse, un colore che i malati emofilici conoscono bene perché è il colore del sangue che può sgorgare indesiderato anche dalle ferite più lievi. Il Drago in copertina, probabilmente rappresenta l’emofilia, quella malattia rara che si manifesta con emorragie provocate anche da leggere lesioni contro cui Pino, il protagonista del libro, deve combattere da quando è nato.

Perché è l’emofilia il brutto male da cui è afflitto il protagonista ma l’autore sceglie di non nominare mai la malattia nel corso del racconto perché questo «non è il romanzo su un caso, ma su una fragilità» spiega Silei. «Per questa ragione non uso mai la parola ‘emofilia’, per permettere a ciascuno di identificarsi con Pino e di proiettare le proprie fragilità sul protagonista, capendo meglio il libro. Siamo dentro una metafora, non in un romanzo su un caso clinico. Se si fosse intitolato ‘Il bambino emofiliaco’, molti ragazzini leggendolo non sarebbero riusciti a identificarsi con l’universalità della condizione di Pino» sottolinea l’autore.

«La storia di Pino è la storia di un bambino molto fragile, di vetro appunto, iperprotetto dalla famiglia, che inizia a vivere grazie a un nuovo amico, Marco, che lo libera dallo stigma della sua condizione». Fabrizio Silei racconta l’essenza del suo libro, un testo sul coraggio e sul rischio, perché «rischiare è l’unico modo di vivere per tutti, non solo per Pino» ci tiene a sottolineare l’autore. Ma oltre la cronaca di un’infanzia trascorsa in lotta contro una malattia insidiosa, ‘Il Bambino di vetro’ è anche una storia di amicizia, condivisione e solidarietà. Pino infatti fa amicizia con Marco, l’unico ragazzino che lo tratta come se fosse ‘normale’ e non destinato a ‘rompersi’ come fosse di vetro. Marco riesce ad insegnare al suo fragile amico a vivere la sua condizione senza che il male prenda il sopravvento, a dimostrazione che non esiste ‘il diverso’ ma che tutto può far parte dello stesso mondo basta averne cura.

«Marco, laddove perfino i genitori di Pino vedono prima il malato e poi il bambino – spiega l’autore – riesce a vedere, invece, prima il bambino e poi il malato e, semplicemente, va a prenderlo e lo ‘porta fuori’. Così facendo, improvvisamente, anche tutti gli altri intorno a Pino, cominciano a capire e vedere prima il bambino e solo poi, incidentalmente, il malato».

Oltre all’amico Marco, nel libro di Silei ci sono altri personaggi che ruotano intorno al protagonista: c’è un padre affettuoso combattuto fra l’ansia protettiva che lo spinge a tutelare il figlio e la volontà di farlo sentire come tutti gli altri bambini. «Il padre rappresenta colui che ama nel modo giusto – spiega Silei – e vorrebbe lasciare andare il figlio ma non può farlo per paura che ‘si rompa’ e perché capisce che la madre non è ancora pronta». Poi c’è la figura inquietante della nonna materna che confonde la protezione nei confronti del nipote con l’ossessione di proteggerlo anche contro la sua felicità «la nonna è la presunzione – interviene l’autore – scambia l’amore con il possesso e intende far valere con la forza una presunta autorità e superiorità». Infine Marco e gli altri bambini «che rappresentano l’amicizia disinteressata che entra nella vita di Pino e lo salva».

Nel finale del libro, paradossalmente, al contrario di quello che il lettore può immaginare, Pino vive a pieno la sua vita e giunto ad un’età adulta, ce la racconta voltandosi indietro. È invece con grande rammarico che il protagonista adulto, ci annuncia che il suo caro amico Marco è morto giovane. Questo ‘capovolgimento’ dell’aspettativa del lettore è straordinaria e nasconde la morale del testo che l’autore spiega facendo riferimento ad uno dei capitoli del libro: «Tra le pagine c’è un paragrafo che si intitola ‘Il segreto delle rose’ e racconta di Arganio, il vecchio giardiniere che spiega a Pino che nessuno può decidere come andrà la vita e che spesso ciò che ci si attende viene stravolto dagli eventi. La bellissima rosa può vivere meno del bocciolo mangiucchiato e appassito alla prova dei fatti. Una lezione di verità, insomma e di speranza per tutti coloro che soffrono e convivono con malattie difficili e croniche».

‘Il bambino di vetro’ ci insegna che non bisogna soffocare la vita nel timore e del pregiudizio. È importante che, pur accettando la condizione che l’esistenza ci impone, si provi a viverla appieno. Inoltre non esiste una verità, non esiste una sola direzione, tutto può cambiare, niente è prevedibile, il coraggio può guidare le nostre azioni e quelle di coloro che ci stanno accanto, l’importante è credere nell’immaginazione e avere fiducia nel prossimo. Tutti siamo Pino e Pino è in ognuno di noi perché «siamo tutti fragili e ultimi – conclude l’autore – ci sentiamo inadeguati o rifiutati, per questo ci identifichiamo nella particolare e misteriosa condizione del protagonista».

Articoli correlati
Malattie croniche degli adolescenti: firmata l’alleanza per la continuità assistenziale tra Bambino Gesù e Campus Bio-Medico
Alleanza tra Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con la firma del protocollo d’intesa per la “transizione nella cura”. Un accordo di collaborazione per garantire la continuità delle cure mediche ai pazienti adolescenti dell’ospedale pediatrico romano affetti da malattie croniche di natura congenita o degenerativa oltre il termine dell’età pediatrica. Un fenomeno […]
Emofilia, premiato il progetto dedicato alla robotica dell’associazione ACEP di Torino
È l’associazione piemontese Coagulopatici ed Emofilici Piemontesi Massimo Chesta onlus (ACEP) di Torino ad aggiudicarsi uno dei premi messi in palio all’interno del contest nazionale dedicato all’emofilia A.B.L.E. – A Better Life with Emofilia, realizzato da Bayer, con il progetto Ben-Essere: Un Robot Per Amico. «Il ricavato di questo premio sarà destinato all’acquisto di un gioco innovativo, che coinvolge adulti […]
Malattie croniche e terapia domiciliare, Rossella Parini (pediatra metabolico): «Italia Paese ‘a pezzi’ che va ricompattato»
Nella gestione di queste patologie grandi disparità tra le regioni. La consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma: «Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia»
Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, partono i lavori: obiettivo riduzione diseguaglianze geografiche e sociali
Riduzione delle principali disuguaglianze sociali e geografiche che si osservano nel Paese, definizione di indicatori omogenei, misurabili e robusti collegati al monitoraggio dei Lea, azione proattiva mirata a intercettare i bisogni di salute. Sono queste alcune delle linee prioritarie per il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, frutto di un primo incontro che si è tenuto […]
Novo Nordisk apre uno stabilimento per produrre terapie a base di cellule staminali in California
Novo Nordisk aprirà nel 2019 un sito produttivo per lo sviluppo e la produzione di terapie a base di cellule staminali a Fremont in California. Lo stabilimento sarà destinato a fornire cure basate sulle cellule staminali per i programmi di sperimentazione clinica di Novo Nordisk negli ambiti del diabete tipo 1 e di altre gravi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...