Salute 15 Maggio 2015

Ebola, «Informazione corretta per evitare allarmismi»

Intervista ad Emilia De Biasi, presidente Commissione Sanità del Senato

Immagine articolo

Ebola è tornato in Italia, scuotendo di nuovo le nostre paure. Le istituzioni naturalmente non restano indifferenti alla vicenda.

Il ministro Lorenzin ha sottolineato il fatto che tutti i protocolli siano stati rispettati, e che pertanto i rischi di diffusione sono pressoché nulli. Sanità informazione ha ascoltato sul tema la presidente della Commissione Igiene e Sanità al Senato, Emilia Grazia De Biasi del Pd.

«Innanzitutto faccio tanti auguri di pronta guarigione all’infermiere – dichiara la presidente –. Sono certa che lo Spallanzani con le sue capacità professionali e scientifiche lo prenderà in carico adeguatamente, affinché tutto si risolva. Ho chiesto che il Governo riferisca in Parlamento sul tema, rispettando la giusta procedura di fornire un’informazione corretta e veritiera ai cittadini, senza allarmismi – continua de Biasi – facendo luce sulle problematiche e verificando se i protocolli sanitari e l’intervento di emergenza su questa gravissima situazione siano adeguati ed efficienti, e se il personale è correttamente formato. Ma le verifiche si fanno sul campo e non a tavolino».

Le istituzioni immediatamente reagiscono: oltre all’appello al Governo anche la Farnesina si è mossa e  lo Spallanzani, eccellenza mondiale, ha preso immediatamente in carico la faccenda.
«L’Italia è riconosciuta unanimemente nel mondo come un’eccellenza in questo campo. Io insisto su un punto – sottolinea la presidente – e cioè che bisognerebbe riuscire a non far entrare soggetti a rischio. Rinnovo quindi anche l’appello perché questi straordinari volontari abbiano cura di sé, consapevoli di far parte di una comunità, e siano quindi i primi ad attuare la prevenzione. I dati internazionali sono confortanti: l’epidemia si sta affievolendo in modo consistente – conclude De Biasi – e ora ancor di più bisogna fare attenzione alla formazione e alle corrette procedure igieniche, di profilassi, di prevenzione, per evitare che il personale sanitario a contatto coi malati venga contagiato».

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...