Salute 15 Maggio 2015 17:57

Ebola, «Informazione corretta per evitare allarmismi»

Intervista ad Emilia De Biasi, presidente Commissione Sanità del Senato

Ebola, «Informazione corretta per evitare allarmismi»

Ebola è tornato in Italia, scuotendo di nuovo le nostre paure. Le istituzioni naturalmente non restano indifferenti alla vicenda.

Il ministro Lorenzin ha sottolineato il fatto che tutti i protocolli siano stati rispettati, e che pertanto i rischi di diffusione sono pressoché nulli. Sanità informazione ha ascoltato sul tema la presidente della Commissione Igiene e Sanità al Senato, Emilia Grazia De Biasi del Pd.

«Innanzitutto faccio tanti auguri di pronta guarigione all’infermiere – dichiara la presidente –. Sono certa che lo Spallanzani con le sue capacità professionali e scientifiche lo prenderà in carico adeguatamente, affinché tutto si risolva. Ho chiesto che il Governo riferisca in Parlamento sul tema, rispettando la giusta procedura di fornire un’informazione corretta e veritiera ai cittadini, senza allarmismi – continua de Biasi – facendo luce sulle problematiche e verificando se i protocolli sanitari e l’intervento di emergenza su questa gravissima situazione siano adeguati ed efficienti, e se il personale è correttamente formato. Ma le verifiche si fanno sul campo e non a tavolino».

Le istituzioni immediatamente reagiscono: oltre all’appello al Governo anche la Farnesina si è mossa e  lo Spallanzani, eccellenza mondiale, ha preso immediatamente in carico la faccenda.
«L’Italia è riconosciuta unanimemente nel mondo come un’eccellenza in questo campo. Io insisto su un punto – sottolinea la presidente – e cioè che bisognerebbe riuscire a non far entrare soggetti a rischio. Rinnovo quindi anche l’appello perché questi straordinari volontari abbiano cura di sé, consapevoli di far parte di una comunità, e siano quindi i primi ad attuare la prevenzione. I dati internazionali sono confortanti: l’epidemia si sta affievolendo in modo consistente – conclude De Biasi – e ora ancor di più bisogna fare attenzione alla formazione e alle corrette procedure igieniche, di profilassi, di prevenzione, per evitare che il personale sanitario a contatto coi malati venga contagiato».

Articoli correlati
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...