Salute 4 Novembre 2020 11:00

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Decisioni prese senza dati affidabili. Ecco perché oggi è peggio di marzo»

Il Presidente della Fondazione Gimbe al governo: «Siano resi espliciti e riproducibili i criteri per l’attribuzione del livello di rischio. Riguarda la vita di 60 milioni di italiani». Poi sottolinea: «Le misure prese sinora sono troppo blande»

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Decisioni prese senza dati affidabili. Ecco perché oggi è peggio di marzo»

«Molti dicono che non è come a marzo, ma io dico che è peggio di marzo perché c’è il coinvolgimento del centro-sud, abbiamo di fronte parte dell’autunno e l’inverno, il personale sanitario è sotto pressione e meno motivato e ci sono attriti tra governo, regioni ed enti locali». È un quadro pessimista sull’andamento dell’epidemia da Covid-19 quello che Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ha tracciato davanti ai senatori della Commissione Igiene e Sanità.

Le slide e i grafici mostrati in videoconferenza sono pieni di curve che si impennano e di dati preoccupanti. Tutto è ricominciato dalla prima settimana di ottobre.

«Il rapporto positivi-casi testati si è impennato fino a raggiungere quasi il 25% – ha ricordato Cartabellotta -. Quasi un soggetto su due testato è positivo al tampone molecolare in alcune regioni come Veneto e Valle d’Aosta. Se guardiamo il numero di casi per 100mila abitanti vediamo che l’epidemia è molto più diffusa rispetto a quanto indicano i numeri attuali».

LE QUATTRO CURVE

«Le quattro curve (ricoveri ordinari, terapia intensive, casi e decessi) – ha ricordato, il presidente della Fondazione Gimbe – sono sostanzialmente sovrapponibili e sappiamo che la curva dei decessi ha circa una settimana di ritardo sulle altre. Sappiamo anche che esiste un rapporto costante di pazienti ricoverati con sintomi e in terapia intensiva: 10 a uno».

Il presidente di Gimbe ha spiegato le ragioni di questa situazione: «Purtroppo siamo in costante ritardo sul virus, anche perché dal contagio alla notifica passano 15 giorni. Il sistema di tracing è saltato in tutto il territorio nazionale. Ci sono diverse regioni che non hanno un dato di sorveglianza completo e vengono inserite tra quelle con rischio elevato».

Secondo Cartabellotta l’indice Rt da solo non può rappresentare un indicatore sufficiente: «Riflette i contagi di un mese fa. Servono altri parametri. Le misure prese sinora sono troppo blande rispetto alla velocità dei contagi e questo ritardo ci sta spingendo verso un lockdown totale».

CARTABELLOTTA: «DATI SIANO ACCESSIBILI PER ANALISI INDIPENDENTI»

Diverse le richieste che la Fondazione Gimbe pone al governo e molte riguardano l’accessibilità al database in formato open data a tutti i ricercatori per realizzare analisi indipendenti: «Stiamo prendendo decisioni senza dati affidabili – continua Cartabellotta -. Occorrono i numeri dei contagi comune per comune, mentre oggi conosciamo solo quelli per province. Dovremmo avere i dettagli per provincia e comune con dati di ospedalizzati, di persone in isolamento, dei tamponi e dei casi testati. Oggi abbiamo solo dati a livello regionale».

Infine, alla vigilia della divisione in tre dell’Italia come stabilito dall’ultimo Dpcm, Cartabellotta chiede «che siano resi espliciti e riproducibili i criteri per l’attribuzione del livello di rischio. Riguarda la vita di 60 milioni di italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...