Salute 4 Novembre 2020 11:00

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Decisioni prese senza dati affidabili. Ecco perché oggi è peggio di marzo»

Il Presidente della Fondazione Gimbe al governo: «Siano resi espliciti e riproducibili i criteri per l’attribuzione del livello di rischio. Riguarda la vita di 60 milioni di italiani». Poi sottolinea: «Le misure prese sinora sono troppo blande»

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Decisioni prese senza dati affidabili. Ecco perché oggi è peggio di marzo»

«Molti dicono che non è come a marzo, ma io dico che è peggio di marzo perché c’è il coinvolgimento del centro-sud, abbiamo di fronte parte dell’autunno e l’inverno, il personale sanitario è sotto pressione e meno motivato e ci sono attriti tra governo, regioni ed enti locali». È un quadro pessimista sull’andamento dell’epidemia da Covid-19 quello che Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ha tracciato davanti ai senatori della Commissione Igiene e Sanità.

Le slide e i grafici mostrati in videoconferenza sono pieni di curve che si impennano e di dati preoccupanti. Tutto è ricominciato dalla prima settimana di ottobre.

«Il rapporto positivi-casi testati si è impennato fino a raggiungere quasi il 25% – ha ricordato Cartabellotta -. Quasi un soggetto su due testato è positivo al tampone molecolare in alcune regioni come Veneto e Valle d’Aosta. Se guardiamo il numero di casi per 100mila abitanti vediamo che l’epidemia è molto più diffusa rispetto a quanto indicano i numeri attuali».

LE QUATTRO CURVE

«Le quattro curve (ricoveri ordinari, terapia intensive, casi e decessi) – ha ricordato, il presidente della Fondazione Gimbe – sono sostanzialmente sovrapponibili e sappiamo che la curva dei decessi ha circa una settimana di ritardo sulle altre. Sappiamo anche che esiste un rapporto costante di pazienti ricoverati con sintomi e in terapia intensiva: 10 a uno».

Il presidente di Gimbe ha spiegato le ragioni di questa situazione: «Purtroppo siamo in costante ritardo sul virus, anche perché dal contagio alla notifica passano 15 giorni. Il sistema di tracing è saltato in tutto il territorio nazionale. Ci sono diverse regioni che non hanno un dato di sorveglianza completo e vengono inserite tra quelle con rischio elevato».

Secondo Cartabellotta l’indice Rt da solo non può rappresentare un indicatore sufficiente: «Riflette i contagi di un mese fa. Servono altri parametri. Le misure prese sinora sono troppo blande rispetto alla velocità dei contagi e questo ritardo ci sta spingendo verso un lockdown totale».

CARTABELLOTTA: «DATI SIANO ACCESSIBILI PER ANALISI INDIPENDENTI»

Diverse le richieste che la Fondazione Gimbe pone al governo e molte riguardano l’accessibilità al database in formato open data a tutti i ricercatori per realizzare analisi indipendenti: «Stiamo prendendo decisioni senza dati affidabili – continua Cartabellotta -. Occorrono i numeri dei contagi comune per comune, mentre oggi conosciamo solo quelli per province. Dovremmo avere i dettagli per provincia e comune con dati di ospedalizzati, di persone in isolamento, dei tamponi e dei casi testati. Oggi abbiamo solo dati a livello regionale».

Infine, alla vigilia della divisione in tre dell’Italia come stabilito dall’ultimo Dpcm, Cartabellotta chiede «che siano resi espliciti e riproducibili i criteri per l’attribuzione del livello di rischio. Riguarda la vita di 60 milioni di italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, nuovo report cabina di regia: «Chiara accelerazione aumento incidenza. Servono misure urgenti»
Pubblicato il monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute: Rt stabile a 0,99. Cinque regioni a rischio alto
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano