Salute 4 Novembre 2020 12:08

Covid-19, Crisanti: «Numero letti in terapia intensiva criterio distorsivo. Virus va anticipato in tre mosse»

Il professore di Microbiologia dell’Università di Padova in audizione in Commissione Sanità al Senato ha spiegato: «Se a Vo’ Euganeo non avessimo testato tutti si sarebbe contagiato l’80% della popolazione». Poi sottolinea: «Gli indicatori più validi sono la densità di popolazione e la percentuale di positivi»

Covid-19, Crisanti: «Numero letti in terapia intensiva criterio distorsivo. Virus va anticipato in tre mosse»

«La percentuale di letti occupati in rianimazione introduce un effetto distorsivo sul sistema. In questo modo chi ha più letti, permette al virus di correre di più». L’analisi del microbiologo Andrea Crisanti è arrivata durante la sua audizione di fronte alla Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama e cade proprio nel giorno in cui il Presidente del Consiglio ha firmato il nuovo Dpcm che prevede la divisione dell’Italia in tre con diversi livelli di chiusure.

IL MODELLO VO’ EUGANEO

L’audizione è stata anche l’occasione per spiegare ai senatori come ha funzionato il modello veneto nato a Vo’ Euganeo dove la scorsa primavera si sono attuate misure molto efficaci per il contenimento dei contagi.

«A Vo’ c’erano 88 persone positive il 2 marzo. Le altre province avevano pochissimi casi – ricorda Crisanti -. Nei tre mesi successivi e fino al 30 maggio non ci sono stati nuovi casi».

«Senza queste misure a Vo’ abbiamo calcolato che dopo un mese, il 30 marzo, i contagi avrebbero riguardato l’80% della popolazione. Con lo screening di massa siamo riusciti ad abbattere i casi».

DAL CONTACT TRACING AL NETWORK TESTING

Il ‘modello veneto’ ha funzionato grazie a un sistema particolarmente efficiente di contact tracing, definito dal professore di Microbiologia «senza precedenti», attuato con risorse ingenti messe a disposizione della regione. Ma non è solo il contact tracing il segreto di questo metodo.

«Abbiamo anche aumentato la capacità di fare test (da 1500 test al giorno a 15mila), dove possibile abbiamo applicato questo approccio e abbiamo esteso l’accesso al test a tutte le persone che ritenessero di avere sintomi da Covid o anche agli ipocondriaci» sottolinea Crisanti.

Il successo di questo modello aveva spinto Crisanti a presentare al governo un piano per creare questo “network testing” in grado bloccare la trasmissione, piano che però alla fine è rimasto in un cassetto.

«POSTI LETTO IN TERAPIA INTENSIVA NON SONO CRITERIO VALIDO»

Crisanti ha poi criticato il criterio dei posti letto in terapia intensiva per stabilire o meno il lockdown in una regione: «Così chi ha più letti permette al virus di correre di più. Gli indicatori più validi sono la densità di popolazione e la percentuale di positivi». Parole che inevitabilmente sono destinate a riaccendere le polemiche sulle chiusure che contrappone regioni, enti locali e governo.

Il professore ha poi spiegato perché l’app Immuni sostanzialmente non sia servita a bloccare l’epidemia («Blocca le catene di trasmissione se riesce ad identificare i contatti. L’efficienza dell’app dipende dal numero di persone che la scaricano») e infine ha concluso: «Il problema è anticipare il virus, dobbiamo intercettarlo e avere informazioni. Per evitare la terza ondata bisogna creare un sistema di sorveglianza composto da tre elementi: la capacità di fare un numero di tamponi sufficiente, l’integrazione di strumenti informatici come l’app Immuni, i dati relativi alla distribuzione dei casi regione per regione e i parametri demografici, in modo da prevedere cosa accade dopo e anticipare il virus, e una logistica per rendere accessibili i test laddove sono necessari. Non dobbiamo lasciare indietro nessuno. Se ce l’ha fatta il Vietnam penso che sicuramente ce la possa fare l’Italia».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Vaccinazioni negli adulti e nei fragili, le nuove strategie per il post-Covid
Il position paper della SIMIT e l’innovativo vaccino contro l’herper zoster tra i temi protagonisti della Tavola Rotonda organizzata sul tema. «Fondamentale ripensare l’appropriatezza vaccinale alla luce di una medicina personalizzata che tenga conto di età e condizioni di salute»
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Digital Green Pass, Sileri: «Il certificato durerà sei mesi per vaccinati. Ipotesi test anticorpi per prolungarne la durata»
In audizione in Commissione Sanità, il sottosegretario ha spiegato: «L’Italia è in anticipo rispetto agli altri paesi. A giorni arriverà il formato cartaceo». Poi spiega: «Se nel periodo di vigenza semestrale l’interessato diventa positivo il certificato decade»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco