Salute 4 Novembre 2020 12:08

Covid-19, Crisanti: «Numero letti in terapia intensiva criterio distorsivo. Virus va anticipato in tre mosse»

Il professore di Microbiologia dell’Università di Padova in audizione in Commissione Sanità al Senato ha spiegato: «Se a Vo’ Euganeo non avessimo testato tutti si sarebbe contagiato l’80% della popolazione». Poi sottolinea: «Gli indicatori più validi sono la densità di popolazione e la percentuale di positivi»

Covid-19, Crisanti: «Numero letti in terapia intensiva criterio distorsivo. Virus va anticipato in tre mosse»

«La percentuale di letti occupati in rianimazione introduce un effetto distorsivo sul sistema. In questo modo chi ha più letti, permette al virus di correre di più». L’analisi del microbiologo Andrea Crisanti è arrivata durante la sua audizione di fronte alla Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama e cade proprio nel giorno in cui il Presidente del Consiglio ha firmato il nuovo Dpcm che prevede la divisione dell’Italia in tre con diversi livelli di chiusure.

IL MODELLO VO’ EUGANEO

L’audizione è stata anche l’occasione per spiegare ai senatori come ha funzionato il modello veneto nato a Vo’ Euganeo dove la scorsa primavera si sono attuate misure molto efficaci per il contenimento dei contagi.

«A Vo’ c’erano 88 persone positive il 2 marzo. Le altre province avevano pochissimi casi – ricorda Crisanti -. Nei tre mesi successivi e fino al 30 maggio non ci sono stati nuovi casi».

«Senza queste misure a Vo’ abbiamo calcolato che dopo un mese, il 30 marzo, i contagi avrebbero riguardato l’80% della popolazione. Con lo screening di massa siamo riusciti ad abbattere i casi».

DAL CONTACT TRACING AL NETWORK TESTING

Il ‘modello veneto’ ha funzionato grazie a un sistema particolarmente efficiente di contact tracing, definito dal professore di Microbiologia «senza precedenti», attuato con risorse ingenti messe a disposizione della regione. Ma non è solo il contact tracing il segreto di questo metodo.

«Abbiamo anche aumentato la capacità di fare test (da 1500 test al giorno a 15mila), dove possibile abbiamo applicato questo approccio e abbiamo esteso l’accesso al test a tutte le persone che ritenessero di avere sintomi da Covid o anche agli ipocondriaci» sottolinea Crisanti.

Il successo di questo modello aveva spinto Crisanti a presentare al governo un piano per creare questo “network testing” in grado bloccare la trasmissione, piano che però alla fine è rimasto in un cassetto.

«POSTI LETTO IN TERAPIA INTENSIVA NON SONO CRITERIO VALIDO»

Crisanti ha poi criticato il criterio dei posti letto in terapia intensiva per stabilire o meno il lockdown in una regione: «Così chi ha più letti permette al virus di correre di più. Gli indicatori più validi sono la densità di popolazione e la percentuale di positivi». Parole che inevitabilmente sono destinate a riaccendere le polemiche sulle chiusure che contrappone regioni, enti locali e governo.

Il professore ha poi spiegato perché l’app Immuni sostanzialmente non sia servita a bloccare l’epidemia («Blocca le catene di trasmissione se riesce ad identificare i contatti. L’efficienza dell’app dipende dal numero di persone che la scaricano») e infine ha concluso: «Il problema è anticipare il virus, dobbiamo intercettarlo e avere informazioni. Per evitare la terza ondata bisogna creare un sistema di sorveglianza composto da tre elementi: la capacità di fare un numero di tamponi sufficiente, l’integrazione di strumenti informatici come l’app Immuni, i dati relativi alla distribuzione dei casi regione per regione e i parametri demografici, in modo da prevedere cosa accade dopo e anticipare il virus, e una logistica per rendere accessibili i test laddove sono necessari. Non dobbiamo lasciare indietro nessuno. Se ce l’ha fatta il Vietnam penso che sicuramente ce la possa fare l’Italia».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Bambini in terapia intensiva, la proposta SIN: «Allargare le TIN anche ai primi mesi pediatrici»
In Italia carenza e disomogeneità di Terapie Intensive Pediatriche, ma il ricovero nelle TI per adulti non garantisce appropriatezza delle cure e aumenta la mortalità
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa