Salute 15 Ottobre 2020 09:54

Covid-19, Crisanti: «Il sistema di tracciamento ha fallito. Ora modulare le misure di contenimento sociale»

Intervista al microbiologo dell’università di Padova: «In Veneto il 95% dei potenziali contagiati sta attualmente a spasso. Tamponi rapidi? Solo per screening di comunità come nelle scuole»

di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Crisanti: «Il sistema di tracciamento ha fallito. Ora modulare le misure di contenimento sociale»

«Non sono ancora usciti i dati di oggi, ma se per la fine della settimana siamo a 7500 casi al giorno, ad arrivare ai numeri dell’Inghilterra ci si mette poco». E in effetti abbiamo concluso la telefonata con Andrea Crisanti, microbiologo e virologo dell’Università di Padova, pochi minuti prima che arrivasse il bollettino dei nuovi casi al 14 ottobre. Record di sempre, con 7332 positivi su oltre 150mila tamponi effettuati. Crisanti, volto ormai notissimo di cronache tv e radio e parte degli ospiti del Festival della Scienza Medica, ha aggiunto, riprendendo una sua precedente affermazione già data alla stampa: «In Inghilterra con questi numeri hanno già affermato che intendono proporre un lockdown durante le vacanze di Natale, il che mi pare la cosa più logica e, anzi, la meno dura possibile». Affermazione poi commentata dal premier Giuseppe Conte: «Non faccio previsioni per Natale – ha detto ai giornalisti -, al momento penso alle misure più idonee, adeguate e sostenibili per prevenire un lockdown. Però dipenderà molto dal comportamento di tutta la comunità nazionale».

Professor Crisanti, possiamo a questo punto affermare che il sistema di tracciamento ha fallito?

«Certo che possiamo, lo dicono i numeri, che altro possiamo dire?».

Lei ha sostenuto che attualmente ci limitiamo a inseguire il virus, invece che ad anticiparlo.

«Basta osservare il numero dei casi identificati e quello degli isolati. Ho il dato del Veneto con 350 casi accertati e 660 isolati, compresi gli accertati. Questo vuol dire che sono state isolate 300 persone, effettivamente. E se pensiamo che ognuno in media ha relazioni con 10-15 altre persone, avremmo dovuto isolare circa 5mila persone: quindi, il 95% dei potenziali contagiati o esposti sta attualmente a spasso. Con questo sistema di tracciamento che definirei inesistente, la dinamica dei contagi non può che aumentare. E aumenterà».

Si fa un gran parlare dei tamponi rapidi, anche somministrati dai medici di famiglia se necessario.

«Senta, bisognerà che si inizi a dire che questi tamponi rapidi hanno una sensibilità fra il 65 e il 70%. Ciò vuol dire che se li si usa si perdono fra il 30 e il 35% di riscontri. Su dieci persone, tre sono fuori screening. Perciò se li usiamo su di una sola persona per fare sorveglianza attiva, sinceramente credo che avranno scarso impatto. Possiamo viceversa pensarlo come strumento utile per un primo screening di comunità, nelle scuole intendo».

Sono stati in effetti diversi gli esperti che hanno raccomandato di predisporre un protocollo specifico per le scuole.

«Ma certo, e al di fuori di soluzioni del genere l’utilizzo indiscriminato dei tamponi rapidi può provocare solo una confusione paurosa. Il tampone rapido serve a isolare le catene di contagi, direi in prima istanza, sommariamente, all’interno di contesti specifici come le istituzioni scolastiche: si fa un primo tamponamento a tappeto in questi circuiti e in caso di riscontro positivo del primo giro con il tampone rapido si passa al molecolare, che ad oggi è l’unica misura affidabile».

Professor Crisanti, a questo punto c’è margine per invertire la rotta?

«Onestamente la situazione non è buona, ma il margine per recuperare c’è sempre. L’unico modo mi pare essere, e lo suggerisco, di intensificare le misure di restrizione sociale a seconda della gravità e della vicenda di trasmissione del virus, che però, se non mappata, non riusciamo a intercettare».

 

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco