Salute 15 Dicembre 2015 17:38

Così i capolavori d’arte diventano un’esperienza polisensoriale

Si parte all’Ara Pacis con il progetto “Art for the Blind” di SIFI e Tooteko con la partnership di Benetton

Così i capolavori d’arte diventano un’esperienza polisensoriale

Le meraviglie dell’arte “viste” finalmente da tutti. Si comincia proprio con quelle di Roma, dove nei giorni scorsi, in occasione della conferenza stampa “Innovazioni integrate a favore della persona ipovedente e non vedente”, è stato presentato l’importante progetto sperimentale “Art for the Blind” all’Ara Pacis, che aiuterà i visitatori provenienti da tutte le parti del mondo, affetti da cecità o da patologie riduttive della vista, a fruire dell’esplorazione poli-sensoriale del Monumento dell’Ara Pacis.


Un’idea innovativa che impatta sul mondo della sanità e della tecnologia, oltre che del sociale, sostenuta dalla SIFI (Società Industria Farmaceutica Italiana).

«Il progetto Art for the Blind – spiega alle telecamere di Sanità informazione presenti alla conferenza stampa Fabrizio Chines, presidente esecutivo di SIFI – nasce con l’obiettivo di mettere a disposizione di ipovedenti e non vedenti l’esperienza sensoriale che hanno i normodotati quando visitano una bellezza come l’Ara Pacis.  Si tratta, in sostanza, di un sistema tecnologico che rende l’esperienza tattile e uditiva il più vicino possibile a quella visiva che è disponibile a coloro che non hanno disabilità. La nostra mission è curare la vista, ed il nostro obiettivo è collaborare con aziende innovative che possano rendere disponibili le nuove tecnologie per chi ha delle disabilità visive».

Requisiti che certo non mancano alla Tooteko, la startup veneziana che ha realizzato il dispositivo che permetterà ai non vedenti di godere a pieno dei capolavori dell’arte, grazie all’idea sviluppata dalla dottoressa Serena Ruffato: «Ho presentato il progetto nella mia tesi di master in architettura digitale, lo IUAV di Venezia – racconta Ruffato – Abbiamo cominciato a studiare i modelli tridimensionali tattili per non vedenti e quando è stato il momento di dare una spiegazione sull’opera al non vedente, ci è sorta questa idea di collegare al tatto una informazione audio precisa di ciò che si stava effettivamente toccando in quel momento. L’idea è stata elaborata in quello che oggi presentiamo: il nostro nuovo dispositivo portatile, un anello in grado di riconoscere speciali sensori NFC e di farne corrispondere al tocco, delle informazioni audio direttamente su smartphone o tablet via Bluetooth. In questo modo, il non vedente potrà collegare all’esperienza tattile delle informazioni audio particolari che spiegano esattamente ciò che sta toccando».

Il progetto sostenuto dalla SIFI, inoltre, ha potuto contare sulla partnership d’eccezione di Alessandro Benetton, presidente di 21 Investimenti S.p.A., patron dell’evento. «Fa sempre piacere – ha dichiarato Benetton ai nostri microfoni – vedere aziende con dei progetti che vanno oltre la vita degli individui. In fin dei conti, ciò che conta davvero come obiettivo sociale è realizzare qualcosa che migliori la vita delle persone nel lungo termine, e che quindi vada oltre le attività imprenditoriali del singolo. La SIFI – continua Benetton – azienda del Sud e fatta di giovani è, in tal senso, un caso entusiasmante. Un successo fatto non solo di sorprendenti fattori numerici e imprenditoriali, ma dall’impegno sociale di aver pensato al benessere dei propri dipendenti».

Articoli correlati
Giornata mondiale della vista, il 20% degli over 65 ha un problema e non lo sa
Quasi una persona con più di 65 anni d'età su 4 credono di vedere bene, ma in realtà presentano i segni iniziali di patologia della vista molto gravi. A lanciare l'allarme è stata l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità, IAPB Italia Onlus, in vista della Giornata Mondiale della Vista che si celebra il 12 ottobre
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Oftalmologia, arriva dalla Sicilia la terapia innovativa per l’edema maculare diabetico
La cura che migliora la qualità della vita e riduce i costi a carico del SSN, Chines (SIFI):  «Per i pazienti una sola infiltrazione intravitreale ogni tre anni e non più una ogni tre mesi»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...