Salute 15 dicembre 2015

Così i capolavori d’arte diventano un’esperienza polisensoriale

Si parte all’Ara Pacis con il progetto “Art for the Blind” di SIFI e Tooteko con la partnership di Benetton

Immagine articolo

Le meraviglie dell’arte “viste” finalmente da tutti. Si comincia proprio con quelle di Roma, dove nei giorni scorsi, in occasione della conferenza stampa “Innovazioni integrate a favore della persona ipovedente e non vedente”, è stato presentato l’importante progetto sperimentale “Art for the Blind” all’Ara Pacis, che aiuterà i visitatori provenienti da tutte le parti del mondo, affetti da cecità o da patologie riduttive della vista, a fruire dell’esplorazione poli-sensoriale del Monumento dell’Ara Pacis.


Un’idea innovativa che impatta sul mondo della sanità e della tecnologia, oltre che del sociale, sostenuta dalla SIFI (Società Industria Farmaceutica Italiana).

«Il progetto Art for the Blind – spiega alle telecamere di Sanità informazione presenti alla conferenza stampa Fabrizio Chines, presidente esecutivo di SIFI – nasce con l’obiettivo di mettere a disposizione di ipovedenti e non vedenti l’esperienza sensoriale che hanno i normodotati quando visitano una bellezza come l’Ara Pacis.  Si tratta, in sostanza, di un sistema tecnologico che rende l’esperienza tattile e uditiva il più vicino possibile a quella visiva che è disponibile a coloro che non hanno disabilità. La nostra mission è curare la vista, ed il nostro obiettivo è collaborare con aziende innovative che possano rendere disponibili le nuove tecnologie per chi ha delle disabilità visive».

Requisiti che certo non mancano alla Tooteko, la startup veneziana che ha realizzato il dispositivo che permetterà ai non vedenti di godere a pieno dei capolavori dell’arte, grazie all’idea sviluppata dalla dottoressa Serena Ruffato: «Ho presentato il progetto nella mia tesi di master in architettura digitale, lo IUAV di Venezia – racconta Ruffato – Abbiamo cominciato a studiare i modelli tridimensionali tattili per non vedenti e quando è stato il momento di dare una spiegazione sull’opera al non vedente, ci è sorta questa idea di collegare al tatto una informazione audio precisa di ciò che si stava effettivamente toccando in quel momento. L’idea è stata elaborata in quello che oggi presentiamo: il nostro nuovo dispositivo portatile, un anello in grado di riconoscere speciali sensori NFC e di farne corrispondere al tocco, delle informazioni audio direttamente su smartphone o tablet via Bluetooth. In questo modo, il non vedente potrà collegare all’esperienza tattile delle informazioni audio particolari che spiegano esattamente ciò che sta toccando».

Il progetto sostenuto dalla SIFI, inoltre, ha potuto contare sulla partnership d’eccezione di Alessandro Benetton, presidente di 21 Investimenti S.p.A., patron dell’evento. «Fa sempre piacere – ha dichiarato Benetton ai nostri microfoni – vedere aziende con dei progetti che vanno oltre la vita degli individui. In fin dei conti, ciò che conta davvero come obiettivo sociale è realizzare qualcosa che migliori la vita delle persone nel lungo termine, e che quindi vada oltre le attività imprenditoriali del singolo. La SIFI – continua Benetton – azienda del Sud e fatta di giovani è, in tal senso, un caso entusiasmante. Un successo fatto non solo di sorprendenti fattori numerici e imprenditoriali, ma dall’impegno sociale di aver pensato al benessere dei propri dipendenti».

Articoli correlati
Oftalmologia, SIFI e Polpharma annunciano partnership
SIFI, leader italiano nello sviluppo e nella commercializzazione di terapie oftalmiche, e Polpharma, leader nel mercato farmaceutico polacco, annunciano una partnership strategica commerciale, rivolta al mercato Europeo. L’accordo consentirà di arricchire il portafoglio prodotti di entrambe le Aziende e di fornire una gamma più completa di terapie oftalmiche al mercato internazionale. Le reciproche area terapeutiche […]
SIFI (società farmaceutica oftalmica italiana) apre una nuova filiale in Spagna
SIFI, la principale società farmaceutica oftalmica italiana, leader nello sviluppo di soluzioni innovative per il trattamento delle patologie oculari, è lieta di annunciare l’apertura di SIFI IBERICA SL, nuova filiale spagnola integralmente di proprietà del Gruppo SIFI, situata a Madrid. La nuova filiale SIFI nasce con l’obiettivo di gestire direttamente la commercializzazione dei propri prodotti […]
Sifi, Andrea Quaglino nuovo Chief Financial Officer
SIFI, azienda italiana leader nello sviluppo di soluzioni per le patologie oculari, annuncia la nomina di Andrea Quaglino quale nuovo CFO della Società a partire dalla data odierna. Andrea Quaglino riporterà direttamente a Fabrizio Chines, CEO del Gruppo. Andrea Quaglino, dopo una lunga carriera nella revisione in Deloitte & Touche, ha ricoperto il ruolo di CFO in Molmed S.p.A., società biotech quotata alla borsa di […]
Nuovo traguardo per la chirurgia oftalmica italiana: 52° impianto di protesi su pazienti con retinite pigmentosa
Sono ora ben 52 gli interventi di impianto di protesi retinica Argus II eseguiti in Italia in quasi 7 anni. Un traguardo importante per il nostro Paese, raggiunto grazie ad eccellenze italiane nel campo della chirurgia oftalmica e alla possibilità di usufruire in alcune Regioni della copertura del servizio sanitario nazionale, quali Toscana, Lombardia e […]
Milano, Ospedale San Paolo: intervento di retina artificiale e dimissione in 24h
La retinite pigmentosa è una malattia degenerativa su base genetica, estremamente invalidante e che porta generalmente alla cecità. La maggior parte dei pazienti raggiunge il grado di cecità legale attorno all’età di 40 anni. A due anni dal primo intervento effettuato per curare una grave forma di retinite pigmentosa, all’Ospedale San Paolo (ASST Santi Paolo e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...