Salute 24 Gennaio 2020

Coronavirus, l’eccellenza Spallanzani e la lezione di Sars ed Ebola. Ippolito: «Formazione necessaria per gestire emergenze»

Presentate le misure predisposte per fronteggiare eventuali emergenze legate al virus cinese. D’Amato (Regione Lazio): «Ottime professionalità in tutte le nostre strutture sanitarie»

«Negli ultimi 30 anni l’Istituto Spallanzani di Roma ha gestito diversi casi difficili, dalla Sars ad Ebola, e ha sviluppato procedure codificate per tutte queste malattie, sia in Italia che nei Paesi in cui si verificano. Questo fa sì che ci sia personale che normalmente si occupa di gestire e di mettere a punto sistemi diagnostici». Così il Direttore Scientifico dell’Istituto Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito, a margine della conferenza organizzata dall’assessorato alla Salute della Regione Lazio nell’ospedale romano sulle misure predisposte per fronteggiare eventuali emergenze legate al Coronavirus. «Il personale – spiega ancora Ippolito – segue percorsi di formazione sui vari aspetti, come vestizione e svestizione».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS CINA, SIMEDET: «ECCO QUELLO CHE C’È DA SAPERE»

Di recente, ricorda poi Ippolito, è stato realizzato «un bel programma di formazione, con inclusa una simulazione sulla vicenda Ebola», che ha visto la collaborazione, tra gli altri, di Spallanzani e Consulcesi (da cui è nato il Film Formazione “e-bola”). «Tutto questo – continua Ippolito – aiuta a sbagliare di meno. Perché in situazioni del genere l’ansia, lo stress, la preoccupazione viene in tutti. Il segreto è, appunto, riuscire a sbagliare di meno». La formazione del personale sanitario è dunque fondamentale ed essere costantemente aggiornati anche su patologie nuove (come appunto il Coronavirus) risulta determinante: «Con la procedura di informativa stabilita dal ministero della Salute – conclude Ippolito – tutte le Regioni italiane faranno qualcosa di questo tipo».

«Abbiamo ottime professionalità qui allo Spallanzani – fa eco Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio – ma anche in tutte le altre strutture della rete d’emergenza. Oggi c’è stato un incontro in cui sono state illustrate le modalità operative. È stata assunta la decisione di centralizzare eventuali casi sospetti presso lo Spallanzani, dove verranno anche inviati i relativi campioni. È stata una riunione molto operativa che ha coinvolto tutti i pronto soccorso di Roma e del Lazio, nonché i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, proprio per trasferire le modalità di gestione di eventuali alert. Il nostro personale – spiega ancora l’assessore D’Amato – è altamente qualificato. Negli anni scorsi sono state gestite pandemie importanti, dalla Sars all’Ebola, per cui si conoscono bene quali sono le modalità operative. Da un punto di vista scientifico, seguiremo l’evoluzione secondo le indicazioni che verranno date a livello nazionale, in quanto il nostro protocollo operativo non fa altro che mettere in atto le indicazioni che sono state date dalla circolare del ministero della Salute, adattate ovviamente al contesto della nostra Regione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, terza vittima e 152 casi accertati in Italia. Scuole e università chiuse al Nord
Chiuso per Coronavirus il Nord Italia. Migliaia i tamponi effettuati, Borrelli: «Per questo numeri elevati, in Paesi Ue attenzione minore»
Coronavirus, ecco cosa devono fare MMG, pediatri e ospedali. Le linee guida del ministero della Salute
Elencate le procedure da seguire in caso di casi sintomatici, di contatti stretti negativi al test e di soggetti positivi. Specificati i comportamenti da tenere in fase di triage telefonico, accesso ai pronto soccorso e ricovero nelle strutture ospedaliere e descritte le procedure di vestizione e svestizione degli operatori sanitari
La diffusione del Coronavirus in tempo reale
Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.
Coronavirus, Cdm adotta decreto legge per gestire e contenere emergenza. Ecco le misure previste
Sono 79 i contagiati in Italia, compresi i due decessi ed il ricercatore guarito: 55 in Lombardia, 17 in Veneto, 2 in Emilia Romagna, 2 nel Lazio e 1 in Piemonte. 18 sono in terapia intensiva. Vietato entrare o uscire dai comuni dei focolai, stop alle manifestazioni sportive previste in Veneto e Lombardia per oggi, 23 febbraio, e sospesi tutti i viaggi d’istruzione in Italia e all’estero. Arresto fino a tre mesi e 206 euro di multa per chi non rispetta il provvedimento
Coronavirus, i medici di famiglia ai pazienti con sintomi sospetti: «Non venite negli studi». In arrivo schede per triage telefonico
FIMMG e SIMG mettono in campo un protocollo. Scotti: «Nessun allarmismo, solo misure di prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...