Voci della Sanità 24 Gennaio 2020

Coronavirus Cina, Simedet: «Ecco quello che c’è da sapere»

Background ed epidemiologia Nel Dicembre 2019 è stato isolato un nuovo coronavirus nella regione di  Wuhan, in Cina. Il numero di casi collegati a questo focolaio sta cambiando rapidamente. Sono stati segnalati casi anche in altre città della Cina e al di fuori di essa. I sintomi associati al nuovo coronavirus, denominato 2019-nCOV, sono simili […]

Background ed epidemiologia

Nel Dicembre 2019 è stato isolato un nuovo coronavirus nella regione di  Wuhan, in Cina. Il numero di casi collegati a questo focolaio sta cambiando rapidamente. Sono stati segnalati casi anche in altre città della Cina e al di fuori di essa.

I sintomi associati al nuovo coronavirus, denominato 2019-nCOV, sono simili a diverse malattie respiratorie e includono febbre, tosse secca, mal di gola e mal di testa.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, SCANNER E CONTROLLI A FIUMICINO PER IL VOLO WUHAN-ROMA. NESSUN CASO SOSPETTO

La maggior parte dei contati è stata collegata all’esposizione ad animali vivi in ​​un mercato di frutti di mare nella città di Wuhan, ma più recentemente sono stati identificati casi che suggeriscono che il virus può diffondersi  tra le persone, ma la facilità e l’estensione della trasmissione da uomo a uomo devono ancora essere determinate. Le manifestazioni cliniche dell’infezione da 2019 – nCOV appaiono al momento simili a quelle degli altri coronavirus.

Secondo il dott. Manuel Monti, responsabile Medicina dell’ Ospedale di Assisi e vicepresidente della SIMEDET: «I coronavirus sono ospiti abituali di molti mammiferi, quali gatti, cani, suini, dromedari e pipistrelli. Ma anche di specie avicole domestiche come polli e tacchini. La SARS ad esempio  è stata introdotta a seguito del consumo alimentare di un mammifero selvatico, la civetta delle palme, un alimento diffuso in alcune zone della Cina. La principale fonte di contagio della MERS per l’uomo – continua – sono invece i dromedari, anche se si pensa che il serbatoio naturale del virus siano alcune specie di pipistrelli. Non si conosce ancora l’origine del nuovo coronavirus ma – afferma Monti – sicuramente proviene da qualche specie animale che vive a stretto contatto con l’uomo».

Ad oggi l’Italia, insieme all’Inghilterra e alla Francia, seppur è  un paese teoricamente esposto ha attivato tutte le procedure idonee per isolare i caso sospetti all’arrivo agli aeroporti italiani. E’ già è stato attivato il termoscan che permette di identificare un  persone con febbre proveniente dalle regioni a rischio le quali grazie ai sistemi di biocontenimento presenti negli aeroporti vengono subito identificati e messi in isolamento. E’ importante sottolineare infatti che la  Sanità di Frontiera è uno punto  di eccellenza della Sanità Italiana e già in passato ha dato prova della sua grande efficienza.

Definizione di caso provvisorio  per la segnalazione

  • 1.Infezione respiratoria acuta grave (SARI) in una persona, con febbre e tosse che ha richiesto il ricovero in ospedale, senza un’altra eziologia che spieghi pienamente la presentazione clinica (i medici dovrebbero prestare attenzione anche alla possibilità di presentazioni atipiche in pazienti immunocompromessi);

Ed uno qualsiasi dei seguenti:

  1. storia di viaggi a Wuhan, provincia di Hubei, Cina, nei 14 giorni precedenti l’insorgenza della sintomatologia;
  2. oppure la malattia si verifica in un operatore sanitario che ha lavorato in un ambiente dove si stanno curando pazienti con infezioni respiratorie acute gravi, senza considerare il luogo di residenza o la storia di viaggi.
  • 2.Una persona che manifesta un decorso clinico insolito o inaspettato, soprattutto un deterioramento improvviso nonostante un trattamento adeguato, senza tener conto del luogo di residenza o storia di viaggio, anche se è stata identificata un’altra eziologia che spiega pienamente la situazione clinica.
  • 3.Una persona con malattia respiratoria acuta di qualsiasi grado di gravità che, nei 14 giorni precedenti l’insorgenza della malattia, presenta una delle seguenti esposizioni:
  1. a) contatto stretto con un caso confermato sintomatico di infezione da nCoV;
  2. b) oppure una struttura sanitaria in un paese in cui sono state segnalate infezioni nosocomiali da nCoV;
  3. c) oppure ha visitato o ha lavorato in un mercato di animali vivi a Wuhan,Cinad.
  4. d) oppure contatto stretto con animali (se la fonte animale viene identificata) nei paesi in cui il nCoV è noto che circoli nelle popolazioni animali o dovesi sono verificate infezioni umane per presunta trasmissione zoonotica.

Linee di indirizzo in Pronto Soccorso: proposte operative

L’ OMS  ha sottolineato che seppur la situazione è sotto controllo di mantenere alto il livello di attenzione soprattutto nei Pronto Soccorsi dove è possibile che persone provenienti dalle regione in cui sono stati descritti i casi di infezione possano giungere alla comparsa dei primi sintomi.

«Nei dipartimenti di Emergenza – Urgenza – sottolinea il dott. Manuel Monti, è fondamentale osservare  le misure standard di prevenzione e controllo delle infezioni. Nei PS è fondamentale ridurre il rischio di contagio nosocomiale che, se ad oggi è considerato di difficile realizzazione per periodi brevi come l’attesa al Triage o in Osservazione Breve, non può essere sottovalutato, considerando la tipologia dei pazienti, potenzialmente immunodepressi e fragili, che si presentano in PS».

Per tale motivo bisogna identificare i pazienti “a rischio” e assumere le dovute precauzioni.

I sintomi

I più comuni sono: rialzo termico, tosse, dispnea e la presenza, alla radiografia del torace, di  lesioni infiltrative bilaterali diffuse. I pazienti che presentano questo virus presentano nella magior parte dei casi  una forma simil-influenzale che però può progredire in una forma grave, soprattutto in persone con che presentano comorbilità come malattie cardiovascolari, dismetaboliche o respiratorie.

Il personale del Pronto soccorso deve effettuare:

  • una raccolta completa di datisulla storia clinica, presentazione, insorgenza dicomplicanze, risultati degli esami diagnostici e lo sviluppo della malattia.
  • la ricerca di potenzialiesposizioninegli ultimi14giorni prima dellacomparsa della sintomatologia, inclusi viaggi recenti, esposizioni versoanimali (tipo di animali e tipodi contatto), esposizioni versoaltri pazienti coninfezioni respiratorie acute, comprese le esposizioniinambienti sanitari.
  • il consumodi materie primealimenti e bevandenon trasformate.

Questi soggetti dovrebbero essere sottoposti a test utilizzando le seguenti precauzioni:

  • utilizzo di dispositivi di protezione respiratoria tipo FFP3 senza valvola o, in alternativa, mascherina di tipo chirurgico;
  • se il paziente presenta difficoltà respiratorie fargli indossare una mascherina d’ossigeno con reservoire (senza buchi, senza aerosol).
  • se pazienti con sospetta infezione da 2019-nCOV vengono trasportati in ambulanza, già provvisti di mascherina, dovranno portare il malato in una area che verrà indicata dal personale del pronto soccorso limitando la presenza in locali in cui stazionino altri pazienti.

Superato il Triage i pazienti con sospetta infezione devono essere visitati, rafforzando le normali precauzioni standard (guanti, mascherina FFP2 ). In aggiunta a ciò il personale deve utilizzare precauzioni per proteggere gli occhi ed indossare in ambiente pulito, un camice lungo con maniche e guanti non sterili. Per la ricerca del 2019-nCOV  in accordo a quanto previsto dalle raccomandazioni per la sorveglianza i campioni da sottoporre a test dovrebbero essere prelevati dalle basse vie respiratorie, quando possibile.

Infine il paziente con sospetta infezione da novel coronavirus, indipendentemente dal mezzo con cui è stato trasportato, deve essere posizionato in un locale per isolamento respiratorio, ove possibile a pressione negativa altresi la stanza, isolata rispetto ad altri pazienti, deve essere soggetta a regolare ricambio d’aria (6-8 volte/ora).

Ad oggi comunque è importante ribadire che attualmente la situazione è sotto controllo seppur è importante tenere alta l’attenzione e rispettare le indicazioni che quotidianamente vengono fornite dal nostro Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Patente di immunità, Rezza (ISS) frena: «Al Nord potrebbe aiutare, ma dove virus ha circolato poco serve altro»
Il Direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità invita alla cautela sui test sierologici per scoprire l’immunità da Covid-19: «Sono ancora in via di validazione, quindi bisogna avere un po’ di cautela di fronte ai risultati». Poi aggiunge: «Stiamo valutando l'uso obbligatorio delle mascherine»
La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 3 aprile: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 85.388 […]
Coronavirus, Gazzi (CNOAS): «Siamo seduti su una bomba sociale. Serve Fondo di solidarietà per Terzo Settore»
Le proposte dell’Ordine degli Assistenti sociali: «’Nessuno resti indietro’ non sia uno slogan. Allargare Reddito di Cittadinanza a chi ha perso qualsiasi reddito»
Portiamo la musica in ospedale. Non si tratta di un lusso, ma di un elemento necessario a tutti
Può la musica rispondere al bisogno di sostegno emotivo per i ricoverati ammalati di Coronavirus?
di Alessio Pesce, Infermiere Ospedale Santa Maria Misericordia, Albenga
Coronavirus, l’appello di Psichiatria Democratica: «L’emergenza sanitaria non lasci indietro i pazienti psichiatrici»
Il Segretario Nazionale Salvatore Di Fede: «L’attuale modello di presa in carico, basato sulla territorialità e la centralità del paziente, è una conquista minata dalle attuale misure di contenimento. Necessarie linee guida ad hoc»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...