Salute 31 Maggio 2023 12:54

Covid: «Fuga da laboratorio non è da escludere». Le dichiarazioni shock dello scienziato cinese

L’ipotesi che il virus Sars-Cov-2 sia fuoriuscito da un laboratorio non dovrebbe essere scartata. Questa è la dichiarazione scioccante che un importante scienziato ex componente del governo cinese ha rilasciato a BBC News

Covid: «Fuga da laboratorio non è da escludere». Le dichiarazioni shock dello scienziato cinese

L’ipotesi che il virus Sars-Cov-2 sia fuoriuscito da un laboratorio non dovrebbe essere scartata. Questa è la dichiarazione scioccante che un importante ex scienziato del governo cinese ha rilasciato alla BBC News. In qualità di capo del Centro cinese per il controllo delle malattie, George Gao ha svolto un ruolo chiave nella risposta alla pandemia e negli sforzi per rintracciarne le origini. Ancora oggi il governo cinese respinge qualsiasi ipotesi che la malattia possa aver avuto origine in un laboratorio di Wuhan. Ma Gao è dubbioso. In un’intervista per il podcast di BBC Radio 4 Fever: The Hunt for Covid’s Origin, lo scienziato afferma: «Puoi sempre sospettare qualsiasi cosa. Questa è scienza. Non escludere nulla».

Il governo cinese ha svolto delle indagini formali su laboratorio di Whuan

Virologo e immunologo leader a livello mondiale, Gao è ora vicepresidente della National Natural Science Foundation of China dopo essersi ritirato dal CDC cinese lo scorso anno. Un possibile indizio che il governo cinese potrebbe aver preso la teoria delle fuga dal laboratorio più seriamente di quanto dichiarato ufficialmente trapela da una frase di Gao: «Il governo ha organizzato qualcosa» e aggiunge che il suo dipartimento, il CDC China, non è stato coinvolto. Alla richiesta di chiarire se ci sia stato un altro ramo del governo ad effettuare una ricerca formale sul WIV, uno dei migliori laboratori nazionali cinesi, noto per aver passato anni a studiare i coronavirus, Gao risponde di «sì». «Quel laboratorio è stato ricontrollato dagli esperti del settore», sottolinea. Si tratta del primo riconoscimento pubblico di una sorta di indagine ufficiale

Salto «naturale» pipistrello-uomo VS contagio accidentale in laboratorio

Gli esiti delle indagini non avrebbero riportato alla luce alcun «illecito», precisa Gao. Il virus che causa il Covid è quasi certo, provenga dai pipistrelli. Ma come sia arrivato all’uomo continua a essere una questione molto controversa. Due le possibilità principali su cui si è focalizzata l‘attenzione degli scienziati. La prima è che il virus si è diffuso naturalmente dai pipistrelli agli esseri umani, forse attraverso altri animali. Molti scienziati affermano che le evidenze suggeriscono che questo sia lo scenario più probabile. Ma altri scienziati affermano che non ci sono prove sufficienti per escludere l’altra principale possibilità alternativa e cioè che il virus abbia infettato qualcuno coinvolto nella ricerca progettata per comprendere meglio la minaccia dei virus che emergono dalla Natura.

Scienziati divisi sullo scenario più plausibile relativo alle origini del Covid

Queste due alternative ora si trovano al centro di una situazione di stallo geopolitico, una massa vorticosa di teorie del complotto e uno dei dibattiti scientifici più politicizzati e «tossici» del nostro tempo. Bel nuovo podcast della BBC si prova a fare luce su questa questione difficile, ma di vitale importanza, attraverso interviste con alcuni dei principali scienziati di tutte le parti del dibattito, oltre a un reportage sul campo. Uno scienziato con sede a Singapore, Wang Linfa, era in visita al Wuhan Institute of Virology (WIV), dove è professore onorario, nel gennaio 2020, proprio mentre l’epidemia di coronavirus stava prendendo piede. Ha detto alla BBC che una collega del WIV era preoccupata per la possibilità di una fuga di notizie dal laboratorio, ma che è stata in grado di respingerla.

La testimonianza di una scienziata del laboratorio di Whuan

Wang è professore di malattie infettive emergenti presso la Duke-NUS Medical School di Singapore e collabora regolarmente con Shi Zhengli, professore con la stessa specialità presso il WIV. Amici di lunga data, sono due dei massimi esperti mondiali di coronavirus dei pipistrelli, guadagnandosi i soprannomi di Batman e Batwoman. Wang afferma che Shi gli avrebbe detto che «ha perso il sonno per un giorno o due» perché era preoccupata per «un campione nel suo laboratorio di cui non era a conoscenza, un virus che ha contaminato qualcosa ed è uscito». Ma dice che ha controllato i suoi campioni e ha scoperto che non contenevano prove del virus che causa Covid o di qualsiasi altro virus abbastanza vicino da aver causato l’epidemia.

I sostenitori dell’ipotesi che il virus sia sia originato nel mercato di Huanan

L’intelligence statunitense suggerisce che diversi ricercatori del WIV si sono ammalati nell’autunno 2019 con sintomi «coerenti sia con il Covid-19 che con le comuni malattie stagionali». Wang fa parte di un gruppo di scienziati che ritengono che le prove suggeriscano in modo schiacciante che il virus sia passato agli esseri umani in un mercato di Huanan. Sebbene la Cina abbia mostrato una marcata mancanza di trasparenza, gli scienziati affermano che ora ci sono informazioni sufficienti, come i dati su quei primi casi e il campionamento ambientale in quel mercato, per escludere una fuga  dal laboratorio.

Dubbi dallo scienziato che era convinto che il mercato di animali fosse responsabile delle origini del virus

Ian Lipkin, professore di epidemiologia alla Columbia University di New York, ha una lunga esperienza nel monitoraggio delle malattie in tutto il mondo, inclusa la Cina, dove ha stabilito forti contatti. È stato anche consulente scientifico del blockbuster hollywoodiano Contagion e uno dei sostenitori della «teoria del mercato». Lipkin ora afferma che non è possibile escludere l’ipotesi di una fuga dal laboratorio. Pur continuando a credere che il mercato rimanga la spiegazione più plausibile dell’origine del Covid e che il virus non sia stato creato deliberatamente, non ritiene che tutti gli scenari di laboratorio o di ricerca possano ancora essere esclusi.

Tra i nuovi sospetti un altro laboratorio di Wuhan

Lipkin propone una sua teoria, indicando un altro laboratorio di Wuhan – gestito dal Wuhan Center for Disease Control – situato a poche centinaia di metri dal mercato di Huanan. Il laboratorio in questione è noto per essere coinvolto nella raccolta di migliaia di campioni di sangue e feci di pipistrelli selvatici, ricerche che a volte venivano condotte senza indossare adeguati dispositivi di protezione, secondo fonti cinesi: un chiaro rischio di infezione. «Le persone che lavorano lì potrebbero essere state infettate mentre si trovavano in una grotta a raccogliere campioni di pipistrelli», afferma Lipkin.

Il mercato di Huanan potrebbe aver fatto solo da amplificatore dell’epidemia

Secondo lo scienziato il virus potrebbe essersi «originato al di fuori del mercato ed essere stato amplificato nel mercato». In apparenza, le dichiarazioni di Gao sul non escludere una fuga dal laboratorio sembrano in netto contrasto con la posizione dichiarata pubblicamente dalla Cina. «Davvero non sappiamo da dove provenga il virus… la questione è ancora aperta», dice Gao.
Gli scienziati discutono – a volte aspramente – se la questione sia davvero ancora aperta. Ma, almeno al di fuori della Cina, c’è un ampio accordo su una cosa: la Cina non ha fatto abbastanza per cercare prove o condividerle. Anche se può sembrare una domanda ormai «superata», non è affatto così. Una risposta è importante per tutte le persone che hanno perso un proprio caro o che continuano a soffrire per il Covid.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...