Salute 10 Febbraio 2021 10:00

Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»

La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce “estremamente improbabile” l’origine in laboratorio, tornando sull’ipotesi zoonotica. Ma sull’animale ospite ci sono ancora dubbi

Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»

Dopo quattro settimane di indagine, la delegazione dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha concluso la sua missione in Cina alla ricerca delle origini della pandemia. Con una conferenza stampa pubblica, che gli esperti del team hanno condiviso con gli scienziati cinesi, l’annuncio è stato quello di una probabile origine zoonotica del virus. Anche se l’animale ospite resta da individuare.

Pipistrelli e pangolini restano potenziali candidati, ha avvertito il dottor Liang Wannian, «anche se i campioni prelevati in queste specie non hanno sequenze identiche al Sars-CoV-2». Ora questa prima collaborazione getterà le basi per un lavoro di tracciamento globale e si continueranno a cercare indizi.

«Estremamente improbabile» invece, l’ipotesi che Covid-19 possa essere conseguenza di un incidente in laboratorio. Ha aggiunto Peter Ben Embareck, alla guida degli esperti Oms, ribadendo che non si tratta di un’ipotesi a cui verranno dedicati studi futuri. «Siamo venuti qui con due obiettivi – ha chiarito – il primo, scoprire cosa è accaduto all’inizio della pandemia. Ci siamo concentrati sul cercare di capire quello che è accaduto in questo periodo. Abbiamo anche cercato di capire come sia successo, come sia emerso il virus, come sia passato alla popolazione umana. È cambiata radicalmente l’immagine che avevamo? Credo di no».

«Non abbiamo trovato prove di grandi focolai che possano essere collegati prima di dicembre (2019) a Wuhan – ha detto – Siamo anche d’accordo sul fatto che troviamo una più ampia circolazione del virus a Wuhan a dicembre, non solo limitata al mercato di Huanan».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, allarme Oms: «Oltre 2,2 milioni di morti in Europa entro primavera»
La previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla base delle tendenze attuali
World Health Summit, le quattro direzioni indicate dall’OMS
Governance, finanziamenti, strumenti e metodi e una nuova Organizzazione mondiale della Sanità: ecco i nuovi punti che Tedros Adhanom Ghebreyesus ha enunciato aprendo il World Health Summit
L’Oms inaugura il Centro mondiale di formazione a Lione
Dotata di tecnologie pedagogiche di punta, l'Accademia punta a formare milioni di sanitari
La doppia dose di AstraZeneca è meno efficace del mix con altri vaccini?
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe inoltre «plausibile il nesso tra AstraZeneca e casi di trombosi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...