Salute 10 Febbraio 2021 10:00

Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»

La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce “estremamente improbabile” l’origine in laboratorio, tornando sull’ipotesi zoonotica. Ma sull’animale ospite ci sono ancora dubbi

Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»

Dopo quattro settimane di indagine, la delegazione dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha concluso la sua missione in Cina alla ricerca delle origini della pandemia. Con una conferenza stampa pubblica, che gli esperti del team hanno condiviso con gli scienziati cinesi, l’annuncio è stato quello di una probabile origine zoonotica del virus. Anche se l’animale ospite resta da individuare.

Pipistrelli e pangolini restano potenziali candidati, ha avvertito il dottor Liang Wannian, «anche se i campioni prelevati in queste specie non hanno sequenze identiche al Sars-CoV-2». Ora questa prima collaborazione getterà le basi per un lavoro di tracciamento globale e si continueranno a cercare indizi.

«Estremamente improbabile» invece, l’ipotesi che Covid-19 possa essere conseguenza di un incidente in laboratorio. Ha aggiunto Peter Ben Embareck, alla guida degli esperti Oms, ribadendo che non si tratta di un’ipotesi a cui verranno dedicati studi futuri. «Siamo venuti qui con due obiettivi – ha chiarito – il primo, scoprire cosa è accaduto all’inizio della pandemia. Ci siamo concentrati sul cercare di capire quello che è accaduto in questo periodo. Abbiamo anche cercato di capire come sia successo, come sia emerso il virus, come sia passato alla popolazione umana. È cambiata radicalmente l’immagine che avevamo? Credo di no».

«Non abbiamo trovato prove di grandi focolai che possano essere collegati prima di dicembre (2019) a Wuhan – ha detto – Siamo anche d’accordo sul fatto che troviamo una più ampia circolazione del virus a Wuhan a dicembre, non solo limitata al mercato di Huanan».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
World Health Day. Inquinamento killer, Miani (SIMA): «Ogni anno, uccide 13 mln di persone nel mondo»
I dati OMS: 9 persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. Il presidente della SIMA: «In Italia, le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte per inquinamento»
Ucraina: attacchi a ospedali e ambulanze, la denuncia dell’Oms
L'Oms ha dichiarato che, negli ultimi giorni, sono aumentati gli attacchi alle strutture sanitarie dell'Ucraina, come ospedali e ambulanze
Giornata Mondiale dell’Udito: adeguata formazione tra le sei raccomandazioni dell’OMS
Consulcesi lancia il corso per medici e operatori sanitari per la comunicazione con persone affette da deficit uditivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi