Salute 14 Aprile 2023 11:11

Contanti o bancomat? Le spese sanitarie detraibili nel 2023: istruzioni per l’uso

Anche se c’è ancora tempo per la dichiarazione dei redditi, può essere di grande aiuto iniziare a fare ordine tra le «scartoffie» e capire quali spese sanitarie si possono detrarre e quali no. Specialmente da quando è stata approvata la norma secondo la quale alcune prestazioni sono «scaricabili» solo se pagate tramite sistemi tracciabili, come il bancomat o la carta do credito. Ci sono infatti delle eccezioni

Contanti o bancomat? Le spese sanitarie detraibili nel 2023: istruzioni per l’uso

Anche se c’è ancora tempo per la dichiarazione dei redditi, può essere di grande aiuto iniziare a fare ordine tra le «scartoffie» e capire quali spese sanitarie si possono detrarre e quali no. Specialmente da quando è stata approvata la norma secondo la quale alcune prestazioni sono «scaricabili» solo se pagate tramite sistemi tracciabili, come il bancomat o la carta do credito. Ci sono infatti delle eccezioni che, se non si conoscono, possono impedire di avere accesso a un indiscusso vantaggio fiscale.

A fine mese disponibile il modello 730 precompilato per il 2023

In generale, il contribuente che nel corso del periodo di imposta oggetto di dichiarazione ha sostenuto spese sanitarie può beneficiare di un’agevolazione fiscale. Si tratta della possibilità di detrarre il 19% delle spese sanitarie sostenute a nome proprio e dei familiari a carico. Il tutto al netto di una franchigia di 129,11 euro. In caso di spese sanitarie superiori alla soglia di 15.493,71 euro annui, è possibile ripartile la detrazione in 4 quote annuali di pari importo. A partire dal 30 aprile 2023, salvo proroghe dell’ultimo momento, l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 precompilato 2023. Le spese mediche e sanitarie detraibili faranno parte dell’insieme di dati che il Fisco indicherà in dichiarazione dei redditi, dando ovviamente la possibilità al contribuente di modificarli e integrarli.

Per le spese sanitarie detraibili i contanti sono consentiti in base al soggetto e non alla prestazione

Ai fini della detraibilità in dichiarazione dei redditi, a partire dal 1° gennaio 2020 è previsto l’obbligo di utilizzare mezzi di pagamento tracciabili per le spese indicate all’articolo 15 del TUIR, con alcune eccezioni. Quindi, è previsto un «» che deve essere considerato sempre in relazione al soggetto che eroga la prestazione, e non in base alla tipologia di prestazione fornita (se in convenzione o privatistica). Non conta quindi se la prestazione resa sia o meno in convenzione. L’aspetto rilevante da considerare, ai fini di determinare quali sono le spese sanitarie detraibili, è se la struttura che eroga la prestazione è o meno convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale.

Carte o bancomat per prestazioni erogate da medici e strutture non accreditate

L’obbligo di usare carte e bancomat si applica alle spese sanitarie detraibili pagate presso medici privati e non convenzionati. Quindi per le spese sostenute ad esempio dal dentista o dall’oculista, qualora non accreditati con il Servizio sanitario nazionale, si devono usare sistemi tracciabili ai fini della detrazione in dichiarazione dei redditi. Stessa cosa quindi anche per gli esami del sangue, ricoveri o interventi presso strutture private non accreditate. I documenti «giustificativi» delle spese devono essere conservati dal contribuente per tutto il tempo in cui l’Agenzia delle Entrate può effettuare un accertamento.

Le eccezioni all’utilizzo del bancomat per le spese sanitarie detraibili

L’obbligo di usare il bancomat non si applica in relazione alla detrazione di medicinali e altri dispositivi medici (ad esempio occhiali, prodotti ortopedici, ausili per disabili, ecc.), mentre per le spese sanitarie detraibili vale la regola del «doppio binario». Resta possibile utilizzare, anche nel 730/2023, i contanti per pagare le spese mediche detraibili in relazione a prestazioni rese da strutture pubbliche e private accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale.

Le eccedenze di detrazione vanno perdute

Le detrazioni possono essere fruite solo se le spese restano effettivamente a carico di chi le ha sostenute e nel limite dell’imposta lorda annua. L’eventuale eccedenza di onere detraibile che non ha trovato capienza nell’IRPEF dovuta dal contribuente non può essere chiesto a rimborso ne utilizzata nel periodo di imposta successivo. In pratica, se vi fosse un’eccedenza di detrazione in una annualità, la stessa eccedenza va perduta. La detrazione IRPEF legata alle spese mediche può essere ammessa anche per quelle spese sostenute nell’interesse di familiari fiscalmente a carico, ed in alcuni casi, nell’interesse di familiari non a carico. E’ il caso delle spese sanitarie per patologie che danno diritto all’esenzione dal ticket sanitario.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Manovra 2020 approda in Aula, confermati gli stanziamenti in Sanità. Detrazioni anche se si usano i contanti
Iniziato in Senato il percorso parlamentare della Legge di Bilancio. Non si fermano le polemiche sulle nuove tasse. Confermato stanziamento di 30 miliardi per l'edilizia sanitaria, abolizione del superticket a decorrere dal 1° settembre 2020
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»
Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D
Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare il reddito da dichiarare e chi è esonerato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...