Formazione 12 Aprile 2019

Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi

I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all’aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»

Immagine articolo

Aumento della tassazione, mancato rispetto delle garanzie contrattuali e, soprattutto, la mancanza di una rappresentanza vera all’interno dell’Ateneo. Con queste motivazioni, a Verona, centinaia di specializzandi medici hanno deciso di protestare con l’astensione dal lavoro.

«L’Assemblea degli Specializzandi di Verona ha stabilito di procedere con questa forma di protesta di fronte ad una situazione difficile che si è creata a partire dall’aumento della tassazione universitaria – commentano dall’Assemblea – ma soprattutto a causa della mancanza di rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo».

«Di fronte a processi decisionali da cui siamo esclusi – spiegano – abbiamo dovuto fare ricorso ad una forma di protesta nuova per la nostra componente, utilizzando la formula dell’assenza ingiustificata, prevista all’interno del contratto di specializzazione. Rispetto all’aumento del 20% della tassazione, abbiamo incontrato informalmente il Rettore nei giorni precedenti alla protesta e ci ha fornito alcune garanzie rispetto all’apertura di un canale comunicativo diretto con gli organi centrali. Questo – continuano – ha portato i rappresentanti dell’Ateneo ad intervenire durante il presidio. Manterremo alta l’attenzione per arrivare a scongiurare questo aumento della tassazione, ma anche per insistere sul rispetto delle garanzie contrattuali in generale, e per avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano».

«Il presidio è stato partecipatissimo, con quasi 600 specializzandi in camice a scioperare, e punte di adesione del 100% in alcune scuole. L’Assemblea continuerà la mobilitazione, lavorando di concerto con l’Ateneo, dal quale comunque arrivano aperture, come l’accogliere uno specializzando in qualità di uditore durante le sedute del Senato Accademico» specificano gli specializzandi.

LEGGI ANCHE: «PER I MEDICI SPECIALISTI UN CONTRATTO DI FORMAZIONE-LAVORO». L’ANNUNCIO DEL MINISTRO GIULIA GRILLO

«Il diritto di sciopero non è garantito all’interno del contratto di specializzazione – dichiara Niccolò Del Zanna, portavoce nazionale del Coordinamento “Chi si Cura di Te?” – . Dall’analisi che abbiamo svolto, di concerto con AlterEgo Legal Service, emerge chiaramente che l’unico strumento utilizzabile per far valere i propri diritti sotto forma di astensione dal lavoro sia l’assenza ingiustificata, che può comportare comunque delle conseguenze, ancora una volta a discrezione delle Scuole. È inoltre chiaro come, ai sensi del D.Lgs 368 del 1999, lo specializzando non possa essere in alcun modo accusato di interruzione di pubblico servizio, anche in caso di assenza ingiustificata, perché non ha obblighi assistenziali esclusivi, ai sensi proprio dell’articolo 38, che recita: “In nessun caso l’attività del medico in formazione specialistica è sostitutiva del personale di ruolo”».

«Impiegare specializzandi come sostituti nei reparti e negli ambulatori, infatti, affonda le sue radici in una prassi consolidata – come già affermato in precedenza dal Coordinamento – comporta enormi sacrifici in termini di orario di lavoro e assenze giustificate (impropriamente chiamate “ferie”), con specializzandi sottoposti spesso a turni massacranti, a fronte di un turn over rallentato, quando non assente, in molte Regioni italiane».

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZANDI, LORENZO PAGLIONE (CHI SI CURA DI TE?): «SPESSO SOPPERISCONO A CARENZE DI PERSONALE MA NON HANNO FORME DI WELFARE DIRETTO»

«Non si tratta di porre dei paletti rigidi all’orario di ingresso ed uscita, cosa che ovviamente renderebbe l’apprendimento frammentato – evidenzia Del Zanna – in riferimento ai lunghi interventi chirurgici o ai percorsi diagnostici più complessi, ma solo di rispettare il nostro ruolo di soggetto in formazione all’interno dei Policlinici Universitari» conclude.

LEGGI ANCHE: LA LETTERA DI UN MEDICO STRESSATO: «IL MIO LAVORO STA PROSCIUGANDO LA MIA UMANITÀ»

Per migliorare le condizioni di vita e lavoro dei giovani professionisti dell’ambito sanitario, il Coordinamento “Chi si cura di te?” ha prodotto un vademecum esplicativo, a partire proprio dal contratto di specializzazione.

Articoli correlati
Violenza in sanità, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa contro le aggressioni»
L'80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L'11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie». La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Lorefice: «Stiamo lavorando all'istituzione dell'osservatorio di monitoraggio del fenomeno e all'inasprimento delle pene, ma sappiamo che servono interventi strutturali»
Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»
Presentato al 76° Congresso FIMMG un 'video-denuncia': i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale
Congresso TSRM e PSTRP, parla Sergio Venturi: «Serve nuovo Patto tra professionisti della salute»
Dopo le polemiche della settimana scorsa torna a parlare l’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna: «Serve più clinica per i medici, più responsabilità per le professioni sanitarie. Sono sicuro che il Ministro della Salute partirà proprio da qui per dare vita a una grande conferenza nazionale per avviare questo processo»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Formazione ECM, Petrella (SIC): «L’aggiornamento professionale è un dovere e un bene per noi e per i pazienti»
«La formazione professionale deve essere continua, i progressi in medicina sono quotidiani e bisogna essere sempre informati. Io, alla mia età, ancora oggi mi aggiorno, è un dovere soprattutto per noi chirurghi» così il Professor Petrella, che dal Congresso SIC ha lanciato i risultati di una ricerca dell’Università Tor Vergata: «Il 60% degli specializzandi vuole lavorare all'estero e l'80% è preoccupato per i contenziosi. Occorre un piano “su misura” per dare risposte ai giovani professionisti e suturare questa emorragia»
di Cesare Buquicchio
Sanità, Cimo-Fesmed: «Politica garantisca quella pubblica invece di destrutturarla»
«È sempre più chiaro il disegno politico che denunciamo da tempo e che ha motivato la nostra mancata firma sul pre-accordo al contratto 2016-2018» così il sindacato dei medici Cimo-Fesmed
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...