Formazione 12 Aprile 2019

Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi

I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all’aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»

Immagine articolo

Aumento della tassazione, mancato rispetto delle garanzie contrattuali e, soprattutto, la mancanza di una rappresentanza vera all’interno dell’Ateneo. Con queste motivazioni, a Verona, centinaia di specializzandi medici hanno deciso di protestare con l’astensione dal lavoro.

«L’Assemblea degli Specializzandi di Verona ha stabilito di procedere con questa forma di protesta di fronte ad una situazione difficile che si è creata a partire dall’aumento della tassazione universitaria – commentano dall’Assemblea – ma soprattutto a causa della mancanza di rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo».

«Di fronte a processi decisionali da cui siamo esclusi – spiegano – abbiamo dovuto fare ricorso ad una forma di protesta nuova per la nostra componente, utilizzando la formula dell’assenza ingiustificata, prevista all’interno del contratto di specializzazione. Rispetto all’aumento del 20% della tassazione, abbiamo incontrato informalmente il Rettore nei giorni precedenti alla protesta e ci ha fornito alcune garanzie rispetto all’apertura di un canale comunicativo diretto con gli organi centrali. Questo – continuano – ha portato i rappresentanti dell’Ateneo ad intervenire durante il presidio. Manterremo alta l’attenzione per arrivare a scongiurare questo aumento della tassazione, ma anche per insistere sul rispetto delle garanzie contrattuali in generale, e per avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano».

«Il presidio è stato partecipatissimo, con quasi 600 specializzandi in camice a scioperare, e punte di adesione del 100% in alcune scuole. L’Assemblea continuerà la mobilitazione, lavorando di concerto con l’Ateneo, dal quale comunque arrivano aperture, come l’accogliere uno specializzando in qualità di uditore durante le sedute del Senato Accademico» specificano gli specializzandi.

LEGGI ANCHE: «PER I MEDICI SPECIALISTI UN CONTRATTO DI FORMAZIONE-LAVORO». L’ANNUNCIO DEL MINISTRO GIULIA GRILLO

«Il diritto di sciopero non è garantito all’interno del contratto di specializzazione – dichiara Niccolò Del Zanna, portavoce nazionale del Coordinamento “Chi si Cura di Te?” – . Dall’analisi che abbiamo svolto, di concerto con AlterEgo Legal Service, emerge chiaramente che l’unico strumento utilizzabile per far valere i propri diritti sotto forma di astensione dal lavoro sia l’assenza ingiustificata, che può comportare comunque delle conseguenze, ancora una volta a discrezione delle Scuole. È inoltre chiaro come, ai sensi del D.Lgs 368 del 1999, lo specializzando non possa essere in alcun modo accusato di interruzione di pubblico servizio, anche in caso di assenza ingiustificata, perché non ha obblighi assistenziali esclusivi, ai sensi proprio dell’articolo 38, che recita: “In nessun caso l’attività del medico in formazione specialistica è sostitutiva del personale di ruolo”».

«Impiegare specializzandi come sostituti nei reparti e negli ambulatori, infatti, affonda le sue radici in una prassi consolidata – come già affermato in precedenza dal Coordinamento – comporta enormi sacrifici in termini di orario di lavoro e assenze giustificate (impropriamente chiamate “ferie”), con specializzandi sottoposti spesso a turni massacranti, a fronte di un turn over rallentato, quando non assente, in molte Regioni italiane».

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZANDI, LORENZO PAGLIONE (CHI SI CURA DI TE?): «SPESSO SOPPERISCONO A CARENZE DI PERSONALE MA NON HANNO FORME DI WELFARE DIRETTO»

«Non si tratta di porre dei paletti rigidi all’orario di ingresso ed uscita, cosa che ovviamente renderebbe l’apprendimento frammentato – evidenzia Del Zanna – in riferimento ai lunghi interventi chirurgici o ai percorsi diagnostici più complessi, ma solo di rispettare il nostro ruolo di soggetto in formazione all’interno dei Policlinici Universitari» conclude.

LEGGI ANCHE: LA LETTERA DI UN MEDICO STRESSATO: «IL MIO LAVORO STA PROSCIUGANDO LA MIA UMANITÀ»

Per migliorare le condizioni di vita e lavoro dei giovani professionisti dell’ambito sanitario, il Coordinamento “Chi si cura di te?” ha prodotto un vademecum esplicativo, a partire proprio dal contratto di specializzazione.

Articoli correlati
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
Report Inail: 72,2% dei contagi sul lavoro nel settore sanitario e primato nei decessi. Gli infermieri i più colpiti
Otto denunce su 10 vengono dal nord Italia. I casi totali sono poco meno di 50 mila, duemila in più rispetto al report del 31 maggio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...