Formazione 9 Aprile 2019 10:49

Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»

L’associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni

Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»

Lorenzo Paglione si sta specializzando in “Igiene e medicina preventiva” presso l’università Sapienza di Roma e fa parte dell’esecutivo nazionale del coordinamento dell’associazione “Chi si cura di te”? che nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN.

Nell’intervista concessa a Sanità Informazioneindividua le difficoltà che caratterizzano il percorso formativo e lavorativo di un aspirante medico, differenziando tra gli specializzandi e i cosiddetti “camici grigi”, quei laureati che non hanno trovato posto nelle scuole di specializzazione, né al Corso di Formazione per la Medicina Generale.

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

«I problemi che oggi riscontrano i giovani medici sono tanti – spiega a Sanità Informazione – chiaramente, dipendono anche dalla categoria professionale e dalla tipologia di contratto che si ha». I “camici grigi” «sono colleghi al di fuori dei percorsi formativi, che vivono di guardie mediche, sostituzioni e lavori precari – aggiunge – e soffrono le incertezze della generazione attuale, di chi si approccia oggi al mercato del lavoro e si nutre di precarietà, partite iva e forme di contratti che non tutelano i diritti né permettono di pianificare progetti di vita personali».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, AUTUNNALI (SNAMI): «DISCRIMINAZIONE ECONOMICA RISPETTO A SPECIALIZZANDI PESA TANTISSIMO»

La situazione degli specializzandi è più complessa: «In linea generale, in molti atenei manca una forma di welfare diretto all’interno del percorso di specializzazione: a partire dalle mense fino ad arrivare all’assenza di strumenti a sostegno della genitorialità. Le criticità più grandi – specifica – sono legate al mancato rispetto dell’orario di lavoro e dalla difficoltà nell’usufruire di ferie e permessi. È necessario, riappropriarsi della differenza tra tempi di lavoro e tempi di vita, per arrivare a realizzarsi anche nell’ambito privato e personale».

Diritti violati, mancato rispetto dell’orario di lavoro, ma anche carichi di lavoro, eccessivi, “turni massacranti” che mettono a rischio anche la sicurezza dei pazienti: «A volte gli specializzandi vanno a sopperire alle carenze di personale del SSN – analizza Lorenzo Paglione -. Alcune Regioni stanno avendo parecchi problemi nell’assunzione di nuovi professionisti strutturati all’interno degli ospedali e questo si ripercuote sul professionista in formazione. In primis, lo specializzando dovrebbe essere sempre coadiuvato da un tutor strutturato nelle pratiche assistenziali. In più,- spiega – un professionista stanco non riesce ad occuparsi del paziente a 360° e questo può portare, nei casi più seri, anche al contenzioso penale se dovesse, malauguratamente, succedere qualcosa al paziente».

LEGGI ANCHE: IN FRANCIA C’È UNA CLINICA DEDICATA ALLA SALUTE MENTALE DI MEDICI E PROFESSIONISTI SANITARI

Per concludere, secondo Paglione, le professioni sanitarie devono riappropriarsi del ruolo di collante sociale che hanno perso: «Oggi, il medico è una figura ibrida che si ritrova a cavallo dei due millenni e deve ritrovare una propria identità all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni. Attraverso l’acquisizione di competenze specifiche da intellettuale – termina – deve essere capace di agire e riscoprire il proprio ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia».

Articoli correlati
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Non tornare indietro sul tema della sicurezza del lavoro
Il Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio, esprime il proprio dissenso circa il Decalogo sul lavoro sicuro, redatto e pubblicato dall’Associazione professionale AIAS network
di Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
Elezioni, Ricciardi (Azione): «Rivedere rapporto con le regioni sulla sanità»
Il responsabile sanità di Azione, Walter Ricciardi, chiede nuovi contratti di lavoro e programmi straordinari di assunzione: «Gli operatori sanitari sono l’unica categoria che ha perso potere d’acquisto in maniera così massiccia dal 2004»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi