Formazione 9 Aprile 2019

Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»

L’associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni

Immagine articolo

Lorenzo Paglione si sta specializzando in “Igiene e medicina preventiva” presso l’università Sapienza di Roma e fa parte dell’esecutivo nazionale del coordinamento dell’associazione “Chi si cura di te”? che nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN.

Nell’intervista concessa a Sanità Informazioneindividua le difficoltà che caratterizzano il percorso formativo e lavorativo di un aspirante medico, differenziando tra gli specializzandi e i cosiddetti “camici grigi”, quei laureati che non hanno trovato posto nelle scuole di specializzazione, né al Corso di Formazione per la Medicina Generale.

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

«I problemi che oggi riscontrano i giovani medici sono tanti – spiega a Sanità Informazione – chiaramente, dipendono anche dalla categoria professionale e dalla tipologia di contratto che si ha». I “camici grigi” «sono colleghi al di fuori dei percorsi formativi, che vivono di guardie mediche, sostituzioni e lavori precari – aggiunge – e soffrono le incertezze della generazione attuale, di chi si approccia oggi al mercato del lavoro e si nutre di precarietà, partite iva e forme di contratti che non tutelano i diritti né permettono di pianificare progetti di vita personali».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, AUTUNNALI (SNAMI): «DISCRIMINAZIONE ECONOMICA RISPETTO A SPECIALIZZANDI PESA TANTISSIMO»

La situazione degli specializzandi è più complessa: «In linea generale, in molti atenei manca una forma di welfare diretto all’interno del percorso di specializzazione: a partire dalle mense fino ad arrivare all’assenza di strumenti a sostegno della genitorialità. Le criticità più grandi – specifica – sono legate al mancato rispetto dell’orario di lavoro e dalla difficoltà nell’usufruire di ferie e permessi. È necessario, riappropriarsi della differenza tra tempi di lavoro e tempi di vita, per arrivare a realizzarsi anche nell’ambito privato e personale».

Diritti violati, mancato rispetto dell’orario di lavoro, ma anche carichi di lavoro, eccessivi, “turni massacranti” che mettono a rischio anche la sicurezza dei pazienti: «A volte gli specializzandi vanno a sopperire alle carenze di personale del SSN – analizza Lorenzo Paglione -. Alcune Regioni stanno avendo parecchi problemi nell’assunzione di nuovi professionisti strutturati all’interno degli ospedali e questo si ripercuote sul professionista in formazione. In primis, lo specializzando dovrebbe essere sempre coadiuvato da un tutor strutturato nelle pratiche assistenziali. In più,- spiega – un professionista stanco non riesce ad occuparsi del paziente a 360° e questo può portare, nei casi più seri, anche al contenzioso penale se dovesse, malauguratamente, succedere qualcosa al paziente».

LEGGI ANCHE: IN FRANCIA C’È UNA CLINICA DEDICATA ALLA SALUTE MENTALE DI MEDICI E PROFESSIONISTI SANITARI

Per concludere, secondo Paglione, le professioni sanitarie devono riappropriarsi del ruolo di collante sociale che hanno perso: «Oggi, il medico è una figura ibrida che si ritrova a cavallo dei due millenni e deve ritrovare una propria identità all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni. Attraverso l’acquisizione di competenze specifiche da intellettuale – termina – deve essere capace di agire e riscoprire il proprio ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia».

Articoli correlati
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»
Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato - sottolineano - si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»
ECM, Giacomelli (CODICI): «Sistema dei controlli non funziona, medico presenti ai pazienti ‘curriculum’ con aggiornamenti»
Il segretario nazionale di CODICI - Centro per i diritti del cittadino torna sul tema del mancato adempimento dell’obbligo formativo e rilancia: «È bene che appunto il consumatore venga messo nelle condizioni di conoscere chi è il professionista e le competenze che ha acquisito su quel caso specifico caso o su una determinata patologia»
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...