Lavoro 1 Aprile 2019 18:01

Formazione MMG, Autunnali (SNAMI): «Discriminazione economica rispetto a specializzandi pesa tantissimo»

Il Vicesegretario del Sindacato autonomo dei medici italiani spiega ai nostri microfoni quali sono le priorità su cui lavorare per diminuire le incertezze dei giovani medici, a partire dalla necessità di aumentare le borse di studio

Formazione MMG, Autunnali (SNAMI): «Discriminazione economica rispetto a specializzandi pesa tantissimo»
Sì al numero programmato e no alle sanatorie, perché «il percorso formativo è indispensabile per i medici del futuro». Così Simona Autunnali, Vicesegretario Nazionale dello SNAMI (Sindacato autonomo dei medici italiani), spiega ai nostri microfoni cosa bisogna fare per far uscire dalla precarietà migliaia di professionisti che «a 25 o 30 anni ancora non hanno un futuro certo». E sulla disparità di trattamento economico tra Mmg e specialisti: «Fatto grave perché il medico di medicina generale in formazione deve sopperire a questa discriminazione facendo altri lavori».

Vicesegretario, ci troviamo agli Stati Generali del giovane medico. Quali sono le problematiche emerse da questa riunione e le soluzioni condivise?

«L’imbuto formativo è un problema grandissimo per il giovane medico. Da neo professionisti ce li troviamo a 25 o 30 anni con un’incertezza di futuro importante. Per questo lo SNAMI è a favore di un numero programmato in linea con tutte le sigle sindacali e le associazioni oggi presenti. Non siamo assolutamente favorevoli alle sanatorie perché il percorso formativo è indispensabile per un giovane medico e soprattutto per il medico del futuro. Per questo oggi lo SNAMI, insieme alle altre sigle sindacali e alle altre associazioni, chiede un aumento delle borse al fine di riassorbire questo imbuto formativo. A 25 o 30 anni non ci si può trovare con un futuro così incerto. Questo impedisce anche una progettualità della vita privata».

LEGGI ANCHE: CARENZA SPECIALISTI, SI CERCANO MEDICI STRANIERI. FEDERSPECIALIZZANDI: «È IL DELIRIO. INVESTIRE SU QUALITÀ CONTRATTI»

Quanto pesa ancora la disparità economica tra il medico di medicina generale e gli specializzandi?

«Assolutamente tantissimo, soprattutto perché questo non permette una concentrazione che risulta fondamentale per il percorso formativo: il medico di medicina generale in formazione si ritrova a dover sopperire a questa discriminazione economica con altri lavori per poter andare avanti».

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZAZIONE, MASSIMO MINERVA (ALS): «NEGLI ULTIMI ANNI PERSE 900 BORSE: 90 MILIONI CHE NON VENGONO RIUTILIZZATI»

Lei come valuta la possibilità di fare un ricorso per colmare questo gap?

«Credo che i ricorsi non siano a favore della professione, però l’incertezza di futuro e questa discriminazione economica, oltre che la scarsa e, oserei dire, scellerata programmazione che abbiamo avuto negli anni, ci hanno portato ad avere circa 10mila medici di fatto precari senza una formazione e senza una possibile occupazione dignitosa».

 

Articoli correlati
La F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) diffida AGENAS
«Illegittimo escludere i massofisioterapisti dall'obbligo alla formazione continua ECM»
di Giacomo Russo, presidente Federazione F.I.MFT
Smaltire le liste d’attesa e abbassare i costi per le strutture, la ricetta “Office Based” del professor Peretti di Genova
La pandemia ha allungato ulteriormente i tempi di attesa per interventi a bassa complessità non urgenti ma comunque fondamentali per la salute della popolazione. Il Direttore dell’Unità di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale San Martino di Genova spiega a Sanità Informazione cosa è possibile fare (e già si fa) ad aggirare l’ostacolo
Covid-19, Consulcesi: «Formazione unica via per contrastare cultura no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, sul caso del medico di Biella con il braccio di silicone e tutti i medici no vax: «Le paure irrazionali si sconfiggono con la conoscenza»
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Le Federazioni degli Ordini sanitarie verso l’adozione di un’unica carta etica. Fondamentale l’aggiornamento continuo
Al Forum Risk Management in sanità la terza Conferenza nazionale sulla vulnerabilità e fragilità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi