Salute 12 Aprile 2019

Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»

Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»

Immagine articolo

Definanziamento e crescita dei costi hanno alimentato il mantra dell’insostenibilità della sanità pubblica. Ne è convinto Costantino Troise, presidente nazionale Anaao Assomed, intervenuto al convegno “La tempesta perfetta del Servizio Sanitario Nazionale”.

A quarant’anni dalla sua nascita il Servizio Sanitario Nazionale è attraversato da una crisi profonda che rischia di minare i suoi caratteri costituenti cosi come disegnati dalla Legge 833/78. «Il problema si pone soprattutto con l’esplosione recente dei fondi sanitari cosiddetti “integrativi” o sostitutivi che utilizzano corpose detrazioni fiscali che in qualche modo vengono sottratti alla fiscalità generale e quindi al finanziamento del servizio nazionale», spiega Troise a margine dell’incontro promosso da Anaao.

LEGGI: SANITÀ PUBBLICA, MONACO (FNOMCEO): «CONTRATTI BLOCCATI. DAL GOVERNO BASTA PROMESSE, SERVONO FATTI»

Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. «Questa libertà neo mutualistica è sostenuta da corpose detrazioni fiscali che arrivano al paradosso quasi di costituire una cifra doppia rispetto alla quota capitale che lo Stato spende per la sanità pubblica. – Continua il presidente nazionale Anaao Assomed – Allora si pone anche un problema sostanziale di equità, non si capisce fino a che punto sia equo che le tasse di tutti i ceti, anche i meno abbienti, vadano a sostenere la libertà di alcune parti sociali di costruire una mutua privata. Ed è chiaro un sistema che poggia su una crescita di un secondo e terzo pilastro, ma che si accompagna alla demolizione e ulteriore definanziamento del primo, trova l’opposizione dell’Anaao».

«C’è bisogno di una spinta gentile – conclude Troise – a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile. Ma andare a sostenere libertà di scelte individuali duplicando le prestazioni, come oggi accade, perché il 60% delle prestazioni garantite dai fondi è già fornita dal SSN a spese del pubblico, è una politica assolutamente dannosa».

Articoli correlati
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
Anaao contro il ‘riposo spezzatino’. Costantino: «Corte UE dica se deroga a direttiva è lecita. Per noi non lo è»
Il sindacato promette di dar battaglia per assicurare il riposo sufficientemente lungo e continuo previsto dalle direttive europee anche ai medici in pronta disponibilità. Il sindacalista: «Non prospettiamo il muro contro muro, ma credo che le Leggi vadano rispettate da tutti»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
Pronta reperibilità, Anaao – Assomed non ci sta e ricorre alla Corte di Giustizia europea
In base alle normative attuali la chiamata in servizio durante la pronta disponibilità “sospende” il riposo e non lo “interrompe”. Interpretazione contestata dal sindacato guidato da Carlo Palermo che ora punta a un chiarimento definitivo
Contratto medici, la soddisfazione di Anaao-Assomed: «Premiati i giovani e riconoscimenti economici al disagio»
INTERVISTA VIDEO | «Oltre 200 euro di aumento mensile, niente guardie per gli over 62, un nuovo percorso che premia il merito». Sono tanti i motivi di soddisfazione per il Segretario del sindacato Carlo Palermo
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone