Salute 12 Aprile 2019

Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»

Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»

Immagine articolo

Definanziamento e crescita dei costi hanno alimentato il mantra dell’insostenibilità della sanità pubblica. Ne è convinto Costantino Troise, presidente nazionale Anaao Assomed, intervenuto al convegno “La tempesta perfetta del Servizio Sanitario Nazionale”.

A quarant’anni dalla sua nascita il Servizio Sanitario Nazionale è attraversato da una crisi profonda che rischia di minare i suoi caratteri costituenti cosi come disegnati dalla Legge 833/78. «Il problema si pone soprattutto con l’esplosione recente dei fondi sanitari cosiddetti “integrativi” o sostitutivi che utilizzano corpose detrazioni fiscali che in qualche modo vengono sottratti alla fiscalità generale e quindi al finanziamento del servizio nazionale», spiega Troise a margine dell’incontro promosso da Anaao.

LEGGI: SANITÀ PUBBLICA, MONACO (FNOMCEO): «CONTRATTI BLOCCATI. DAL GOVERNO BASTA PROMESSE, SERVONO FATTI»

Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. «Questa libertà neo mutualistica è sostenuta da corpose detrazioni fiscali che arrivano al paradosso quasi di costituire una cifra doppia rispetto alla quota capitale che lo Stato spende per la sanità pubblica. – Continua il presidente nazionale Anaao Assomed – Allora si pone anche un problema sostanziale di equità, non si capisce fino a che punto sia equo che le tasse di tutti i ceti, anche i meno abbienti, vadano a sostenere la libertà di alcune parti sociali di costruire una mutua privata. Ed è chiaro un sistema che poggia su una crescita di un secondo e terzo pilastro, ma che si accompagna alla demolizione e ulteriore definanziamento del primo, trova l’opposizione dell’Anaao».

«C’è bisogno di una spinta gentile – conclude Troise – a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile. Ma andare a sostenere libertà di scelte individuali duplicando le prestazioni, come oggi accade, perché il 60% delle prestazioni garantite dai fondi è già fornita dal SSN a spese del pubblico, è una politica assolutamente dannosa».

Articoli correlati
Sanità privata, la protesta di Cgil, Cisl e Uil: «Firma entro pochi giorni o sciopero generale»
Presidio di decine di lavoratori davanti alla Camera dei deputati: tra gli slogan «contratto subito» e «padroni predoni». Landini (Cgil): «Firmare il contratto vuol dire riconoscere il lavoro delle persone e mettere al centro la salute dei cittadini». Bombardieri (Uil): «Se non si rinnovano i contratti, lo scontro sarà inevitabile». Ai manifestanti la solidarietà del vicesegretario dem Andrea Orlando
Contratti, Cgil, Cisl e Uil proclamano sciopero nazionale per mancata ratifica Sanità Privata
«Siamo oltre l’indignazione, oltre la vergogna. Aris e Aiop avrebbero dovuto convocarci per la firma del contratto della Sanità Privata ma ci hanno comunicato che non sarebbe avvenuto»
Sanità privata, UGL: «Non disperdere gli accordi della pre-intesa. Ora responsabilità»
In base alla pre-intesa siglata il 10 giugno il contratto doveva essere stipulato entro il 30 luglio. «Noi come sindacato saremo garanti dei diritti degli operatori coinvolti, che attendono questa firma da 14 lunghissimi anni. Per tale ragione ci riserviamo, qualora in tempi brevi non si arrivi all’auspicata soluzione, di intraprendere qualunque iniziativa a tutela dei lavoratori» spiega il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano
Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale
Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»
Anaao su Ccnl 2016-18: «Subisce l’effetto Covid, pochi contratti decentrati e confronto regionale»
I risultati dell’indagine Anaao Assomed sullo stato delle relazioni sindacali e della contrattazione collettiva integrativa nelle aziende sanitarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...