Lavoro 9 Aprile 2019

Sanità pubblica, Monaco (Fnomceo): «Contratti bloccati. Dal governo basta promesse, servono fatti»

Milioni di euro di straordinari non pagati e milioni di euro per il mancato turn over e le mancate assunzioni. Queste, secondo Fnomceo, sono le cifre che lo Stato sta risparmiando sul lavoro dei medici

Immagine articolo

Contratti bloccati, straordinari non pagati e mancato turn over, sono questi gli ingredienti della “tempesta perfetta” che sta investendo il Servizio Sanitario Nazionale, da cui prende il nome il convegno del sindacato Anaoo Assomed. Tra le file della platea si è seduto anche il segretario della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Roberto Monaco con il quale siamo riusciti a parlare.

Sul SSN si parla di tempesta perfetta, cosa ne pensa?
«È davvero purtroppo una tempesta perfetta, con tante nubi soprattutto per il futuro. Finora si sono sentiti dappertutto voci del verbo essere e si parla di futuro, si parla di faremo, provvederemo, costruiremo, però noi abbiamo bisogno in questo momento dell’essere, del presente. Bisogna dare ai giovani davvero speranza di un futuro di lavoro. Siamo contrari a regalare lauree, ma vogliamo regalare un futuro ai nostri giovani e vogliamo fare in modo che l’accesso al mondo del lavoro continui ad essere un accesso per legge con i concorsi. Non ha proprio senso pensare a un futuro richiamando pensionati al lavoro, ma anzi noi che siamo un po’ più grandicelli bisognerebbe che potessimo dare questa spinta formativa ai nostri giovani per fare in modo che il nostro paese abbia un SSN che continui ad essere equo, solidale e universalistico».

LEGGI: SALUTE E MIGRAZIONE, LA FNOMCEO PRESENTA IL CORSO ECM PER CURARE E PRENDERSI CURA. ANELLI: «NESSUNO VA TRASCURATO»

Il governo intanto si sta muovendo, si parla appunto dell’influenza di Quota 100 e il ministro della PA Giulia Bongiorno ha parlato dell’eliminazione del tetto di spesa.
«Noi siamo pronti a tutte le forme di cambiamento positivo, però a questo punto ci aspettiamo i fatti, perché sono 10 anni che nel mondo ospedaliero non c’è un contratto. I contratti sono tutti bloccati sia per i medici del territorio che per quelli ospedalieri e le chiacchiere non ci bastano più. Abbiamo bisogno di dare certezza ai nostri medici che continuano a fare tutti i giorni e tutti le notti il loro lavoro per salvaguardare la tutela della salute. Dobbiamo dire a questi medici che non sono soli, che dobbiamo salvaguardare i loro diritti perché prima ancora di essere lavoratori sono cittadini e come cittadini devono avere tutelati i diritti. È chiaro che tutto quello che viene in più dalle promesse del governo, ne prendiamo atto. Però noi vogliamo vedere i fatti, sono ormai 10 anni che siamo fermi, nonostante tutto, nonostante le aggressioni ai medici, ai turni massacranti e alla mancanza del turn over noi si continua a fare il nostro lavoro con passione, dedizione e soprattutto rispetto dei cittadini.

Sul tavolo c’è anche il problema del RIA, degli stipendi che non aumentano, ma anche straordinari non pagati.
«La posizione di Fnomceo è stata chiara, noi a Natale abbiamo donato simbolicamente un assegno, un assegno e una cambiale. Un assegno di milioni di euro che i medici hanno regalato allo Stato di straordinari non pagati e una cambiale di milioni di euro che sarebbero il mancato turn over e le mancate assunzioni. Queste sono le cifre che lo Stato sta risparmiando sul lavoro dei medici».

Articoli correlati
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
Violenze agli operatori, le richieste alla politica di medici e infermieri in occasione della Giornata nazionale
A Bari conferenza stampa FNOMCeO – FNOPI per ricordare tutti gli operatori sanitari che hanno subito aggressioni. Anelli e Mangiacavalli: «Fare al più presto qualcosa». Tra le richieste i requisiti minimi di sicurezza delle sedi e la rapida approvazione del ddl che inasprisce le pene
di Giulia Cavalcanti inviata a Bari
Salute migranti, il modello FNOMCeO e Regione Puglia arriva all’ONU
Il presidente Anelli invitato a Ginevra dalle Nazioni Unite: «La legge pugliese una novità assoluta che sancisce il diritto alle cure anche agli immigrati irregolari». FNOMCeO promotrice di corsi di formazione ad hoc per l’accoglienza sanitaria
Sanità, Cartabellotta (Gimbe): «Per rilanciarla servono più fondi e migliorare i rapporti Stato-Regioni»
Il Presidente della Fondazione Gimbe si dice «ottimista» circa le intenzioni del nuovo ministro Speranza ma sottolinea: «Il ministro della salute difficilmente potrà determinare le sorti in positivo o in negativo del servizio sanitario nazionale»
di Federica Bosco
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali