Lavoro 9 Aprile 2019

Sanità pubblica, Monaco (Fnomceo): «Contratti bloccati. Dal governo basta promesse, servono fatti»

Milioni di euro di straordinari non pagati e milioni di euro per il mancato turn over e le mancate assunzioni. Queste, secondo Fnomceo, sono le cifre che lo Stato sta risparmiando sul lavoro dei medici

Immagine articolo

Contratti bloccati, straordinari non pagati e mancato turn over, sono questi gli ingredienti della “tempesta perfetta” che sta investendo il Servizio Sanitario Nazionale, da cui prende il nome il convegno del sindacato Anaoo Assomed. Tra le file della platea si è seduto anche il segretario della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Roberto Monaco con il quale siamo riusciti a parlare.

Sul SSN si parla di tempesta perfetta, cosa ne pensa?
«È davvero purtroppo una tempesta perfetta, con tante nubi soprattutto per il futuro. Finora si sono sentiti dappertutto voci del verbo essere e si parla di futuro, si parla di faremo, provvederemo, costruiremo, però noi abbiamo bisogno in questo momento dell’essere, del presente. Bisogna dare ai giovani davvero speranza di un futuro di lavoro. Siamo contrari a regalare lauree, ma vogliamo regalare un futuro ai nostri giovani e vogliamo fare in modo che l’accesso al mondo del lavoro continui ad essere un accesso per legge con i concorsi. Non ha proprio senso pensare a un futuro richiamando pensionati al lavoro, ma anzi noi che siamo un po’ più grandicelli bisognerebbe che potessimo dare questa spinta formativa ai nostri giovani per fare in modo che il nostro paese abbia un SSN che continui ad essere equo, solidale e universalistico».

LEGGI: SALUTE E MIGRAZIONE, LA FNOMCEO PRESENTA IL CORSO ECM PER CURARE E PRENDERSI CURA. ANELLI: «NESSUNO VA TRASCURATO»

Il governo intanto si sta muovendo, si parla appunto dell’influenza di Quota 100 e il ministro della PA Giulia Bongiorno ha parlato dell’eliminazione del tetto di spesa.
«Noi siamo pronti a tutte le forme di cambiamento positivo, però a questo punto ci aspettiamo i fatti, perché sono 10 anni che nel mondo ospedaliero non c’è un contratto. I contratti sono tutti bloccati sia per i medici del territorio che per quelli ospedalieri e le chiacchiere non ci bastano più. Abbiamo bisogno di dare certezza ai nostri medici che continuano a fare tutti i giorni e tutti le notti il loro lavoro per salvaguardare la tutela della salute. Dobbiamo dire a questi medici che non sono soli, che dobbiamo salvaguardare i loro diritti perché prima ancora di essere lavoratori sono cittadini e come cittadini devono avere tutelati i diritti. È chiaro che tutto quello che viene in più dalle promesse del governo, ne prendiamo atto. Però noi vogliamo vedere i fatti, sono ormai 10 anni che siamo fermi, nonostante tutto, nonostante le aggressioni ai medici, ai turni massacranti e alla mancanza del turn over noi si continua a fare il nostro lavoro con passione, dedizione e soprattutto rispetto dei cittadini.

Sul tavolo c’è anche il problema del RIA, degli stipendi che non aumentano, ma anche straordinari non pagati.
«La posizione di Fnomceo è stata chiara, noi a Natale abbiamo donato simbolicamente un assegno, un assegno e una cambiale. Un assegno di milioni di euro che i medici hanno regalato allo Stato di straordinari non pagati e una cambiale di milioni di euro che sarebbero il mancato turn over e le mancate assunzioni. Queste sono le cifre che lo Stato sta risparmiando sul lavoro dei medici».

Articoli correlati
Medici in mobilitazione permanente: «Il 29 maggio grande atto di resistenza»
Così in una nota Il Coordinamento promotore della mobilitazione nazionale
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Premialità Covid-19, Anaao: «Assegnata in modo indistinto a Dirigenza e Comparto. Così si oltraggia la dignità di medici e dirigenti sanitari»
«Un vero e proprio schiaffo a quei volti che abbiamo visto su tutti i media segnati dalla stanchezza e dalla sofferenza – dichiara il Segretario Palermo -. La tanto sbandierata riconoscenza per la nostra generosità, lo spirito di servizio e l’abnegazione, passata l’emergenza, cede il posto, come nella Regione Veneto, a più vili e prosaiche esigenze di consenso politico e propaganda elettorale»
Decreto rilancio, Anaao Assomed: «Bene iniezione di risorse, ma lavoriamo per superare criticità»
«Prima il DL “Cura Italia” con 1,410 mld e ora il DL “Rilancio” con un ulteriore incremento di 3,250 mld del finanziamento del sistema sanitario, affrontano le problematiche emerse dalla pandemia. Ora è fondamentale vigilare per la sua conversione in legge e superare le criticità ancora persistenti con giuste proposte emendative» precisa il segretario Palermo
Violenza medici, trend in aumento: il 55% degli operatori vittima di aggressioni. L’indagine Anaao Assomed
Gli psichiatri i camici bianchi più colpiti, seguiti dai colleghi del pronto soccorso. Ma l'80% delle aggressioni non viene denunciato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...