Mondo 14 Marzo 2019

Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»

Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»

Immagine articolo

«I medici non lasciano indietro nessuno». Con queste parole il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, ha iniziato il suo intervento alla conferenza stampa di presentazione del corso di formazione “Salute e migrazione: curare e prendersi cura”, realizzato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri in collaborazione con Sanità di Frontiera Ois. Un corso offerto gratuitamente dalla FNOMCeO a tutti i medici italiani, disponibile sulla piattaforma www.fadinmed.it.

Una presa di posizione netta, quella di Sileri, che rispecchia il pensiero del presidente della FNOMCeO Filippo Anelli: «Con questo corso offriamo un servizio alla classe medica italiana – dichiara ai nostri microfoni –, ma coniughiamo anche il diritto alla salute previsto nella nostra Costituzione con il nostro codice deontologico. L’accoglienza – prosegue Anelli – si coniuga con il diritto inviolabile di ogni uomo di ottenere salute, e nessuno va trascurato».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITA’ INFORMAZIONE SUL PROGETTO SANITA’ DI FRONTIERA

Sono circa 5 milioni e mezzo gli stranieri che risiedono regolarmente in Italia e che si rivolgono ai medici e alla sanità italiani per risolvere i loro problemi di salute. Problemi e patologie che spesso sono legati al loro vissuto e che includono traumi, violenze e shock psicologici subiti nel Paese di provenienza e nel viaggio che li ha portati in Italia. Per affrontarli sono quindi necessari un approccio e una comunicazione differenti, ma anche competenze e conoscenze specifiche, che vengono spiegati e proposti nel corso: «Offriamo – prosegue Anelli – un sistema di formazione che consenta ai medici di acquisire competenze specifiche in questo campo sfruttando lo strumento della Formazione a distanza, che consente di raggiungere tutti i 400mila medici iscritti alla Federazione. Sarà poi possibile collegarsi alla piattaforma in qualsiasi momento e completare l’aggiornamento anche in diverse tranche a seconda delle loro disponibilità, ottenendo alla fine i 12 crediti ECM previsti».

«Il corso – spiega Francesco Aureli, presidente di Sanità di Frontiera OIS – si ispira al cambiamento socio-culturale in atto in Europa per effetto dei fenomeni migratori. L’obiettivo è affermare il principio per cui la salute e il benessere dei migranti devono necessariamente procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante. Il corso – aggiunge – rappresenta l’occasione per supportare la classe medica in questo impegno attraverso un percorso didattico mirato. Grazie al sostegno di Sanità in-Formazione, siamo riusciti ad attivare questa preziosa collaborazione con la FNOMCeO per la formazione a distanza dei medici italiani, che ci permetterà di raggiungere ancora più operatori di quelli che riusciamo a raggiungere attualmente con la nostra formazione frontale».

«Grazie a materiali video e presentazioni di autorevoli esperti e rappresentanti di organizzazioni o di istituzioni – spiega Roberto Stella, coordinatore dell’Area Strategica Formazione della FNOMCeO – le tre sezioni del corso offrono una visione completa del fenomeno delle migrazioni e delle ricadute sulla salute. L’obiettivo è promuovere e diffondere la cultura della salute e dell’accoglienza, accrescere le conoscenze e le competenze degli operatori sanitari ed evidenziare l’impatto socio-assistenziale e clinico dei flussi migratori sui sistemi sanitari locali e nazionali».

«Nel corso – conclude Anelli – intervengono esperti di medicina delle migrazioni di chiara fama e responsabili delle ONG che si occupano di migrazioni, ma ci sono anche simulazioni di casi concreti. Credo quindi che si presenti sotto ogni aspetto come un ottimo percorso formativo».

Articoli correlati
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Professionisti in Sanità, la fotografia dell’Istat: «Sempre meno e sempre più vecchi»
Anelli (FNOMCeO): «Situazione frutto di politiche di tagli e di contenimento. Dobbiamo lavorare tutti insieme, i medici, i professionisti, le istituzioni, il Governo, gli stakeholder, a un grande progetto di rilancio del nostro Ssn». SIGM: «Gli “eroi” tanto elogiati restano i più poveri e più stanchi della Pubblica Amministrazione»
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...