Mondo 14 Marzo 2019

Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»

Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»

Immagine articolo

«I medici non lasciano indietro nessuno». Con queste parole il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, ha iniziato il suo intervento alla conferenza stampa di presentazione del corso di formazione “Salute e migrazione: curare e prendersi cura”, realizzato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri in collaborazione con Sanità di Frontiera Ois. Un corso offerto gratuitamente dalla FNOMCeO a tutti i medici italiani, disponibile sulla piattaforma www.fadinmed.it.

Una presa di posizione netta, quella di Sileri, che rispecchia il pensiero del presidente della FNOMCeO Filippo Anelli: «Con questo corso offriamo un servizio alla classe medica italiana – dichiara ai nostri microfoni –, ma coniughiamo anche il diritto alla salute previsto nella nostra Costituzione con il nostro codice deontologico. L’accoglienza – prosegue Anelli – si coniuga con il diritto inviolabile di ogni uomo di ottenere salute, e nessuno va trascurato».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITA’ INFORMAZIONE SUL PROGETTO SANITA’ DI FRONTIERA

Sono circa 5 milioni e mezzo gli stranieri che risiedono regolarmente in Italia e che si rivolgono ai medici e alla sanità italiani per risolvere i loro problemi di salute. Problemi e patologie che spesso sono legati al loro vissuto e che includono traumi, violenze e shock psicologici subiti nel Paese di provenienza e nel viaggio che li ha portati in Italia. Per affrontarli sono quindi necessari un approccio e una comunicazione differenti, ma anche competenze e conoscenze specifiche, che vengono spiegati e proposti nel corso: «Offriamo – prosegue Anelli – un sistema di formazione che consenta ai medici di acquisire competenze specifiche in questo campo sfruttando lo strumento della Formazione a distanza, che consente di raggiungere tutti i 400mila medici iscritti alla Federazione. Sarà poi possibile collegarsi alla piattaforma in qualsiasi momento e completare l’aggiornamento anche in diverse tranche a seconda delle loro disponibilità, ottenendo alla fine i 12 crediti ECM previsti».

«Il corso – spiega Francesco Aureli, presidente di Sanità di Frontiera OIS – si ispira al cambiamento socio-culturale in atto in Europa per effetto dei fenomeni migratori. L’obiettivo è affermare il principio per cui la salute e il benessere dei migranti devono necessariamente procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante. Il corso – aggiunge – rappresenta l’occasione per supportare la classe medica in questo impegno attraverso un percorso didattico mirato. Grazie al sostegno di Sanità in-Formazione, siamo riusciti ad attivare questa preziosa collaborazione con la FNOMCeO per la formazione a distanza dei medici italiani, che ci permetterà di raggiungere ancora più operatori di quelli che riusciamo a raggiungere attualmente con la nostra formazione frontale».

«Grazie a materiali video e presentazioni di autorevoli esperti e rappresentanti di organizzazioni o di istituzioni – spiega Roberto Stella, coordinatore dell’Area Strategica Formazione della FNOMCeO – le tre sezioni del corso offrono una visione completa del fenomeno delle migrazioni e delle ricadute sulla salute. L’obiettivo è promuovere e diffondere la cultura della salute e dell’accoglienza, accrescere le conoscenze e le competenze degli operatori sanitari ed evidenziare l’impatto socio-assistenziale e clinico dei flussi migratori sui sistemi sanitari locali e nazionali».

«Nel corso – conclude Anelli – intervengono esperti di medicina delle migrazioni di chiara fama e responsabili delle ONG che si occupano di migrazioni, ma ci sono anche simulazioni di casi concreti. Credo quindi che si presenti sotto ogni aspetto come un ottimo percorso formativo».

Articoli correlati
Formazione continua, Speranza presiede Commissione ECM: «Investimento in capitale umano centrale per nuove sfide Ssn»
Alla riunione anche il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli (Fnomceo): «Formazione deve favorire crescita competenze cogliendo e facendo propri i percorsi di innovazione che quotidianamente i professionisti mettono in campo»
Assistenza ai migranti e formazione del personale sanitario: la Clinica Dermatologica della Federico II in prima linea
L’incontro intitolato “La pelle non ha colori” rivolto ai responsabili dei centri accoglienza in Campania per instaurare una collaborazione efficace
Attivo il Dossier formativo FNOMCeO, “in automatico” 30 crediti ECM. Anelli: «Inseriti temi trasversali alle professioni»
Il Dossier, spiega il presidente Anelli «intende definire un insieme di tematiche professionali trasversali, di supporto ai professionisti nello svolgimento della pratica professionale quotidiana, che possano contribuire a costruire il portfolio delle competenze del medico e dell’odontoiatra»
Cartelloni contro medici italiani a Bolzano, Anelli (FNOMCeO): «Messaggio pessimo. Presentato esposto in Procura»
Cartelloni con la foto di un cadavere e la scritta "Il medico non sapeva il tedesco". La campagna del partito secessionista Sudtiroler Freiheit ha sollevato le proteste dell'Ordine dei Medici
Alleanza tra professioni in difesa del SSN: Regioni e FNOMCeO chiedono al Ministro una Conferenza nazionale
Sul tavolo dell'incontro tra Regioni e FNOMCeO, carenza di specialisti, imbuto formativo e aggressioni. Visione comune sull'esigenza di estendere a tutti i medici la possibilità di prescrivere farmaci di largo consumo destinati alla cura di malattie croniche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...