Mondo 14 Marzo 2019

Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»

Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»

Immagine articolo

«I medici non lasciano indietro nessuno». Con queste parole il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, ha iniziato il suo intervento alla conferenza stampa di presentazione del corso di formazione “Salute e migrazione: curare e prendersi cura”, realizzato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri in collaborazione con Sanità di Frontiera Ois. Un corso offerto gratuitamente dalla FNOMCeO a tutti i medici italiani, disponibile sulla piattaforma www.fadinmed.it.

Una presa di posizione netta, quella di Sileri, che rispecchia il pensiero del presidente della FNOMCeO Filippo Anelli: «Con questo corso offriamo un servizio alla classe medica italiana – dichiara ai nostri microfoni –, ma coniughiamo anche il diritto alla salute previsto nella nostra Costituzione con il nostro codice deontologico. L’accoglienza – prosegue Anelli – si coniuga con il diritto inviolabile di ogni uomo di ottenere salute, e nessuno va trascurato».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITA’ INFORMAZIONE SUL PROGETTO SANITA’ DI FRONTIERA

Sono circa 5 milioni e mezzo gli stranieri che risiedono regolarmente in Italia e che si rivolgono ai medici e alla sanità italiani per risolvere i loro problemi di salute. Problemi e patologie che spesso sono legati al loro vissuto e che includono traumi, violenze e shock psicologici subiti nel Paese di provenienza e nel viaggio che li ha portati in Italia. Per affrontarli sono quindi necessari un approccio e una comunicazione differenti, ma anche competenze e conoscenze specifiche, che vengono spiegati e proposti nel corso: «Offriamo – prosegue Anelli – un sistema di formazione che consenta ai medici di acquisire competenze specifiche in questo campo sfruttando lo strumento della Formazione a distanza, che consente di raggiungere tutti i 400mila medici iscritti alla Federazione. Sarà poi possibile collegarsi alla piattaforma in qualsiasi momento e completare l’aggiornamento anche in diverse tranche a seconda delle loro disponibilità, ottenendo alla fine i 12 crediti ECM previsti».

«Il corso – spiega Francesco Aureli, presidente di Sanità di Frontiera OIS – si ispira al cambiamento socio-culturale in atto in Europa per effetto dei fenomeni migratori. L’obiettivo è affermare il principio per cui la salute e il benessere dei migranti devono necessariamente procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante. Il corso – aggiunge – rappresenta l’occasione per supportare la classe medica in questo impegno attraverso un percorso didattico mirato. Grazie al sostegno di Sanità in-Formazione, siamo riusciti ad attivare questa preziosa collaborazione con la FNOMCeO per la formazione a distanza dei medici italiani, che ci permetterà di raggiungere ancora più operatori di quelli che riusciamo a raggiungere attualmente con la nostra formazione frontale».

«Grazie a materiali video e presentazioni di autorevoli esperti e rappresentanti di organizzazioni o di istituzioni – spiega Roberto Stella, coordinatore dell’Area Strategica Formazione della FNOMCeO – le tre sezioni del corso offrono una visione completa del fenomeno delle migrazioni e delle ricadute sulla salute. L’obiettivo è promuovere e diffondere la cultura della salute e dell’accoglienza, accrescere le conoscenze e le competenze degli operatori sanitari ed evidenziare l’impatto socio-assistenziale e clinico dei flussi migratori sui sistemi sanitari locali e nazionali».

«Nel corso – conclude Anelli – intervengono esperti di medicina delle migrazioni di chiara fama e responsabili delle ONG che si occupano di migrazioni, ma ci sono anche simulazioni di casi concreti. Credo quindi che si presenti sotto ogni aspetto come un ottimo percorso formativo».

Articoli correlati
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
Manovra 2021, alla sanità 4 miliardi: contratti prorogati e fondo per l’acquisto dei vaccini
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ‘salvo-intese’ la manovra economica 2021: 39 miliardi complessivi di cui 24 in deficit e 15 di aiuti europei. Aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale. FNOMCeO approva: «Ottimo segnale, ora avviare stagione rinnovi contratti e convenzioni»
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare