Salute 18 Dicembre 2019 10:01

«Dal Codice Rosa alle cure di genere, così siamo al fianco delle donne». Policlinico e S. Marco di Catania premiati dalla Fondazione Onda

«Ci hanno permesso di riprogettare dall’inizio tutti i percorsi, dalle fragilità alle donne vittime di violenza e maltrattamenti». Così il direttore dell’azienda ospedaliera Antonio Lazzara

Anche quest’anno Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha attribuito i Bollini Rosa 2020-2021 agli ospedali italiani “vicini alle donne” e che si sono distinti con servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie che le riguardano.

Alla 9a edizione dei Bollini Rosa hanno partecipato 344 ospedali italiani e numerose società scientifiche. I 335 ospedali premiati costituiscono una rete di scambio di esperienze e di prassi virtuose per promuovere laggiornamento dei medici e degli operatori sanitari e l’opportunità, per la popolazione, di poter scegliere il luogo di cura più idoneo alle esigenze delle donne.

Tra gli ospedali virtuosi che sono stati premiati, tre sono ubicati nel Sud Italia (il C.R.O.B. di Rionero in Vulture, il Neuromed di Pozzilli e il Rodolico di Catania) e hanno ottenuto il massimo riconoscimento nella candidatura perché esempi di buone pratiche clinico-assistenziali e importanti punti di riferimento sul territorio regionale.

E c’è addirittura chi ha portato a casa un “doppio bottino”. È il caso dell’Azienda Ospedaliero Universitaria catanese che, nella cerimonia di premiazione che si è svolta al Ministero della Salute, ha ricevuto il massimo punteggio per i suoi due ospedali: tre bollini per il San Marco e tre bollini per il Policlinico. A ritirare le targhe sono stati il direttore sanitario aziendale dottor Antonio Lazzara e la referente aziendale del progetto dottoressa Gaetana Reitano. «Siamo stati premiati per l’Attivazione del Codice Rosa al Policlinico, un modello ben preciso di gestione della donna che ha subìto maltrattamenti o violenza, anche sessuale – ha spiegato il dottor Lazzara a Sanità Informazione -. L’azienda ha stretto rapporti con la Procura, la polizia postale e le associazioni di volontariato, coinvolgendo tutte le aziende del territorio e ha stabilito un’organizzazione interna a tutela della donna caratterizzata da percorsi separati, stanze separate, possibilità di ricovero e approccio multidisciplinare con consulenti, assistenti sociali, psicologi e ginecologi».

All’Azienda Ospedaliero Universitaria catanese è stata riconosciuta un’esperienza di miglioramento nei percorsi che riguardano le cure di genere: «Tante sono state le modifiche strutturali intervenute nell’ultimo periodo – ha precisato Lazzara a Sanità Informazione – abbiamo due terapie intensive neonatali e siamo sede per la Sicilia orientale del trasporto neonatale in urgenza, ossia ci occupiamo della gestione, del trattamento e del trasporto di tutti i neonati che necessitano di particolari cure».

Il percorso si completa al San Marco con un grande polo materno-infantile per l’emergenza della donna e del bambino: «Abbiamo attivato anche un pronto soccorso ginecologico e pediatrico e un sistema di emergenza urgenza per la gestione del neonato» ha evidenziato il direttore sanitario Lazzara.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta attraverso un questionario di candidatura composto da quasi 500 domande suddivise in 18 aree specialistiche. I bollini conseguiti sono stati validati da una commissione multidisciplinare, diretta da Walter Ricciardi – Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute della Donna, del Bambino e di Sanità Pubblica del Policlinico Gemelli di Roma – considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e i risultati ottenuti nelle diverse aree specialistiche.

Articoli correlati
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
La donna dopo la pandemia? Più forte e in ruoli apicali nella sanità
In occasione della presentazione del libro bianco di Fondazione Onda "Covid-19 e salute di genere”, i protagonisti della scienza, della politica e delle istituzioni hanno spiegato come la donna sia stata vittima della pandemia e della società, ma con resilienza saprà riscattare il suo ruolo
di Federica Bosco
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...