Salute 17 Febbraio 2017

Asperger, ne soffrono 25 su 10mila. Come riconoscere la malattia della solitudine?

Il disturbo persuasivo dello sviluppo è imparentato con l’autismo ma si differenzia per alcune manifestazioni. La difficoltà ad interagire con gli altri è l’aspetto più evidente e porta il soggetto che ne è affetto, a isolarsi e vivere ai margini della società

Il 18 febbraio si celebra la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger. La sindrome rientra nelle classificazioni relative al disturbo autistico e si caratterizza per una serie di manifestazioni comportamentali anomale. Tra i sintomi più evidenti di Asperger, la difficoltà da parte dell’individuo che ne soffre, di interagire con gli altri, la presenza di comportamenti ossessivo-compulsivi, espressioni verbali atipiche accompagnate spesso da anomalie nel tono e nel volume della voce.

La malattia venne portata alla luce da un pediatra austriaco, Hans Asperger, specializzato in Pedagogia Curativa, negli anni ’40 del XIX secolo. Il medico che aveva in cura bambini affetti da problematiche psicologiche, riconobbe nei suoi piccoli pazienti delle manifestazioni comportamentali che differivano dai consueti atteggiamenti attribuibili all’autismo. Infatti la sindrome di Asperger, a differenza dell’autismo, non si rivela attraverso palesi ritardi cognitivi o del linguaggio, è dunque più insidiosa da diagnosticare.

Il paziente, affetto da Asperger, incentra il dialogo su se stesso, è in genere intelligente sopra la media e inoltre si focalizza su una argomento in particolare di cui diventa un profondo conoscitore. La ricerca della solitudine e il tentativo di sfuggire a qualsiasi interazione sociale, è l’istinto naturale del paziente che si ritrova ad essere, per ovvi motivi, emarginato dal contesto sociale senza capirne il motivo.

Tuttavia la sindrome si manifesta sotto differenti forme e proprio per questo, il più delle volte, è difficile da individuare e più della metà dei pazienti che ne soffre, rimane nell’ombra. Questa condizione non ha origine psicologica, ma è provocata da un’alterazione di alcune strutture del cervello, le cui cause dipendano da fattori genetici e ambientali. La Sindrome di Asperger è cronica, con opportune cure possono migliorare alcune capacità d’interazione sociale da parte del paziente, ma in genere la sindrome perdura tutta la vita.

 

Articoli correlati
BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori
Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»
La nuova sanità pediatrica tra telemedicina e implementazione reti ospedaliere hub e spoke. Le possibilità per il post Covid-19
D'Avino (FIMP): «Pediatri devono poter prescrivere tamponi rapidi. Impensabile riammettere un bambino a scuola senza certezza della diagnosi»
I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»
Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri
di Giuseppe Mele, Presidente Simpe
Bambini e sindrome di Kawasaki, i pediatri: «Oltre 20 casi in 20 giorni, associazione con Covid-19 non sembra casuale»
Sedici anni fa un altro coronavirus con lo stesso recettore è stato collegato alla malattia, allarme tra i pediatri che invitano a non sottovalutare i sintomi cutanei. Mele (presidente Simpe): «Nella Fase 2 diagnosi clinica drammaticamente essenziale. Ripensare una pediatria di comunità»
di Gloria Frezza
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...