Salute 7 giugno 2017

Allarme Coca Cola, il Ministero della Salute ritira lotto non conforme

Caratteristiche anomale per alcune bottiglie di Coca Cola distribuite in città al sud Italia. Il Ministero della Salute lancia l’allarme: «Alto tasso di caffeina, acido fosforico e solfiti»

Immagine articolo

Ritirato un lotto di bottiglie di Coca Cola da 1,5 litri in alcuni supermercati del sud Italia. Lo rende noto il Ministero della Salute con un richiamo per la multinazionale, costretta a ritirare dagli scaffali dei supermercati di alcune città italiane (Caserta, Matera, Potenza e Salerno) le bottiglie risultate non conformi ai controlli. Il Ministero, con una circolare ufficiale, spiega le ragioni del ritiro delle bottiglie prodotte presso lo stabilimento di Marcianise (Caserta). La ragione è la «non conformità di produzione», visto che il contenuto della bottiglia avrebbe, scrive il Ministero, «un sapore molto sgradevole con un aspetto molto denso e livelli concentrati di caffeina, acido fosforico e solfiti».

La Coca Cola chiarisce, come riportato dalla Gazzetta del sud, che sta provvedendo a ritirare alcune bottiglie ma ci tiene a specificare che è solo un determinato lotto ad esserne interessato. Intanto la Srl che si occupa di distribuire la Coca Cola in Italia, invita a controllare la bevanda prima di consumarla e nel caso in cui risulti qualcosa di non conforme alla norma, invita i consumatori a riportare immediatamente il prodotto nel punto vendita di riferimento.

Articoli correlati
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
Caldo, allerta del Ministero della Salute: da domani ondata di calore estesa in tutta Italia
I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per domani e dopodomani con livelli 2-3 nella maggior parte delle città italiane e si prolungheranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...