Politica 7 Ottobre 2022 15:39

Tecnico o politico? Il parere degli apicali della Sanità sul nuovo ministro

Da Anelli della Fnomceo a Oliveti dell’Enpam, da Scotti della Fimmg a di Silverio di Anaao Assomed fino all’attuale ministro della Salute Speranza. Gli specialisti della sanità rivelano quale sia la figura più giusta che dovrà guidare la sanità italiana nel prossimo Governo

Manca poco alla formazione della squadra del nuovo Governo e il dibattito su chi sarà la guida del ministero della Salute (e non solo!) è fermo sul dilemma «tecnico o politico?». Il totoministri impazza e tutte le strade sono al momento aperte. Ma gli specialisti della sanità sembrano avere le idee chiare e hanno rivelato a Sanità Informazione che tipo di ministro la nostra sanità ha bisogno di avere ora.

Anelli (Fnomceo): «Meglio un politico capace di atti concreti di Governo»

«Noi preferiamo sempre una figura politica», ammette Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo). «Perché le scelte che bisognerà fare devono rispondere agli obiettivi che il Governo si dà. Tuttavia, laddove il Governo ritenesse che per raggiungere gli obiettivi politici ci fosse bisogno di un tecnico, a quel punto – continua – bisognerà stabilire obiettivi precisi e il tecnico dovrà essere capace di raggiungerli. Ma quello che in Italia può migliorare la situazione è un ministro che sia capace di trasformare in atti concreti di Governo».

Scotti (Fimmg): «Preferisco un politico non troppo vicino alla sanità»

Anche Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), propende su una figura politica al posto di una tecnica. «In base all’esperienza di questi ultimi anni – spiega – preferisco un politico che sia anche non troppo vicino all’area sanitaria. Se mettiamo un tecnico. l’educazione formativa crea, anche se in buona fede, un allontanamento dal proprio ‘orticello’, che tenderà quindi a essere più bistrattato per non far notare la vicinanza. Inoltre per un tecnico è più difficile lavorare in un contesto diverso dal suo».

Oliveti (Enpam): «Occorre un giusto equilibrio fra le competenze»

«Non credo alla distinzione che si sta facendo fra tecnico e politico», dissente Alberto Oliveti, presidente dell’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza Medici (Enpam). «Non sono due versanti di una montagna. Credo invece – continua – nell’equilibrio delle competenze che si realizza nell’appropriatezza dell’esercizio politico supportato dalla competenza».

Di Silverio (Anaao Assomed): «Meglio ministro tecnico che conosca il mondo della sanità»

«Per troppo tempo la sanità è stata guidata non da chi realmente conoscesse e vivesse i suoi problemi», dichiara il segretario Nazionale dell’Anaao Assomed, Pierino Di Silverio. «È arrivato il momento – prosegue – che il ministero della Salute venga riaffidato alle persone che i problemi del complesso mondo sanitario li abbiano vissuti. Senza comprensione non ci saranno soluzioni reali».

Speranza: «Sempre dalla parte del paese»

Non si sbilancia sul suo successore il ministro della Salute, Roberto Speranza. «Ho sempre chiesto unità – dice a Sanità Informazione – e spesso ho ricevuto, fango, minacce e insulti. Continuerò a predicare grande attenzione e l’idea che sui temi che riguardano la salute bisogna lavorare insieme. A partire dai due principi cardine che sono il primato del diritto alla salute e la centralità dell’evidenza scientifica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Dl Aiuti Ter e proroga Decreto Calabria al centro dei lavori parlamentari
In settimana attesa per l’informativa del ministro dell’Interno Piantedosi sui migranti dopo i fatti di Catania. In commissione Sanità e Lavoro anche la proroga della permanenza in carica dei componenti delle commissioni consultive presso l’AIFA
Commissioni: al Senato Zaffini (Fdi) a Sanità e Lavoro, alla Camera Cappellacci (Fi) agli Affari sociali
L’ex governatore della Sardegna è il nome indicato da Forza Italia: «Più forza alla famiglia e al diritto alla salute». Al Senato tocca a Francesco Zaffini: «Le priorità: valorizzazione del personale sanitario e stop alle morti sul lavoro»
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...