Salute 24 Febbraio 2015

Liberalizzazioni farmaci, l’analisi dell’Aifa: “Nessun vantaggio per i pazienti”

Sui medicinali di fascia C effetto boomerang tra crisi dei consumi e aumento dei prezzi

Immagine articolo

E‘ un dibattito mai come ora animato, quello sulle liberalizzazioni dei farmaci. Tante le voci e le prese di posizione che si sono accavallate nel corso delle scorse settimane. Il Governo ha prima provato a tenere le redini del dialogo trasmettendo il suo atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione con le farmacie al Comitato di Settore Sanità delle Regioni.

Pochi giorni dopo ha dato il via libera al Ddl Guidi lasciando alle farmacie l’esclusiva della vendita dei farmaci di Fascia C con ricetta.

Un punto fermo nella discussione lo ha però messo l’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha tentato di fare chiarezza su un aspetto fondamentale: riferendosi alla “lenzuolata” avvenuta nove anni fa per volontà del Governo Prodi, se l’obiettivo della liberalizzazione della vendita dei medicinali di fascia C-SOP/OTC – ovvero i farmaci da banco – era quello di rappresentare un vantaggio per i pazienti, con una riduzione dei prezzi tramite una vera concorrenza e un complessivo risparmio a loro vantaggio, “i dati obiettivi e certificati evidenziano il completo fallimento di tale presupposto, perlomeno nel settore dell’assistenza farmaceutica”.

Aifa ha infatti analizzato il mercato dei medicinali di fascia C a partire dal 2006, anno di emanazione del “Decreto Bersani” (ovvero il Dl 4 luglio 2006, n. 223, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 2006, n. 248). I consumi totali sono rimasti stabili fino al 2010. Successivamente, probabilmente a causa della crisi economica, il consumo (ma non i costi) di questi medicinali ha visto una progressiva flessione fino al 2013, attestandosi ad una riduzione dell’11,5% rispetto al 2006. Questa contrazione dei consumi rispetto al 2006 “ha riguardato – spiega Aifa – in particolare i medicinali di fascia C con ricetta medica, dispensati esclusivamente attraverso le farmacie aperte al pubblico”. In totale si parla del meno 15,7% rispetto al 2006. “Al contrario –  si legge ancora nella nota – la riduzione dei consumi dei SOP/OTC, dispensabili anche attraverso le parafarmacie e la GDO, è stata più contenuta (-7,4%)”.

Gli effetti dei provvedimenti di liberalizzazione che si sono avuti negli ultimi anni non sembrerebbero dunque “aver portato alcun vantaggio ai pazienti, a parte la comodità di avere una più facile disponibilità di punti vendita”. Secondo l’Agenzia del Farmaco “non vi sono stati risparmi per i cittadini visto che la spesa a loro carico ha avuto una crescita del +2,2% dal 2006 al 2013”. In altri termini, “a fronte di un paziente che per effetto della crisi tendeva a contrarre il volume dei propri acquisti di medicinali di fascia C, il sistema produttivo e distributivo ha “compensato” sfruttando la nota attitudine al consumo del mondo occidentale con un costante incremento dei prezzi di questi medicinali”.

L’effetto economico dei provvedimenti effettuati, nell’intento di favorire la concorrenza, ha invece paradossalmente determinato un complessivo aggravio per i cittadini di circa 200 milioni di euro. Tutto ciò è avvenuto nonostante la contrazione dei consumi. Si tratta di uno scenario che comunque “non ha caratterizzato i medicinali di fascia C con ricetta che – conclude Aifa – oltre ad aver subito una rilevante riduzione del consumo (soprattutto dopo il 2012, ovvero dopo la riclassificazione da DM 18 aprile 2012), hanno avuto anche una contrazione della spesa a carico del cittadino del -3%”.

Articoli correlati
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Integratori alimentari , ecco i falsi miti dietro il passaparola e le prescrizioni mediche
Il Convegno organizzato da ASFI a Sorrento per fare il punto su un prodotto che da solo rappresenta il 70% del fatturato delle farmacie
Farmacie rurali, Senior Italia FederAnziani: «No alla chiusura, non possiamo abbandonare gli anziani nei piccoli comuni»
I malati cronici e specialmente gli anziani che vivono nei piccoli comuni rurali, nelle comunità montane, nelle isole minori, rischiano di restare abbandonati a loro stessi, privati di un punto di riferimento fondamentale per la loro salute, quale le farmacie rurali. Lo dichiara Roberto Messina, Presidente di Senior Italia FederAnziani, che sottolinea come gli allarmi […]
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone