Salute 24 Febbraio 2015

Liberalizzazioni farmaci, l’analisi dell’Aifa: “Nessun vantaggio per i pazienti”

Sui medicinali di fascia C effetto boomerang tra crisi dei consumi e aumento dei prezzi

Immagine articolo

E‘ un dibattito mai come ora animato, quello sulle liberalizzazioni dei farmaci. Tante le voci e le prese di posizione che si sono accavallate nel corso delle scorse settimane. Il Governo ha prima provato a tenere le redini del dialogo trasmettendo il suo atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione con le farmacie al Comitato di Settore Sanità delle Regioni.

Pochi giorni dopo ha dato il via libera al Ddl Guidi lasciando alle farmacie l’esclusiva della vendita dei farmaci di Fascia C con ricetta.

Un punto fermo nella discussione lo ha però messo l’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha tentato di fare chiarezza su un aspetto fondamentale: riferendosi alla “lenzuolata” avvenuta nove anni fa per volontà del Governo Prodi, se l’obiettivo della liberalizzazione della vendita dei medicinali di fascia C-SOP/OTC – ovvero i farmaci da banco – era quello di rappresentare un vantaggio per i pazienti, con una riduzione dei prezzi tramite una vera concorrenza e un complessivo risparmio a loro vantaggio, “i dati obiettivi e certificati evidenziano il completo fallimento di tale presupposto, perlomeno nel settore dell’assistenza farmaceutica”.

Aifa ha infatti analizzato il mercato dei medicinali di fascia C a partire dal 2006, anno di emanazione del “Decreto Bersani” (ovvero il Dl 4 luglio 2006, n. 223, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 2006, n. 248). I consumi totali sono rimasti stabili fino al 2010. Successivamente, probabilmente a causa della crisi economica, il consumo (ma non i costi) di questi medicinali ha visto una progressiva flessione fino al 2013, attestandosi ad una riduzione dell’11,5% rispetto al 2006. Questa contrazione dei consumi rispetto al 2006 “ha riguardato – spiega Aifa – in particolare i medicinali di fascia C con ricetta medica, dispensati esclusivamente attraverso le farmacie aperte al pubblico”. In totale si parla del meno 15,7% rispetto al 2006. “Al contrario –  si legge ancora nella nota – la riduzione dei consumi dei SOP/OTC, dispensabili anche attraverso le parafarmacie e la GDO, è stata più contenuta (-7,4%)”.

Gli effetti dei provvedimenti di liberalizzazione che si sono avuti negli ultimi anni non sembrerebbero dunque “aver portato alcun vantaggio ai pazienti, a parte la comodità di avere una più facile disponibilità di punti vendita”. Secondo l’Agenzia del Farmaco “non vi sono stati risparmi per i cittadini visto che la spesa a loro carico ha avuto una crescita del +2,2% dal 2006 al 2013”. In altri termini, “a fronte di un paziente che per effetto della crisi tendeva a contrarre il volume dei propri acquisti di medicinali di fascia C, il sistema produttivo e distributivo ha “compensato” sfruttando la nota attitudine al consumo del mondo occidentale con un costante incremento dei prezzi di questi medicinali”.

L’effetto economico dei provvedimenti effettuati, nell’intento di favorire la concorrenza, ha invece paradossalmente determinato un complessivo aggravio per i cittadini di circa 200 milioni di euro. Tutto ciò è avvenuto nonostante la contrazione dei consumi. Si tratta di uno scenario che comunque “non ha caratterizzato i medicinali di fascia C con ricetta che – conclude Aifa – oltre ad aver subito una rilevante riduzione del consumo (soprattutto dopo il 2012, ovvero dopo la riclassificazione da DM 18 aprile 2012), hanno avuto anche una contrazione della spesa a carico del cittadino del -3%”.

Articoli correlati
Farmacie rurali, Senior Italia FederAnziani: «No alla chiusura, non possiamo abbandonare gli anziani nei piccoli comuni»
I malati cronici e specialmente gli anziani che vivono nei piccoli comuni rurali, nelle comunità montane, nelle isole minori, rischiano di restare abbandonati a loro stessi, privati di un punto di riferimento fondamentale per la loro salute, quale le farmacie rurali. Lo dichiara Roberto Messina, Presidente di Senior Italia FederAnziani, che sottolinea come gli allarmi […]
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
Grande successo per “In farmacia per i bambini”: raccolte oltre 200mila confezioni
Trend ancora in crescita per la VI edizione di “In Farmacia per i bambini” della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus, che si è svolta lo scorso 20 novembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Diritti dell’infanzia. Una iniziativa di grande valore e a sostegno dei bambini in condizione di povertà sanitaria: i dati Istat indicano, infatti, la preoccupante incidenza della povertà assoluta […]
Farmacia, il futuro della professione. Mandelli (FOFI): «Legge 2009 ha posto basi, ora lavorare su deospedalizzazione e rete tra attori sistema»
«Basta aprire una porta per trovare dietro al bancone un professionista che ti ascolta, questo è il farmacista, sempre sul territorio e accanto al cittadino». L’intervista a Andrea Mandelli in occasione dei 40 anni del SSN
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone