Professioni Sanitarie 21 Dicembre 2021 11:58

Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»

Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»

di Francesco Torre

Occuparsi dei soggetti con diversi gradi di disabilità attraverso una terapia centrata sulla persona e sulle sue occupazioni in grado di restituire il più ampio livello di autonomia. È questo uno dei compiti principali dei terapisti occupazionali, professione confluita nella Federazione degli Ordini TSRM PSTRP. Al Congresso nazionale di Rimini abbiamo conversato con la presidente della Commissione d’Albo di Roma, Luigia Fioramonti, e con il dottor Arnaldo Pezzola, membro della Cda di Roma, che ci hanno raccontato come sta evolvendo la professione e quali sono i suoi punti di forza.

«Nel Lazio siamo ancora troppo pochi nelle aziende sanitarie»

«I terapisti occupazionali – spiega Fioramonti – hanno bisogno di una buona formazione come tutte le professioni sanitarie dell’Ordine e di essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini. Noi ci occupiamo di tutto ciò che guarda ai bisogni della persona, ai bisogni della vita quotidiana e quindi lavoriamo per permettere alla persona di poter svolgere delle attività che sono per la persona significative ma a cui ha dovuto rinunciare. Sappiamo che è molto importante dare questa possibilità a tutte le età della vita».

Tuttavia, il numero di terapisti occupazionali è ancora insufficiente a rispondere ai bisogni di salute: «Noi siamo presenti in alcuni servizi pubblici, a Roma e nel Lazio purtroppo nelle aziende sanitarie siamo ancora rarissimi. Siamo nelle RSA, nei servizi per riabilitazione delle persone con problemi comportamentali o cognitivi, ma siamo ancora troppo pochi nei servizi per l’età evolutiva in cui invece la nostra presenza è fondamentale».

Il rapporto con familiari e caregiver

Compito del terapista occupazionale è anche quello di interloquire con l’ambiente circostante e con familiari e caregiver. «Il cuore della nostra professione è l’interesse verso il paziente, verso la persona con cui andiamo a stabilire un vero e proprio contratto che è basato sul raggiungimento della partecipazione nelle attività – spiega Pezzola -. Io lavoro nel campo della disabilità intellettiva e cerco di capire sempre i veri interessi del soggetto. Questo vale in tutti gli ambiti della terapia occupazionale: età evolutiva e disabilità sia fisica che mentale».

Compito del terapista occupazionale è quello di far raggiungere la massima partecipazione al soggetto: «Quello che facciamo nei nostri reparti, che molto spesso assomigliano ad ambienti di vita domestica e includono bagni accessibili, cucine accessibili, spazi dedicati alla vestizione ma anche piccoli ambiti di lavoro, è quello di lavorare con i nostri pazienti in modo tale che loro possano raggiungere una autonomia che li possa riportare pienamente nella vita di tutti i giorni. Questo non solo è importante per alleggerire il sistema sanitario e rendere le persone più indipendenti possibile ma anche per lavorare sulla performance e sull’ottenimento della soddisfazione personale, che è una delle parti più importanti del processo di riabilitazione».

Ecco che così molto spesso «si sviluppa un rapporto di collaborazione – conclude Pezzola -. Diventiamo complici. Spesso si devono trovare delle strategie che non solo riguardano il paziente ma che coinvolgono i familiari perché la sinergia con i caregiver ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi non solo sul paziente, ma anche sulle famiglie e sull’ambiente che li circonda».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva
Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi