Professioni Sanitarie 28 Settembre 2021 11:33

Terapisti occupazionali delle cure palliative. Quaranta: «Aiutiamo i malati terminali a restare protagonisti attivi della propria vita»

La professionista sanitaria: «Sarà una specializzazione sempre più richiesta dopo l’approvazione della legge che vincola tutte le Regioni ad attuare le reti assistenziale di cure palliative»

di Isabella Faggiano

È probabile che se qualcuno avesse la possibilità di esprime un desiderio penserebbe a qualcosa di eclatante, ad un’esperienza mozzafiato. Ma, è altrettanto probabile, che se si trattasse di un ultimo desiderio e ad esprimerlo fosse una persona in fin di vita, allo stremo delle forze, potrebbe desiderare un semplice gesto quotidiano, da compiere ancora una volta, l’ultima appunto. Ed è proprio questo l’obiettivo dei terapisti occupazionali, impiegati nella rete di cure palliative: aiutare chi è in fin di vita ad essere ancora protagonista della propria esistenza.

Un lavoro in équipe

«È nostro compito – spiega Francesca Quaranta, terapista occupazionale – distogliere l’attenzione da quella sensazione di attesa, l’attesa di una fine inevitabile. C’è chi ha chiesto di preparare il pranzo per il proprio nipotino, proprio come faceva d’abitudine al suo rientro da scuola. Chi ha voluto scolpire il suo ultimo sottopentola in legno o tessere ancora un paio di orecchini all’uncinetto. In molti casi è stato possibile, in altri il tempo è trascorso troppo veloce».
Che lavori in un hospice o a domicilio, il terapista occupazionale opera all’interno di un’équipe specializzata, solitamente composta da: medico, psicologo, infermiere assistente sociale, fisioterapista. «Grazie al supporto di altre figure professionali – commenta Quaranta – stimoliamo la persona a compiere delle azioni, nei limiti consentiti dalla patologia di cui soffre, in grado di fargli trovare quella dignità che, tante volte, sembra aver perduto».

L’importanza della famiglia

Le persone care sono un supporto fondamentale. «È necessaria la collaborazione dei familiari che, spesso, tendono a sostituirsi ai loro cari, temendo che qualsiasi azione gli costi troppa fatica. Invece – dice la terapista occupazionale – è necessario che le parole “lo faccio io” siano sostituite da “possiamo farlo insieme” o che comunque si trovi un modo alternativo affinché il malato possa compiere un determinato gesto anche in autonomia».

In altre parole, il terapista occupazionale ri-abilita i malati terminali ad una o più azioni. «Anche se – sottolinea Quaranta – nell’ambito delle cure palliative il termine riabilitazione ha un’accezione un po’ diversa da quella comunemente intesa. Il terapista occupazionale di solito attua il progetto riabilitativo in un programma a lungo termine, mentre nelle cure palliative il tempo è sempre troppo poco. Cerchiamo di far sentire queste persone ancora attive, tirandole fuori da un’angosciante attesa passiva».

Una specializzazione in ascesa

Il binomio cure palliative-terapista occupazionale è ancora poco conosciuto, «ma – sottolinea la professionista sanitaria – sono certa che sarà sempre più diffuso anche alla luce dell’emendamento approvato nel mese di luglio che vincola le Regioni ad attuare le reti assistenziale di cure palliative. Saranno sempre di più i terapisti occupazionali che, inseriti nella rete di cure palliative, potranno riempire il tempo e soprattutto il cuore dei malati terminali, rendendo migliori gli ultimi giorni della loro vita».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...