Professioni Sanitarie 24 Maggio 2021 10:24

Giornata nazionale del terapista occupazionale, Aito: «La pandemia ha rafforzato l’identità professionale»

Il Segretario nazionale dell’Associazione Italiana dei Terapisti Occupazionali Barbara Lucia: «Attualmente in Italia i terapisti occupazionali sono 2.300, un numero insufficiente per rispondere al fabbisogno di salute e benessere dei cittadini. In molti stati europei, invece, questo professionista è considerato fondamentale nel team multidisciplinare riabilitativo»

di Isabella Faggiano

Era il 24 maggio di 24 anni fa quando, per la prima volta, fu pubblicato il profilo professionale del terapista occupazione in Gazzetta Ufficiale. Per questo, l’AITO (l’Associazione Italiana dei Terapisti Occupazionali), con l’art. 25 del suo statuto, ha deciso di istituire, in questa data, la Giornata nazionale del Terapista Occupazionale.

«La celebrazione del 2021 è dedicata al modo in cui la pandemia ha rafforzato l’identità professionale – spiega Barbara Lucia, Segretario nazionale Aito -. L’attuale emergenza sanitaria Covid-19, infatti, ha modificato le abitudini, riadattato le nostre vite personali e lavorative. In questo contesto anche il terapista occupazionale si è dovuto adattare, cambiando il setting di lavoro, utilizzando nuovi strumenti come videochiamate, telefonate. Grazie alla tele-riabilitazione il terapista occupazionale è riuscito a monitorare, supervisionare, valutare e gestire i pazienti a distanza, soprattutto nel rientro a domicilio».

Il trattamento del paziente Covid

Il terapista occupazionale ha un ruolo fondamentale nella fase riabilitativa di coloro che hanno contratto l’infezione da Covid-19. «Man mano che i sintomi respiratori di un paziente migliorano, questo viene inserito in un piano di riabilitazione funzionale multidisciplinare dove interagiscono varie figure, dal fisioterapista al logopedista. In particolare – aggiunge il Segretario Aito – il terapista occupazionale valuta i bisogni del paziente identificando gli obiettivi e interviene con un programma terapeutico volto all’insegnamento di tecniche di risparmio energetico, all’utilizzo di strategie compensative per svolgere le principali attività della vita quotidiana e addestrare il caregiver o il familiare a gestire il paziente Covid».

I terapisti occupazionali in Italia

Attualmente, in Italia, i terapisti occupazionali sono 2.300: «Un numero ancora insufficiente a rispondere al fabbisogno di salute e benessere dei cittadini – commenta il Segretari Aito -. A dimostrazione di ciò anche le parole del ministro Speranza che, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, ha scritto sui social che “sono ancora troppe le persone che nel nostro paese vivono delle limitazioni nello svolgere semplici azioni quotidiane”».

Ed è proprio sulla routine che lavora il terapista occupazionale. «Tra i suoi obiettivi ci sono il recupero delle autonomie, come fare la doccia, alzarsi dal letto, uso del telefono. Il recupero della partecipazione nella vita sociale e lavorativa, come preparare ed organizzare una valigia, rendere accessibili gli ambienti di lavoro», spiega Barbara Lucia. In che modo? «Utilizzando strategie motorie alternative – risponde la terapista occupazionale -, addestrando il paziente all’uso di tecnologie e ausili, adattando l’ambiente di vita, le attività e con l’utilizzo di training specifici».

Uno sguardo all’Europa

«In molti stati europei, la figura del terapista occupazionale è riconosciuta e considerata fondamentale nel team multidisciplinare riabilitativo, sulla base delle evidenze scientifiche raccolte in materia. Di conseguenza, ci auguriamo che presto anche l’Italia si adatti agli standard europei, incrementando l’ambito formativo  e  implementando i piani di fabbisogno del personale sanitario – dice la professionista -. Sono passati 24 anni dalla pubblicazione del profilo professionale del terapista occupazionale nella Gazzetta Ufficiale n.119/97 e in questi anni, dal 1977, è stato svolto molto lavoro da parte dell’AITO sulla valorizzazione e tutela della professione. Per questo – conclude -, ci auguriamo che con l’ingresso nell’elenco delle associazioni tecnico-scientifiche l’AITO possa  contribuire, in questa nuova veste, alla formazione e ricerca delle scienze occupazionali e nella stesura delle linee guida».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapisti occupazionali, Congresso 2022. Casa, scuola, tempo libero e lavoro: l’importanza degli “Ambienti di vita”
Il Modello Kawa, Parone (AITO): «La vita è un fiume: l’acqua è l’energia vitale dell’individuo, il letto del fiume è la sua rete sociale, le rocce sono i problemi e le sfide, i detriti sono i beni e le responsabilità. Gli spazi che si formano tra queste strutture rappresentano i punti di intervento della terapia occupazionale»
Terapisti Occupazionali e Disability Manager, Parone (AITO): «Insieme per abbattere le barriere nel mondo del lavoro»
Il presidente AITO: «Il Terapista Occupazionale ha un ruolo fondamentale nel rientro lavorativo della persona non solo dopo infortunio o patologia, ma anche dopo il Covid-19. Anche in Italia, seppur ancora limitatamente, stanno emergendo esempi in questo campo»
Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»
Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»
di Francesco Torre
Il 27 ottobre è la Giornata Mondiale della Terapia Occupazionale
Il tema di quest’anno è “Belong. Be you.” (“Partecipa. Sii te stesso”): un invito a riflettere sulla forza della diversità e dell’inclusione e su come occorre lavorare assieme per costruire spirito di comunità e resilienza.
Terapisti occupazionali delle cure palliative. Quaranta: «Aiutiamo i malati terminali a restare protagonisti attivi della propria vita»
La professionista sanitaria: «Sarà una specializzazione sempre più richiesta dopo l’approvazione della legge che vincola tutte le Regioni ad attuare le reti assistenziale di cure palliative»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola