Salute 19 Maggio 2021 17:54

Nutrizione clinica, un paziente oncologico su cinque muore per carenze alimentari

Dal corso di formazione di Nutrizione Medica – Unione Italiana Food emerge che il 75% dei pazienti neoplastici è malnutrito al momento della diagnosi

Nutrizione clinica, un paziente oncologico su cinque muore per carenze alimentari

In Italia, almeno il 15% dei pazienti è a rischio malnutrizione. In ospedale e nelle RSA, un paziente su tre risulta malnutrito o a rischio di malnutrizione. E non è finita qui. Un paziente oncologico su cinque muore per motivi legati alle carenze dell’alimentazione.

I dati emergono dalla due giorni del corso online di Formazione Professionale Continua (FPC) riservato ai giornalisti, promosso da Nutrizione Medica – Unione Italiana Food. Il percorso nasce per fornire una conoscenza più precisa e completa del mondo della nutrizione medica a chi si occupa di informazione.

La differenza tra Alimenti ai Fini Medici Speciali e integratori

Spesso, ad esempio, si fa confusione tra gli AFMS (Alimenti ai Fini Medici Speciali) e gli integratori. Sono, in realtà, molto diversi tra loro: «I primi sono prodotti normati dal Regolamento 609/13 e formulati per consentire al paziente con patologie o condizioni mediche che determinano una vulnerabilità nutrizionale, di soddisfare il loro fabbisogno nutritivo. Gli integratori, invece, sono costituiti da vitamine, minerali e altre sostanze, destinati alla popolazione generale e sana, da integrare in una dieta normale». A spiegare la differenza è Valeria Di Giorgi, Dirigente Farmacista della Direzione Generale per l’Igiene e la sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione (DGISAN) del Ministero della Salute. «A volte, gli AFMS – specifica la Di Giorgi – possono rappresentare l’unica fonte di nutrimento per le persone a cui sono destinati».

Di nutrizione clinica si parla in tutte le branche della medicina. La malnutrizione, infatti, è un annoso problema che spesso diventa una malattia nella malattia, in grado di compromettere gravemente lo stato di salute del paziente. In oncologia, acquisisce un significato clinico importante, arrivando addirittura a determinarne gli esiti clinici.

La qualità delle cure nutrizionali in oncologia in Italia è scarsa e disomogenea

«La malnutrizione – sottolinea Riccardo Caccialanza, Direttore UOC Dietetica e Nutrizione Clinica Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia – costituisce oggi un problema di salute pubblica spesso non diagnosticato e trattato. Si aggrava in ospedale a causa della scarsa consapevolezza del personale sanitario: non tutte le strutture attuano uno screening della malnutrizione all’ingresso e solo una piccola percentuale riceve un supporto nutrizionale».

«L’Accordo Stato-Regioni 224/CSR 14/12/2017 – prosegue il direttore Caccialanza – sui percorsi nutrizionali in oncologia impone alle Regioni e alle Aziende Sanitarie di garantire al malato di cancro la valutazione tempestiva dello stato di nutrizione e la corretta gestione della terapia di supporto, partendo dal counseling nutrizionale, fino all’utilizzo della nutrizione artificiale, per prevenire o trattare efficacemente la malnutrizione». Purtroppo, però, a quasi 3 anni dalla pubblicazione da parte del Ministero della Salute delle Linee di indirizzo, non sono ancora disponibili dati relativi all’effettiva implementazione dei percorsi nutrizionali per i pazienti oncologici nelle diverse Regioni. La qualità delle cure nutrizionali in oncologia in Italia – rileva il direttore nel suo intervento – rimane scarsa e disomogenea».

I numeri: il 40-80% dei pazienti oncologici presenta qualche disturbo nutrizionale

Nel percorso di cura delle patologie oncologiche, la nutrizione clinica ha una funzione fondamentale in tutte le fasi della malattia. Lo stato nutrizionale del paziente deve essere monitorato durante tutte le fasi del trattamento terapeutico. I numeri, infatti, parlano chiaro: «Il 40-80% dei pazienti oncologici presenta qualche disturbo nutrizionale: scarso appetito, ridotto introito calorico, perdita di peso. Il 75% dei pazienti neoplastici è malnutrito al momento della diagnosi – evidenzia Vito Lorusso, Direttore di Oncologia Medica dell’Istituto dei Tumori di Bari -. Il 20% dei pazienti tumorali si ritiene che muoia per malnutrizione e non per gli effetti diretti della neoplasia».

La Carta dei diritti del paziente oncologico

La Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO), l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e la Società Italiana di Nutrizione e Metabolismo (SINPE) hanno messo a punto la Carta dei diritti del paziente oncologico all’appropriato e tempestivo supporto nutrizionale. Un decalogo per spiegare ai malati oncologici e alle famiglie i corretti principi in tema di nutrizione.

«I malati di cancro continuano a morire di malnutrizione e non di cancro – conclude Laura Del Campo, Rappresentante di AIMAC, Associazione Italiana Malati di Cancro -. Gli oncologi devono avvalersi della collaborazione del nutrizionista clinico per una presa in carico globale del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»
L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è
Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio
di Federica Bosco
Gliomi, compreso il meccanismo di crescita grazie al moscerino della frutta
Una scoperta che porta la firma di Thomas Vaccari, ricercatore dell’Università di Milano, e che permetterà, con la medicina di precisione, di aumentare la sopravvivenza dei malati di uno dei tumori cerebrali più aggressivi
di Federica Bosco
Grazie ai tumoroidi hi-tech scoperte le proteine responsabili della formazione della maggior parte dei tumori
Lo studio di IFOM con l’università di Milano e Padova diretto dai professori Pagani e Piccolo ha permesso di identificare le proteine responsabili della crescita delle cellule tumorali. Prossimo obiettivo comprendere il meccanismo che le alimenta e studiare una cura farmacologica mirata
di Federica Bosco
Un algoritmo è in grado di prevedere le metastasi nel tumore al seno triplo negativo
Ricercatori dell’Università degli studi di Milano diretti dalla professoressa Caterina La Porta hanno messo a punto ARIADNE, una strategia innovativa basata sull’intelligenza artificiale
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM