Professioni Sanitarie 23 Marzo 2021 10:06

Terapisti occupazionali, Lodi Pasini (Aito): «In aumento i libero professionisti e le richieste d’intervento domiciliare»

Il vicepresidente Aito: «Non di rado il nostro intervento è uno dei pochi legami che consente alle persone di tenere un contatto con l’esterno, aiutandole a mantenere autonomia e socialità»

di Isabella Faggiano

Preparano familiari e caregiver ad accogliere i pazienti fragili al loro ritorno a casa, dopo un lungo periodo di ospedalizzazione a causa del Covid-19. Aiutano bambini, disabili ed anziani ad acquisire il livello massimo di autonomia consentito dalla loro condizione di salute. Sono queste alcune delle tante mansioni che coinvolgono il terapista occupazionale durante questo periodo di pandemia, soprattutto di coloro che operano in regime libero professionale. A farsi portavoce dei professionisti sanitari che non sono dipendenti in strutture pubbliche o private è Marco Lodi Pasini, terapista occupazionale libero professionista, vicepresidente Aito, l’Associazione italiana terapisti occupazionali.

Il terapista occupazionale a domicilio

«Durante questo periodo di emergenza si sono intensificati gli interventi domiciliari – racconta Lodi Pasini -. Sono stato contattato dai familiari di una signora che già avevo assistito prima che esplodesse la pandemia. Anche lei è stata colpita dal Covid-19 ed ha affrontato un lungo periodo di ospedalizzazione, così la sua famiglia mi ha chiesto di preparare ciascun componente del nucleo familiare al ritorno a casa della donna. Grazie al contributo di tutti la signora ha riconquistato, in breve tempo, il livello di autonomia raggiunto prima del ricovero, ricominciando a svolgere anche una sorta di mansione lavorativa casalinga». Dal primo lockdown dello scorso anno ad oggi, il terapista occupazionale è diventato anche un importante punto di riferimento per le persone isolate dalla pandemia: «Non di rado – continua Lodi Pasini – il nostro intervento rimane uno dei pochi legami che consente alla persona di tenere un contatto con l’esterno ed aiutarla a mantenere le proprie autonomie e socialità».

Un intervento multidisciplinare

Il terapista occupazionale libero professionista non si occupa solo di assistenza domiciliare: «Sempre più strutture richiedono la collaborazione della nostra figura in regime libero professionale, uno stimolo per me e per i miei colleghi ad approfondire le possibilità offerte da questa professione – sottolinea il vicepresidente Aito -. Un lavoro che ci mette in contatto con gli altri professionisti sanitari, dai fisioterapisti, agli educatori professionali, ai terapisti della neuropsicomotricità dell’età evolutiva, fino ai logopedisti. È frequente che siano proprio queste figure professionali a chiederci di valutare i loro pazienti nella vita quotidiana. Ad esempio, ho guidato un bambino di 5 anni, che già seguiva un percorso di riabilitazione di logopedia, verso alcune autonomie, come mangiare e vestirsi da solo. Per raggiungere questi obiettivi sono stato sia a casa sua, a contatto con i genitori, sia presso la scuola dell’infanzia frequentata dal bambino, affiancando le maestre. Così, anche questo bambino ha conquistato tutte quelle autonomie adatte alla sua età. Tra gli obiettivi più importanti di un terapista occupazionale – conclude Lodi Pasini – è rendere partecipi gli individui della propria vita quotidiana».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Biologi, il presidente D’Anna: «Ministero pronto a finanziare 2.500 sussidi per l’Alta formazione»
Colloquio a tutto campo con il presidente dell’Ordine dei Biologi Vincenzo D’Anna. Che sul riconoscimento della dirigenza sanitaria in alcuni enti pubblici spiega: «Oltre duemila biologi pronti a rivolgersi al giudice del lavoro se le pubbliche amministrazioni alle quali appartengono non si adegueranno alle leggi»
di Francesco Torre
Green pass e badanti, le FAQ del Governo. Cosa c’è da sapere
Come comportarsi con badanti conviventi senza Green pass o positive al Covid-19? Le risposte di Palazzo Chigi
Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»
L'ex ministra della Salute ha partecipato all'ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»
Estensione Green Pass, depressione, fine vita e commissione d’inchiesta su origine Sars-CoV-2 nella settimana in Parlamento
Attesa per l’esame in commissione Affari costituzionali del Senato del decreto legge che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro. A Montecitorio in discussione due mozioni: una per la cura delle cerebrolesioni e una per potenziare gli strumenti per la diagnosi e la cura della depressione
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?