Professioni Sanitarie 23 Marzo 2021 10:06

Terapisti occupazionali, Lodi Pasini (Aito): «In aumento i libero professionisti e le richieste d’intervento domiciliare»

Il vicepresidente Aito: «Non di rado il nostro intervento è uno dei pochi legami che consente alle persone di tenere un contatto con l’esterno, aiutandole a mantenere autonomia e socialità»

di Isabella Faggiano

Preparano familiari e caregiver ad accogliere i pazienti fragili al loro ritorno a casa, dopo un lungo periodo di ospedalizzazione a causa del Covid-19. Aiutano bambini, disabili ed anziani ad acquisire il livello massimo di autonomia consentito dalla loro condizione di salute. Sono queste alcune delle tante mansioni che coinvolgono il terapista occupazionale durante questo periodo di pandemia, soprattutto di coloro che operano in regime libero professionale. A farsi portavoce dei professionisti sanitari che non sono dipendenti in strutture pubbliche o private è Marco Lodi Pasini, terapista occupazionale libero professionista, vicepresidente Aito, l’Associazione italiana terapisti occupazionali.

Il terapista occupazionale a domicilio

«Durante questo periodo di emergenza si sono intensificati gli interventi domiciliari – racconta Lodi Pasini -. Sono stato contattato dai familiari di una signora che già avevo assistito prima che esplodesse la pandemia. Anche lei è stata colpita dal Covid-19 ed ha affrontato un lungo periodo di ospedalizzazione, così la sua famiglia mi ha chiesto di preparare ciascun componente del nucleo familiare al ritorno a casa della donna. Grazie al contributo di tutti la signora ha riconquistato, in breve tempo, il livello di autonomia raggiunto prima del ricovero, ricominciando a svolgere anche una sorta di mansione lavorativa casalinga». Dal primo lockdown dello scorso anno ad oggi, il terapista occupazionale è diventato anche un importante punto di riferimento per le persone isolate dalla pandemia: «Non di rado – continua Lodi Pasini – il nostro intervento rimane uno dei pochi legami che consente alla persona di tenere un contatto con l’esterno ed aiutarla a mantenere le proprie autonomie e socialità».

Un intervento multidisciplinare

Il terapista occupazionale libero professionista non si occupa solo di assistenza domiciliare: «Sempre più strutture richiedono la collaborazione della nostra figura in regime libero professionale, uno stimolo per me e per i miei colleghi ad approfondire le possibilità offerte da questa professione – sottolinea il vicepresidente Aito -. Un lavoro che ci mette in contatto con gli altri professionisti sanitari, dai fisioterapisti, agli educatori professionali, ai terapisti della neuropsicomotricità dell’età evolutiva, fino ai logopedisti. È frequente che siano proprio queste figure professionali a chiederci di valutare i loro pazienti nella vita quotidiana. Ad esempio, ho guidato un bambino di 5 anni, che già seguiva un percorso di riabilitazione di logopedia, verso alcune autonomie, come mangiare e vestirsi da solo. Per raggiungere questi obiettivi sono stato sia a casa sua, a contatto con i genitori, sia presso la scuola dell’infanzia frequentata dal bambino, affiancando le maestre. Così, anche questo bambino ha conquistato tutte quelle autonomie adatte alla sua età. Tra gli obiettivi più importanti di un terapista occupazionale – conclude Lodi Pasini – è rendere partecipi gli individui della propria vita quotidiana».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
TSRM a Congresso dal 23 al 25 settembre, le richieste di Galdieri (CdA)
Al Congresso si parlerà di PNRR e delle questioni irrisolte della professione. La presidente della Cda Carmela Galdieri commenta il rinnovo del contratto del comparto: «Bene sulla valorizzazione ma molte perplessità sulla parte economica». Poi chiede di rivedere l’iter formativo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi