Lavoro 22 Marzo 2021 16:27

Vaccini Covid, arrivano i rinforzi: nella campagna anche odontoiatri, pediatri e farmacie

Con l’approvazione del Dl Sostegni, rientrano tra i vaccinatori nuove categorie: infermieri e odontoiatri negli hub senza conflitto di interessi, i pediatri copriranno i caregiver. In farmacia nuovi spazi, ma Fnomceo chiede la presenza di un medico

Vaccini Covid, arrivano i rinforzi: nella campagna anche odontoiatri, pediatri e farmacie

Il generale Figliuolo ha chiesto nuovi vaccinatori contro Covid-19 e l’Italia ha risposto. Non solo il personale impiegato negli hub vaccinali e i medici di famiglia, coinvolti per le vaccinazioni sul territorio alle persone con difficoltà di spostamento: arrivano anche i rinforzi da infermieri, odontoiatri, pediatri e farmacie.

Vaccini anche in farmacia, 19mila locali

Con l’approvazione del Dl Sostegni, infatti, i farmacisti sono ufficialmente inclusi nelle forze previste per la campagna che dovrà raggiungere 500mila immunizzazioni al giorno entro fine aprile. Previsti dei requisiti minimi per i locali in cui avverranno le somministrazioni e la misure di sicurezza previste per gli assistiti.

Dai sindacati sono arrivate risposte positive ed entusiasmo nel prendere parte, com’era stato per la campagna di tamponi rapidi, all’operazione con 19mila farmacie e oltre 70mila professionisti. «Siamo pronti a definire un protocollo di carattere operativo per un’efficace campagna di vaccinazione in farmacia, forti anche della nostra esperienza positiva riportata con i test antigenici» ha dichiarato Marco Cossolo, presidente di Federfarma.

Non si tratta comunque di un’operazione nuova: negli Stati Uniti ad esempio è alle farmacie che sono state assegnate le vaccinazioni degli individui sani. In Europa, succede in Francia, Gran Bretagna e Irlanda.

Anelli (Fnomceo): «Serve supervisione medico per eventuali effetti collaterali»

I farmacisti dovranno seguire una formazione specifica, che rientrerà nel loro aggiornamento professionale continuo. Tuttavia, alcune proteste si sono sollevate da parte dei rappresentati dei medici, puntualizzando che il vaccino è un farmaco e come tale «deve essere somministrato, così come prevedono le agenzie regolatorie, solo previa prescrizione del medico, ossia dopo la valutazione anamnestica e clinica».

Sempre cioè «sotto la supervisione, in presenza, di un medico, che possa raccogliere il consenso informato, valutare lo stato di salute del paziente e gestire in maniera pronta eventuali effetti collaterali», ha puntualizzato il presidente Fnomceo, Filippo Anelli. Questo per adoperarsi il più in fretta possibile in caso di reazione allergica o di assistenza medica urgente. Si richiede perciò di fare un’attenta valutazione delle modalità di attuazione previste nel Dl Sostegni.

Odontoiatri negli hub vaccinali

Il Protocollo d’intesa tra governo, Regioni e categoria degli odontoiatri è stato invece firmato la scorsa settimana. In alcune province i dentisti sono già a lavoro per contribuire alla campagna vaccinale, caratterizzata dalla partecipazione volontaria e dal reclutamento gestito dalle Regioni stesse. Gli odontoiatri si inseriscono come componente aggiuntiva negli hub vaccinali, permettendo in questo modo di aumentare il personale a disposizione e di gestire con efficacia i turni di lavoro.

Caregiver, canale preferenziale dai pediatri

Sul ruolo dei pediatri nella campagna vaccinale è intervenuto il ministro della Salute Roberto Speranza, durante un convegno della Federazione italiana dei medici pediatri (FIMP). Secondo l’accordo stipulato, saranno loro a occuparsi della vaccinazione dei caregiver, che si occupano di bambini fragili e impossibilitati (per ora) a vaccinarsi. Grazie alla possibilità di essere presenti sul territorio e a quella di conoscere i propri pazienti e le loro necessità, sono sembrati la scelta più adatta per coprire questa fetta di popolazione.

Novità per gli infermieri: via all’ostacolo “incompatibilità”

La novità del Dl Sostegni per gli infermieri riguarda invece quella clausola di incompatibilità con altre attività che aveva portato al primo “bando vaccinatori” così poche candidature. Ora gli infermieri potranno somministrare il vaccino anche fuori dall’orario di servizio e contemporaneamente ad altre attività lavorative.

Ognuno è chiamato a svolgere la sua parte per accelerare la campagna vaccinale, che dopo lo stop ad AstraZeneca sta riprendendo i suoi ritmi. L’obbiettivo resta l’apertura generalizzata delle vaccinazioni alla popolazione generale entro l’estate. Si attende con ansia l’arrivo del siero Johnson&Johnson, monodose, che dovrebbe aumentare le somministrazioni, previsto per metà aprile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Remunerazione, servizi e formazione. Tobia (Federfarma): «Così sta cambiando la farmacia italiana»
Intervista al Segretario Nazionale di Federfarma: «Emergenza Covid ci ha segnato ma siamo stati esempio per il resto d’Europa»
Rinnovo CCNL: «Farmacisti collaboratori patrimonio fondamentale della farmacia italiana»
Raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto di lavoro dei farmacisti collaboratori tra Federfarma e le Organizzazioni sindacali dei dipendenti delle farmacie private
G20 Salute, approvato Patto di Roma. Impegno di tutti per vaccini ai Paesi più poveri
Il progetto COVAX non sta funzionando, o meglio non corre quanto il virus nella gara che il mondo intero affronta da oltre un anno
Scuola, appello ai pediatri: «Parlate a genitori e ragazzi, il vaccino è fondamentale per la didattica in presenza»
Di Mauro (SIPPS) punta sulla corretta informazione scientifica per fugare dubbi e paure. Barbi (FIASO): «I giovani chiedono di vaccinarsi, mentre i genitori temono effetti collaterali a lunga scadenza. È importante tranquillizzarli»
di Federica Bosco
L’appello dei pediatri: «Vaccino anti-Covid sia reso obbligatorio per gli studenti»
Il presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Giuseppe Di Mauro: «I vaccini sono sicuri, l'unico strumento di prevenzione primaria contro il Covid-19»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano