Lavoro 11 Gennaio 2021 08:54

Odontoiatri e vaccino anti-Covid, Iandolo (CAO): «Non vogliamo essere tagliati fuori»

Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri: «Si segua criterio di esposizione al rischio, non di inquadramento contrattuale». Sì ad arruolamento come vaccinatori “in strutture ad hoc”

Odontoiatri e vaccino anti-Covid, Iandolo (CAO): «Non vogliamo essere tagliati fuori»

Un coinvolgimento a pieno titolo, attivo e passivo, nella campagna vaccinale anti-Covid, sia come destinatari prioritari del vaccino in quanto operatori sanitari, sia come soggetti vaccinatori, in condizioni di sicurezza. Sono queste le istanze attuali degli odontoiatri italiani, portate avanti con forza dal presidente della Commissione Albo Odontoiatri, Raffaele Iandolo, intervistato sul tema ai nostri microfoni.

Presidente, come sta andando l’arruolamento al vaccino per la vostra categoria?

«A me sembra che la ratio che detta i tempi in cui debbano essere vaccinate le varie categorie sia chiara a tutti, meno che agli organi decisionali. Mi spiego: se la graduatoria va fatta, come è stato deciso, in base al livello di rischio di contagio patito, è evidente che noi dovremmo essere coinvolti in prima battuta, dal momento che lavoriamo a strettissimo contatto col paziente, con il nostro viso in prossimità della bocca di quest’ultimo. Ebbene, in molte regioni d’Italia i colleghi sono già stati chiamati a sottoporsi alla vaccinazione, in altre no. Mi piacerebbe che ci fosse uniformità in questo senso, una logica e una visione d’insieme. Ma sono certo che ci arriveremo».

Come mai, a suo parere, queste falle nell’organizzazione?

«Credo che nella programmazione della campagna vaccinale si sia incappati in un equivoco di fondo e cioè l’aver ragionato in termini di equivalenza tra operatori sanitari e dipendenti del Ssn; i liberi professionisti, come noi, e i medici convenzionati, non sono stati automaticamente considerati. Ma è evidente che il criterio non debba essere quello contrattuale bensì, ripeto, quello di esposizione al rischio».

Per quanto riguarda invece il vostro coinvolgimento attivo, vale a dire la possibilità che eseguiate i vaccini?

«Stiamo aspettando indicazioni in tal senso, ferma restando la nostra piena disponibilità su base volontaria. Ad oggi la somministrazione è appannaggio degli ospedali, ma quando la campagna andrà a regime ci sarà bisogno di tutte le forze in campo. Ad oggi, saremmo sicuramente in difficoltà ad organizzare le vaccinazioni presso i nostri studi, soprattutto per motivi logistici, ma potremmo ben prestare il nostro servizio in strutture pubbliche o convenzionate. Speriamo di ottenere presto anche questo risultato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»