Salute 10 Marzo 2021 12:00

Caregiver, operativo Fondo da 70 milioni di euro. Ora tocca alle Regioni inviare i progetti

Le regioni devono ora adottare specifici indirizzi integrati di programmazione e hanno 60 giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto per inviare il piano di massima delle attività da finanziare. La senatrice Guidolin (M5S): «È un segnale, sono fondi che arrivano direttamente nei territori e che ora devono essere spesi bene»

Caregiver, operativo Fondo da 70 milioni di euro. Ora tocca alle Regioni inviare i progetti

Non sarà la svolta attesa dal mondo delle famiglie e dei caregiver delle persone con gravi disabilità, ma in questi difficili tempi di pandemia, con i servizi territoriali spesso a singhiozzo, si tratta di fondi che possono segnare un’inversione di tendenza.

In attesa del Disegno di legge sul caregiver familiare all’attenzione della Commissione Lavoro del Senato, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto del 27 ottobre 2020 firmato dai Ministri per le Pari opportunità e la famiglia e del Lavoro e delle politiche sociali, contenente i “Criteri e modalità di utilizzo delle risorse del Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare per gli anni 2018-2019-2020”.

Quasi 70 milioni di euro per i caregiver

Si tratta di oltre 44 milioni di euro per il 2018-2019 e quasi 24 milioni per l’anno 2020 che dovranno essere spesi dalle regioni in interventi di sostegno e sollievo destinati ai caregiver di persone in condizione di disabilità gravissima così come definito dall’articolo 3 del decreto 26 settembre 2016 del Ministero del Lavoro. «Ora le Regioni hanno 60 giorni di tempo per fare richiesta e poi 45 giorni di tempo per l’erogazione – commenta a Sanità Informazione la senatrice M5S Barbara Guidolin, da sempre in prima linea sulle misure a sostegno dei caregiver -. Penso che sia un segnale in questo periodo turbolento, fondi che arrivano direttamente nei territori e che ora devono essere spesi bene».

Nella ripartizione Lombardia, Lazio e Campania fanno la parte del leone essendo le regioni più popolose. Le regioni devono ora adottare specifici indirizzi integrati di programmazione per gli interventi: hanno 60 giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto (avvenuta il 22 gennaio, quindi non c’è troppo tempo) per inviare il piano di massima delle attività da finanziare con cronoprogramma di attuazione e relativi costi. Il Dipartimento delle Politiche per la Famiglia della Presidenza del Consiglio provvede entro 45 giorni ad erogare i fondi a ciascuna regione e a monitorare la realizzazione degli interventi finanziati.

I progetti da finanziare

Ma quali progetti saranno finanziati? «Bisogna puntare all’adeguamento dei livelli essenziali delle prestazioni (LEP) e dei livelli essenziali di assistenza (LEA) – spiega la senatrice Guidolin -. E poi credo che bisogna guardare alle necessità della vita di tutti i giorni: penso ad interventi di sostegno che possano permettere a un caregiver di prendersi due o tre ore magari semplicemente per andare a fare la spesa. Ma penso anche al supporto psicologico».

La vera svolta però sarebbe l’approvazione del Disegno di legge che l’emergenza pandemica ha bloccato nei meandri del Senato e che, tra le altre cose, prevede il riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura e di assistenza svolta dal caregiver familiare «quale risorsa volontaria dei servizi socio-sanitari e sanitari locali di assistenza alla persona e di valorizzazione dell’assistenza domiciliare della persona».

«Ora che i lavori parlamentari stanno in qualche modo ripartendo il Ddl è la priorità da parte di tutte le forze politiche, confido che l’esame riprenda quanto prima», conclude la senatrice Guidolin.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Donne, Senior Italia FederAnziani: «Nonne, madri, caregiver. Sono loro che tengono in piedi il paese»
Il 71% dei caregiver familiari in Italia sono donne. Il 92,8% delle donne aiuta economicamente figli e nipoti. Sono le donne che tengono in piedi il paese, nonne, madri, caregiver. I dati elaborati dal Centro Studi di Senior Italia FederAnziani che restituiscono uno spaccato dell’universo femminile senior e caregiver
Famiglie degli mmg caduti senza ristori, i sindacati passano all’azione. Le iniziative
I sindacati dei medici indignati per la bocciatura del ristoro alle famiglie dei caduti a causa della pandemia. Molte le iniziative e si sta valutando uno sciopero i primi giorni di marzo
Emilia-Romagna al fianco dei caregiver, a disposizione oltre 5,3 milioni di euro dal Fondo nazionale
Sbloccato il finanziamento statale del triennio 2018-2020, la Giunta dà il via libera al “Programma regionale” per l’utilizzo e la ripartizione delle risorse tra tutte le Aziende sanitarie del territorio. Tra gli interventi finanziati, quelli di sollievo domiciliare, semi-residenziali, residenziali e di sostegno economico tramite gli assegni di cura
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi