Salute 10 Marzo 2021 12:00

Caregiver, operativo Fondo da 70 milioni di euro. Ora tocca alle Regioni inviare i progetti

Le regioni devono ora adottare specifici indirizzi integrati di programmazione e hanno 60 giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto per inviare il piano di massima delle attività da finanziare. La senatrice Guidolin (M5S): «È un segnale, sono fondi che arrivano direttamente nei territori e che ora devono essere spesi bene»

Caregiver, operativo Fondo da 70 milioni di euro. Ora tocca alle Regioni inviare i progetti

Non sarà la svolta attesa dal mondo delle famiglie e dei caregiver delle persone con gravi disabilità, ma in questi difficili tempi di pandemia, con i servizi territoriali spesso a singhiozzo, si tratta di fondi che possono segnare un’inversione di tendenza.

In attesa del Disegno di legge sul caregiver familiare all’attenzione della Commissione Lavoro del Senato, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto del 27 ottobre 2020 firmato dai Ministri per le Pari opportunità e la famiglia e del Lavoro e delle politiche sociali, contenente i “Criteri e modalità di utilizzo delle risorse del Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare per gli anni 2018-2019-2020”.

Quasi 70 milioni di euro per i caregiver

Si tratta di oltre 44 milioni di euro per il 2018-2019 e quasi 24 milioni per l’anno 2020 che dovranno essere spesi dalle regioni in interventi di sostegno e sollievo destinati ai caregiver di persone in condizione di disabilità gravissima così come definito dall’articolo 3 del decreto 26 settembre 2016 del Ministero del Lavoro. «Ora le Regioni hanno 60 giorni di tempo per fare richiesta e poi 45 giorni di tempo per l’erogazione – commenta a Sanità Informazione la senatrice M5S Barbara Guidolin, da sempre in prima linea sulle misure a sostegno dei caregiver -. Penso che sia un segnale in questo periodo turbolento, fondi che arrivano direttamente nei territori e che ora devono essere spesi bene».

Nella ripartizione Lombardia, Lazio e Campania fanno la parte del leone essendo le regioni più popolose. Le regioni devono ora adottare specifici indirizzi integrati di programmazione per gli interventi: hanno 60 giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto (avvenuta il 22 gennaio, quindi non c’è troppo tempo) per inviare il piano di massima delle attività da finanziare con cronoprogramma di attuazione e relativi costi. Il Dipartimento delle Politiche per la Famiglia della Presidenza del Consiglio provvede entro 45 giorni ad erogare i fondi a ciascuna regione e a monitorare la realizzazione degli interventi finanziati.

I progetti da finanziare

Ma quali progetti saranno finanziati? «Bisogna puntare all’adeguamento dei livelli essenziali delle prestazioni (LEP) e dei livelli essenziali di assistenza (LEA) – spiega la senatrice Guidolin -. E poi credo che bisogna guardare alle necessità della vita di tutti i giorni: penso ad interventi di sostegno che possano permettere a un caregiver di prendersi due o tre ore magari semplicemente per andare a fare la spesa. Ma penso anche al supporto psicologico».

La vera svolta però sarebbe l’approvazione del Disegno di legge che l’emergenza pandemica ha bloccato nei meandri del Senato e che, tra le altre cose, prevede il riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura e di assistenza svolta dal caregiver familiare «quale risorsa volontaria dei servizi socio-sanitari e sanitari locali di assistenza alla persona e di valorizzazione dell’assistenza domiciliare della persona».

«Ora che i lavori parlamentari stanno in qualche modo ripartendo il Ddl è la priorità da parte di tutte le forze politiche, confido che l’esame riprenda quanto prima», conclude la senatrice Guidolin.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
Vaccini, Paola Boldrini (Pd): «Regioni devono rispettare piano nazionale, governo monitori»
«Il piano vaccinale prevede una sequenza di categorie a partire dalle persone con elevata fragilità (secondo l'articolo 3 comma 3 della legge 104/92) e loro caregiver» ricorda la vice presidente della Commissione Sanità
Dl Sostegni, Matrisciano (Comm. Lavoro): «Dal decreto 100 milioni a Fondo inclusione disabili. Ora legge sui caregiver»
La presidente della commissione Lavoro di palazzo Madama, Susy Matrisciano, chiede «percorsi di inclusione sociale e di inserimento lavorativo e progetti mirati, anche nella Pubblica amministrazione»
Piano vaccinale, Esposito (WAidid): «Criteri discriminatori per alcune categorie di pazienti estremamente vulnerabili»
Sollevati alcuni «dubbi interpretativi» che «aumentano differenze tra Regioni. Esclusi molti disabili gravi e i loro caregivers»
Covid-19, Lorefice (M5S): «Positivo via libera governo a odg per vaccinare con priorità disabili e caregiver»
«Ringrazio il governo per aver compreso l’urgenza di intervenire su questa problematica che preoccupa moltissime famiglie e auspico che l’impegno si converta immediatamente in intervento concreto» spiega la Presidente della Commissione Affari Sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...