Professioni Sanitarie 14 Novembre 2022 15:31

Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali

Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»

Un laboratorio virtuale interattivo in cui il farmacista ospedaliero e territoriale, attraverso simulazioni pratiche, ha la possibilità di sperimentare con mano situazioni che possono vederlo protagonista nella quotidianità lavorativa. È questa l’ultima frontiera della formazione grazie alla diffusione della simulazione non solo in ambito medico, ma nel mondo sanitario tout court.

Una simulazione poliedrica per una professione variegata

«La figura del farmacista è poliedrica e, come tale, si occupa di molteplici aspetti che vanno dalla gestione del farmaco e del dispositivo medico, fino all’acquisizione degli aspetti clinici e terapeutici all’interno dei reparti ospedalieri. Ed è per questo che anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata – spiega Davide Zanon, coordinatore Area Galenica Clinica SIFO e farmacista dirigente IRCCS Burlo Garofolo di Trieste -. Acquisire competenze pratiche, come per esempio nell’ambito della ricerca clinica, per la predisposizione di capitolati di gara, nell’interazione con il paziente o nelle modalità di vestizione e svestizione, ora è più semplice proprio grazie all’utilizzo di situazioni virtuali, capaci di riprodurre fedelmente la realtà», aggiunge il farmacista.

La “clean room”

La centralità della simulazione in formazione è stata sottolineata anche durante il recente Congresso Nazionale SIFO, giunto alla XLIII edizione. «La “clean room” è un importante esempio di formazione simulata – continua Zanon -. Si tratta di una camera bianca sterile a tutti gli effetti, dove il farmacista ospedaliero può cimentarsi nella simulazione dell’intero percorso che è tenuto a seguire per poter accedere e lavorare all’interno della camera stessa, dalla vestizione alla disinfezione, dai movimenti ai controlli da fare. Altrettanto stimolante ed efficace è la simulazione in formazione per la preparazione di radiofarmaci e antidoti, ma anche per imparare a gestire situazioni di emergenza come ad esempio di fronte ad un caso di avvelenamento, ma anche situazioni emergenziali globali, dalle pandemie alle alluvioni, ai terremoti, fino all’immigrazione».

Le mansioni burocratiche del farmacista

Ma la formazione simulata non è utile solo per apprendere nuove nozioni o per aggiornarsi sulle ultime novità. «È anche una palestra in cui il farmacista può “allenarsi” – aggiunge il coordinatore Area Galenica Clinica SIFO -. Non sempre la pratica professionale quotidiana ci permette di ricoprire tutti quei ruoli e quelle mansioni per cui ci siamo preparati durante gli anni del corso di laurea. Pensiamo ad esempio alla gestione di pratiche di natura burocratica: all’università se ne acquisiscono le nozioni, ma non è detto che tutti i farmacisti, poi, le utilizzino nel corso della loro vita professionale. E la formazione in simulazione può essere utile anche a colmare queste lacune esperienziali, ponendo il farmacista dinanzi ad alla gestione ed alla stesura (virtuali) di un capitolato di gara di dispositivi medici, in cui è necessario fare valutazioni sia cliniche sia economiche».

Simulare la buona comunicazione

La simulazione può essere utile anche a perfezionare le doti comunicative, poiché anche il farmacista con la migliore preparazione accademica e professionale può avere difficoltà relazionali. «Non si tratta solo di acquisire una buona capacità comunicativa verso il paziente, ma anche nei confronti dei colleghi farmacisti o, più in generale – conclude Zanon -, di tutti i professionisti della salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ordine TSRM PSTRP Roma, gli obiettivi della Lista “Sinergia”
Al centro del progetto «una rappresentanza politica delle professioni sul territorio, tale da costituire una presenza attiva e costante in tutti i contesti comunali». Le elezioni si svolgeranno il 16, 17, 18 e 19 dicembre
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test
Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»
Corsa delle Professioni Sanitarie 2022: la salute corre per Unicef
In più di 100 al Parco di Monza per l’evento organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio. Il Presidente dell’Ordine Diego Catania: «Siamo la forza del SSN, ora ci presentiamo alla cittadinanza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...