Politica 21 Luglio 2014

Patto per la Salute tra accordi e disaccordi, al via il confronto delle idee

Sul testo varato da Ministero e Regioni la parola ai Giovani Medici e agli Infermieri

Immagine articolo

Con il Patto per la Salute approvato in via definitiva la sanità italiana è chiamata a fare i conti con le novità previste nel testo per potersi, se necessario, riorganizzare.

Moltissime le reazioni al documento da parte degli addetti ai lavori. Da ultime quelle di SIGM e Nursind, profondamente diverse l’una dall’altra.

I Giovani Medici appaiono infatti abbastanza soddisfatti per il risultato ottenuto da Ministero e Regioni: “Riteniamo che il Patto per la Salute – spiega in una nota il Segretariato Italiano Giovani Medici – contenga le premesse per un possibile cambio di rotta in tema di valorizzazione del capitale umano della sanità, a cominciare dalle giovani generazioni di professionisti”. In particolare, è l’articolo 22 del testo, denominato “Gestione e sviluppo delle risorse umane”, a riscuotere consensi per l’applicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri cosiddetto “salvaprecari” e per le modifiche nei meccanismi di assunzione del personale sanitario anche per le regioni che si trovano alle prese con il piano di rientro dal debito.

Ma se ottimisti e tutto sommato contenti appaiono i Giovani Medici, un po’ meno lo sono gli infermieri. Il timore, per il Sindacato delle Professioni Infermieristiche, è che ci si debba accontentare di “una pacca sulla spalla” e di un Patto che non prevede oneri per le casse pubbliche, per cui tutto rischia di ricadere sulle spalle dei lavoratori. In aggiunta, altre perplessità vengono espresse nei confronti della natura non definitiva del testo approvato, in quanto lo stesso contiene, in molte parti, rimandi ad accordi da definirsi entro la fine di questo anno. Si tratterebbe, dunque, della “cornice di un quadro di cui non conosciamo ancora il disegno”.

Articoli correlati
Carni suine italiane: via libera per l’esportazione in Cina
Le autorità cinesi hanno, infatti, concesso, per la prima volta, l’abilitazione di una lista di stabilimenti italiani senza che questi fossero ispezionati direttamente e specificatamente da personale ufficiale cinese, salvo successive verifiche
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
I giovani medici italiani “invecchiano” senza FaceApp. Consulcesi «Ogni anno in mille costretti alla fuga»
Il Presidente Massimo Tortorella: «La tentazione di andare a lavorare in Francia, Germania o Gran Bretagna, dove vengono offerti contratti migliori e carriere più rapide, è forte per tutti i nostri aspiranti specialisti: in Italia ci sono primari under 40? All’estero è la normalità»
Ricerca finalizzata 2018, approvata la graduatoria per il finanziamento dei programmi: oltre 6 milioni di euro ai vincitori
Il Comitato Tecnico Sanitario ha approvato nell’ambito del Bando per la ricerca finalizzata la graduatoria finale e l’attribuzione del finanziamento ministeriale ai programmi di rete collocatisi in posizione utile, per una somma complessiva di € 6.172.633 a cui si aggiunge il co-finanziamento delle Istituzioni finanziatrici. LEGGI IL BANDO DELLA RICERCA FINALIZZATA ANNO 2018 Studi altamente […]
Def 2019, Bonaccini: «A rischio il fondo sanitario». Grillo replica: «Pronta a farmi saltare in aria se lo toccano»
Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini si dice «preoccupato per il Def. Il Paese entra in una recessione praticamente tecnica, con crescita pari a zero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone