Politica 21 luglio 2014

Patto per la Salute tra accordi e disaccordi, al via il confronto delle idee

Sul testo varato da Ministero e Regioni la parola ai Giovani Medici e agli Infermieri

Immagine articolo

Con il Patto per la Salute approvato in via definitiva la sanità italiana è chiamata a fare i conti con le novità previste nel testo per potersi, se necessario, riorganizzare.

Moltissime le reazioni al documento da parte degli addetti ai lavori. Da ultime quelle di SIGM e Nursind, profondamente diverse l’una dall’altra.

I Giovani Medici appaiono infatti abbastanza soddisfatti per il risultato ottenuto da Ministero e Regioni: “Riteniamo che il Patto per la Salute – spiega in una nota il Segretariato Italiano Giovani Medici – contenga le premesse per un possibile cambio di rotta in tema di valorizzazione del capitale umano della sanità, a cominciare dalle giovani generazioni di professionisti”. In particolare, è l’articolo 22 del testo, denominato “Gestione e sviluppo delle risorse umane”, a riscuotere consensi per l’applicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri cosiddetto “salvaprecari” e per le modifiche nei meccanismi di assunzione del personale sanitario anche per le regioni che si trovano alle prese con il piano di rientro dal debito.

Ma se ottimisti e tutto sommato contenti appaiono i Giovani Medici, un po’ meno lo sono gli infermieri. Il timore, per il Sindacato delle Professioni Infermieristiche, è che ci si debba accontentare di “una pacca sulla spalla” e di un Patto che non prevede oneri per le casse pubbliche, per cui tutto rischia di ricadere sulle spalle dei lavoratori. In aggiunta, altre perplessità vengono espresse nei confronti della natura non definitiva del testo approvato, in quanto lo stesso contiene, in molte parti, rimandi ad accordi da definirsi entro la fine di questo anno. Si tratterebbe, dunque, della “cornice di un quadro di cui non conosciamo ancora il disegno”.

Articoli correlati
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
Caldo, allerta del Ministero della Salute: da domani ondata di calore estesa in tutta Italia
I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per domani e dopodomani con livelli 2-3 nella maggior parte delle città italiane e si prolungheranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...