Politica 10 Gennaio 2019

Maxi Ordine professioni sanitarie, Laila Perciballi (Movimento Consumatori): «Strumento fondamentale per combattere abusivismo»

L’avvocato, volto noto in tv, sottolinea le potenzialità della legge Lorenzin: «Finalmente cittadini sanno come poter riconoscere un professionista». Sulle liste di attesa: «Sono migliaia le lamentele che arrivano ai nostri call center. Lesi principi costituzionali»

Immagine articolo

«Una svolta epocale per pazienti e consumatori». Laila Perciballi, avvocato da anni in prima linea in difesa dei consumatori, definisce con queste parole la creazione del nuovo maxi Ordine delle professioni sanitarie. Uno strumento, quello introdotto dalla legge 3 del 2018, che sarà fondamentale per riconoscere chi esercita la professione (sono tante, ben 22 professioni e 17 Albi) in modo abusivo. «È l’occasione per una maggiore alleanza tra le associazioni dei consumatori e gli esercenti le professioni sanitarie per creare un codice deontologico comune per combattere l’abusivismo e per far crescere la sanità nella maniera più opportuna, cioè quella in conformità alla tutela della salute prevista dalla nostra Costituzione», spiega Perciballi a Sanità Informazione a margine di un incontro organizzato dalla Simedet, Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica. Perciballi è un volto noto al grande pubblico: come referente del Movimento Consumatori è spesso in tv in trasmissioni come “Uno Mattina”, “La vita in Diretta” o “Di Martedì”, referente del Movimento Consumatori. Una veste che l’ha vista spesso confrontarsi anche con un problema ormai antico della sanità italiana, quello delle liste di attesa: «Sono centinaia, forse migliaia le lamentele che arrivano ai call center del movimento consumatori per denunciare queste lunghe liste di attesa. Ci attendiamo che il legislatore passi dalle parole ai fatti».

Avvocato, la legge Lorenzin ha introdotto un nuovo Ordine che racchiude ben 19 professioni sanitarie. Un vantaggio per utenti e pazienti e un modo per valorizzare e riconoscere nuove professioni…

«La legge Lorenzin è decisamente una svolta epocale per quanto riguarda il rapporto medico – paziente. Abbiamo 22 professioni e riconosciuti 17 albi professionali, maggiore trasparenza nei confronti delle professioni, maggiore informazione dei confronti degli utenti-pazienti, finalmente i cittadini sanno come riconoscere un professionista, ci sono degli albi con gli elenchi degli iscritti. Coloro che non sono iscritti negli albi professionali non sono esercenti le professioni sanitarie e quindi sono degli abusivi. In questo modo il cittadino ha uno strumento in mano per poter sapere a chi si rivolge, che tipo di professione sanitaria sta svolgendo, che tipo di rapporto e laddove c’è una mancanza può fare un esposto all’Ordine professionale che si deve attivare per verificare i comportamenti del professionista che è stato segnalato e quindi attivarsi con le sanzioni previste dall’ordine. È l’occasione per una maggiore alleanza tra le associazioni dei consumatori e gli esercenti le professioni sanitarie per creare un codice deontologico comune per combattere l’abusivismo e per far crescere la sanità nella maniera più opportuna, cioè quella in conformità alla tutela della salute prevista dalla nostra costituzione».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, BEUX (TSRM E PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSÌ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

Prima della legge Lorenzin ci sono stati molti casi di esercizio abusivo? lei ne ha riscontrato qualcuno?

«Erano tantissimi i casi di esercizio abusivo della professione, c’era poca possibilità da parte dell’utente di saper riconoscere l’esercente legittimo della professione sanitaria in maniera legittima. Con l’istituzione degli albi professionale questo è possibile, gli elenchi devono essere pubblici e pubblicati sui siti, quindi il cittadino può verificare direttamente attraverso il sito internet se il professionista a cui si sta rivolgendo è un esercente la professione sanitaria in maniera legittima oppure è un abusivo, in questo caso può segnalarlo. Inoltre oggi c’è una maggiore trasparenza, una relazione medico-paziente veramente basata su un rapporto di fiducia e di alleanza grazie al decreto Lorenzin e alla legge Gelli-Bianco che riconosce anche il momento dell’informazione come un momento del trattamento terapeutico: la relazione è importante sin dall’inizio del rapporto, quindi l’informazione sulla malattia, sulle cure e un consenso che sia realmente informato. Tutto questo è previsto da queste riforme che consentono di dar luogo a una svolta nel Sistema sanitario e riconoscere il paziente al centro del sistema».

Un altro tema caro alle associazioni dei consumatori è quello delle liste di attesa che a volte mettono a rischio il diritto alla salute. Da questo punto di vista qual è la situazione in Italia?

«Sono centinaia, forse migliaia le lamentele che arrivano ai call center del movimento consumatori per denunciare queste lunghe liste di attesa che costringono spesso i cittadini a rivolgersi al privato perché non riescono ad accedere al pubblico. Tutto questo lede il diritto alla salute, in violazione dei principi costituzionali: il diritto alla salute sia come interesse individuale, sia come interesse della collettività. Va assolutamente messa al riparo questa situazione. Ci aspettiamo che gli annunci che sono stati fatti dal legislatore non siano soltanto annunci ma siano seguiti da fatti concreti e che le liste di attesa non siano più tali ma ci sia una effettiva risposta alle domande dei cittadini».

Articoli correlati
Responsabilità sanitaria, Fnopo: «Giornata storica la firma dell’Accordo con il Consiglio Superiore Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense»
«La firma dell’accordo con il CSM e il CNF è un risultato che potremmo definire quasi storico – commentano i vertici FNOPO - . Sono stati mesi di confronto attento e incessante che ha avuto sempre un solo obiettivo: garantire al sistema giudiziario, ai professionisti coinvolti in contenziosi e ai cittadini che reputano di aver subìto un danno, la migliore assistenza di qualità e imparzialità»
“Diritti in Movimento”, giuristi e operatori socio-sanitari mettono al centro la tutela dei più fragili. Cendon: «Presenteremo ddl su riforma TSO e ‘patto di rifioritura’»
L’associazione apartitica è nata l’estate scorsa su iniziativa del professore di Diritto Privato dell’Università di Trieste. Laila Perciballi (Movimento Consumatori e membro di Diritti in Movimento ): «Serve informare i cittadini dei loro diritti ed, ove possibile, realizzare un intesa tra tutte le associazioni che si occupano delle persone fragili». Anche il Presidente della Simedet Fernando Capuano manifesta il suo impegno nel progetto
Sociologi della salute, Toniolo (Siss): «Legge Lorenzin ci ha riconosciuti come professionisti socio-sanitari, ma non abbiamo né Ordine, né Collegio»
«Analizzare i bisogni di salute e progettare le migliori soluzioni per soddisfarli». Il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute descrive i principali compiti del sociologo della salute e le nuove sfide professionali, tra pubblico e privato
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
Sanità Digitale, al Careggi di Firenze evento sulla prevenzione del rischio clinico. Capuano (SIMEDET): «Investire su competenze digitali di operatori e pazienti»
Il corso promosso dall’Associazione Scientifica per la Sanità digitale e dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica. Tra i relatori Federico Gelli (Federsanità ANCI) e Massimo Casciello, Direttore Generale della Vigilanza sugli Enti e della Sicurezza delle cure del Ministero della Salute Massimo Casciello. «Dall’analisi dei dati raccolti nelle diverse survey sulle competenze digitali in Sanità realizzate dall’ASSD – segnala Gregorio Cosentino, Presidente ASSD - emerge la sempre più diffusa consapevolezza che vadano sviluppate le competenze digitali per favorire la diffusione della Sanità Digitale, per rendere più efficace ed efficiente la Sanità italiana»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...