Politica 10 Luglio 2018

Legge Gelli-Bianco, l’avvocato Hazan: «Decreti attuativi? Come aspettare Godot… La politica dia certezze ai professionisti»

«Le varie parti, la politica, le strutture, il mercato stesso, devono dialogare perché così già prima dell’emanazione dei decreti assicurativi il professionista sanitario abbia chiaro come agire» così Maurizio Hazan, avvocato esperto in diritto assicurativo e responsabilità sanitaria sulla legge 24/2017

Immagine articolo

«Aspettando Godot». Così l’avvocato Maurizio Hazan, esperto in diritto assicurativo e responsabilità sanitaria, definisce l’attesa per i decreti attuativi della Legge Gelli-Bianco. «Si dice – prosegue – che siano sostanzialmente pronti. Solo due i punti dubbi su cui ancora non c’è piena unità d’intenti: eccezioni opponibili e modalità di gestione dell’auto-ritenzione».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI-BIANCO, MAGI (OMCEO ROMA): «CAPITOLO ASSICURAZIONI? CAMBIA TUTTO DA MEDICO A MEDICO»

«I nuovi transiti politici ci dicono che è necessaria un’ulteriore riflessione per capire se effettivamente le conclusioni a cui si era giunti possono essere confermate e quindi se i testi possono essere licenziati», spiega Hazan, che sottolinea l’importanza di limare i dubbi di applicazione della legge 24/2017 che allo stato attuale si può definire «una norma zoppicante che necessita di essere completata».

Effettivamente le incertezze rispetto all’aspetto procedurale della legge ruotano intorno ai massimali assicurativi, alle eccezioni opponibili, alla definizione stessa di sinistro, «tutti argomenti – commenta l’avvocato – che se chiariti, daranno qualche certezza in più. Tuttavia va detto che è anche il mercato che dovrà attrezzarsi per completare la possibile operatività delle norme, non aspettiamoci che risolvano tutti i dubbi perché per ragioni di opportunità il Ministero, che è chiamato ad una regolamentazione di secondo tipo e quindi una profilazione di dettaglio, non vuole prendere delle decisioni che possono essere discutibili dal punto di vista interpretativo. Per questo sarà importante che le varie parti che formano il mercato (le strutture, i professionisti etc.) parlino fra loro e risolvano problematiche».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, GELLI: «LA LEGGE 24/17 HA COSTRUITO UN PONTE TRA DIRITTO E SANITÀ»

Nello specifico per il professionista sanitario «il suggerimento – sottolinea – è che non rinunci a quello che la sua professione prevede ma allo stesso tempo capisca che le proposte assicurative, in questo momento storico, devono essere collocate con serietà e competenza. Nessun buco di copertura e se si tratta di professionisti sanitari dipendenti ci deve essere una polizza garantita dalla struttura».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
Responsabilità medica, Federico Gelli: «In alcune regioni c’è già deflazione del contenzioso. Entro quattro mesi ultimi decreti»
«Abbiamo ricevuto il testo dal Mise finalmente dopo circa un anno», spiega Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute e padre della legge 24 del 2017. Sul contenzioso medico-paziente «puntare sul Garante del diritto alla Salute»
Corruzione in sanità, Macchia (ISPE): «Eccessiva vicinanza della politica è problema europeo»
A Roma l’incontro “L’Integrità nella Sanità che cambia: responsabilità, assicurazioni e nomine” in cui si è discusso di come contrastare la corruzione nel mondo della Sanità
Legge Gelli-Bianco, Magi (OMCeO Roma): «Capitolo assicurazioni? Cambia tutto da medico a medico»
«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista, facciamo chiarezza» così il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma
I progetti che rendono le cure più sicure: al via la terza edizione del premio Sham
Al via la terza edizione del Premio Sham-Federsanità ANCI, il concorso annuale che premia e fa conoscere i progetti messi in pratica dalle Aziende sanitarie locali per la prevenzione e la gestione del rischio. Per iscriversi, c’è tempo fino al 30 settembre 2018. Nel 2017, per la seconda edizione del Premio, sono state 11 le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano