Lavoro 3 luglio 2018

Legge Gelli-Bianco, Magi (OMCeO Roma): «Capitolo assicurazioni? Cambia tutto da medico a medico»

«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista, facciamo chiarezza» così il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma

Immagine articolo

La parte più controversa della Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità professionale degli esercenti la professione sanitaria è quella relativa alle implicazioni assicurative. Controversa perché allo stato attuale non sono ancora stati emanati i decreti attuativi utili a sciogliere le riserve rispetto a questo aspetto della normativa. Proprio per fare chiarezza in questo campo e non solo, dal 2 al 5 luglio è in programma a Roma presso l’Università la Sapienza un convegno, di respiro internazionale, che affronterà in un’ottica multidisciplinare gli aspetti della medicina legale e della patologie forense toccando approfonditamente gli aspetti relativi alle novità introdotte dalla legge Gelli (LEGGI IL PROGRAMMA).

Intanto per chiarire alcuni aspetti, soprattutto sul fronte assicurativo, abbiamo interpellato Antonio Magi, Presidente OMCeO di Roma che ci spiega quali sono e quali saranno i risvolti che la legge determinerà per la professione sanitaria.

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE E FORMAZIONE ECM: MEDICI NON AGGIORNATI A RISCHIO NEI CONTENZIOSI (E PAGANO ASSICURAZIONI PIÙ SALATE)

Dal punto di vista assicurativo quali le linee guida per il medico?

«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista. Se un medico lavora in libera professione allora dovrà avere una copertura assicurativa completa sia per colpa grave che per colpa lieve e anche per tutto quello che riguarda la responsabilità civile e penale e la tutela legale».

Per il medico dipendente e non libero professionista?

«Per quanto riguarda chi opera in strutture private o pubbliche e non è libero professionista, cambia il rapporto che diventa extra contrattuale. Per quanto riguarda il personale del Servizio Sanitario Nazionale basta avere l’assicurazione di colpa grave con diritto di rivalsa, cioè l’azienda paga nel momento in cui il paziente chiedesse di essere risarcito, e paga il danno con soldi pubblici. Queste sono le indicazioni assicurative necessarie per operare in maniera corretta e stare tranquilli quando uno fa l’attività professionale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Emergenza rifiuti a Roma, lettera di Magi a Raggi, Costa e Grillo: «C’è rischio per la salute pubblica. Pronti a fare nostra parte»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale: «Segnalazioni sempre più frequenti. Nostro obiettivo è tutelare la popolazione facendo sì, insieme ad altri organi preposti, che venga garantito e difeso il suo diritto alla salute»
Errori medici, OMCeO Roma: «No a deriva affaristica»
«È inaccettabile che si speculi sulla possibilità  di errori dei medici». È netta la presa di posizione dei vertici dell’OMCeO di Roma e provincia in merito all’azienda privata nata per gestire le vertenze. «La strada maestra per governare il fenomeno dell’errore medico non è quella di trasformare tutto in un business milionario dei risarcimenti – dichiarano il presidente […]
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
“Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive”. L’evento formativo a Roma
Il 24 gennaio 2019, dalle ore 10 alle ore 15,30, l’Aula Europa della Corte D’Appello di Roma ospiterà il convegno formativo “Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive” organizzato dall’UIF (Unione Italiana Forense) e dall’OMCeO Roma (Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) con il contributo del Centro Ortopedico Romano. Il programma dell’evento […]
Carenza medici, i direttori dei Ps del Lazio lanciano l’allarme: «Servizi rischiano tracollo». Magi (OMCeO Roma): «Rendere attrattiva specialità»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale annuncia che chiederà un tavolo in regione per far sì che le risorse umane in organico non siano basate solo sul numero degli accessi ma anche sulle reali attività svolte. Pugliese (Pertini): «Età media è 54 anni, ma qui si fanno tanti turni di notte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano