Lavoro 3 Luglio 2018

Legge Gelli-Bianco, Magi (OMCeO Roma): «Capitolo assicurazioni? Cambia tutto da medico a medico»

«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista, facciamo chiarezza» così il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma

Immagine articolo

La parte più controversa della Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità professionale degli esercenti la professione sanitaria è quella relativa alle implicazioni assicurative. Controversa perché allo stato attuale non sono ancora stati emanati i decreti attuativi utili a sciogliere le riserve rispetto a questo aspetto della normativa. Proprio per fare chiarezza in questo campo e non solo, dal 2 al 5 luglio è in programma a Roma presso l’Università la Sapienza un convegno, di respiro internazionale, che affronterà in un’ottica multidisciplinare gli aspetti della medicina legale e della patologie forense toccando approfonditamente gli aspetti relativi alle novità introdotte dalla legge Gelli (LEGGI IL PROGRAMMA).

Intanto per chiarire alcuni aspetti, soprattutto sul fronte assicurativo, abbiamo interpellato Antonio Magi, Presidente OMCeO di Roma che ci spiega quali sono e quali saranno i risvolti che la legge determinerà per la professione sanitaria.

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE E FORMAZIONE ECM: MEDICI NON AGGIORNATI A RISCHIO NEI CONTENZIOSI (E PAGANO ASSICURAZIONI PIÙ SALATE)

Dal punto di vista assicurativo quali le linee guida per il medico?

«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista. Se un medico lavora in libera professione allora dovrà avere una copertura assicurativa completa sia per colpa grave che per colpa lieve e anche per tutto quello che riguarda la responsabilità civile e penale e la tutela legale».

Per il medico dipendente e non libero professionista?

«Per quanto riguarda chi opera in strutture private o pubbliche e non è libero professionista, cambia il rapporto che diventa extra contrattuale. Per quanto riguarda il personale del Servizio Sanitario Nazionale basta avere l’assicurazione di colpa grave con diritto di rivalsa, cioè l’azienda paga nel momento in cui il paziente chiedesse di essere risarcito, e paga il danno con soldi pubblici. Queste sono le indicazioni assicurative necessarie per operare in maniera corretta e stare tranquilli quando uno fa l’attività professionale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, Walter Ricciardi nominato presidente del comitato scientifico della Fondazione Italia in Salute
Il presidente Gelli “Oggi serve il contributo di tutti per risolvere problemi Sistema Sanitario. Il 12 aprile la Fondazione farà il bilancio a due anni dalla Legge sulla responsabilità professionale
Contenziosi, Magi (OMCeO Roma): «Bisogna eliminare cause in tribunale e arrivare a mediazione tra medici e pazienti»
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute e parla dello sportello che ha istituito per dare supporto sia ai medici che ai cittadini: «Così aiutiamo i camici bianchi che vengono denunciati e spieghiamo ai pazienti che ritengono di aver subito un danno se ci sono le condizioni per chiedere un risarcimento»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
Tribunale della Salute, Antonio Magi (OMCeO Roma): «Sostengo la petizione. Medicina difensiva costa 10 miliardi l’anno»
Il Presidente dell’Ordine del Medici di Roma rilancia l’iniziativa dello sportello: «Uno strumento di supporto gratuito per i cittadini che credono di essere stati vittima di un errore medico ma anche un supporto per i medici accusati ingiustamente». Poi attacca lo spot contro i medici: «Nasconde qualcosa»
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...